Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Il maestro Antonio Iantorno e la sua Milano “tanguera”

Il maestro Antonio Iantorno e la sua Milano “tanguera”

Antonio Iantorno

Poche danze raggiungono un livello di comunicazione così intenso tra i corpi: l’emozione, l’energia, la respirazione, sono peculiarità del Tango. Il maestro Antonio Iantorno ha fatto della danza popolare sudamericana, grazie alle principali tecniche apprese a livello internazionale ed in coppia con la bravissima Anna Parker, lo scopo della sua vita. Apre i primi corsi di tango a Milano già alla fine degli anni novanta. Milano è la capitale della moda, degli affari e, a sentire il maestro, la capitale del Tango argentino.

 

Il Tango è un ballo affascinante, come ci si appassiona a questa danza?

Nel mio caso la passione è nata semplicemente guardando il film Gilda con R.Hayworth che balla il tango. È anche la voglia di qualcosa di emotivo e passionale.

Parlami delle tue esperienze di ballerino di Tango

Ho iniziato con un corso principianti ed ho proseguito specializzandomi nei festival in giro per l’Europa confrontandomi con altre realtà.

Vivi e insegni Tango a Milano, una città molto tanghera.

Sì molto tanguera. Attualmente ci sono tantissime milonghe e scuole dove imparare a ballare. Però è giusto dire che la prima città dove è incominciato questo genere latinoamericano di danza è stata Torino.

E nel resto della Lombardia?

Fino a qualche anno fa c’era davvero poco, oggi la realtà è migliorata e sono molte le località in Lombardia dove dedicarsi a questa danza.

Cosa pensi dei ballerini professionisti italiani di Tango?

Abbiamo un livello più alto degli altri Paesi anche se tendiamo a metterci un po’ troppo in mostra, ma è una caratteristica italiana. A Milano la situazione rispecchia quella del nostro Paese.

Il Tango è una musica molto malinconica.

Ai miei allievi dico di trasmettere emozione alla propria ballerina, lasciando scoperta la propria sensibilità perché è quella che facilita l’interpretazione musicale.

Nella danza di coppia “dama” e “cavaliere” devono essere una sola persona mentre danzano. Nel Tango il contatto corporeo è vitale, perché?

Per il semplice fatto che è impossibile trasmettere tutta l’emozione solo con lo sguardo. Il tango per me è trasmissione di emozione e di amore per cui il contatto è imprescindibile!

Tecniche coreutiche. Cosa proponi?

La tecnica è fondamentale, insisto molto su questo tasto. Propongo la tecnica del “guidare-seguire” per far sì che due persone ballino come fossero una sola cosa. Questo è il top del ballo di coppia.

Il tango è soprattutto forti emozioni.

Il tango è un fenomeno sociale, ma anche affettivo e d’amore, due elementi senza i quali non si può vivere, per cui ballate il tango.

 

Massimiliano Raso 

www.giornaledelladanza.com

Check Also

Ancora grande danza a Padova con la pluripremiata “CreAcción” di Metamorphosis Dance company

Ancora la grande danza a Padova. Il 1 ottobre 2022 all’interno del Festival Internazionale La ...

Balletto di Roma, Giulietta e Romeo di Fabrizio Monteverde al Teatro Olimpico

Si apre la stagione della danza all’Accademia Filarmonica Romana martedì 4 ottobre al Teatro Olimpico di ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi