Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / I segreti della danza professionistica e non dopo i 30 anni di età

I segreti della danza professionistica e non dopo i 30 anni di età

Continuare a danzare anche quando non si è più giovanissimi? Si può e si deve. La parola degli esperti.

Julia Iafrate, fondatrice della clinica Columbia Dance Medicine di New York e specializzata in medicina dello sport e della danza, afferma che l’idea di dover smettere di danzare una volta raggiungi i 30 anni è ormai superata, e che per continuare la propria carriera più a lungo è necessario mantenere un allenamento costante. In realtà, si comincia fin da giovani, grazie a una sorta training incrociato, includendo nel lavoro in sala danza anche attività con i pesi e cardio, in modo da costruire una forza equilibrata e prepararsi alle esigenze aerobiche richieste dalla danza.

Kendall Alway, fisioterapista specializzata nel trattamento dei ballerini e ideatrice del Performing Arts Physical Therapy di San Francisco, sostiene che dopo aver completato un programma di allenamento dedicato al potenziamento muscolare, i ballerini risultano più forti, resistenti e ottengono perfino miglioramenti nella tecnica, senza tuttavia gonfiare i loro muscoli, altro mito da sfatare. Secondo Alway, inoltre, l’iperspecializzazione nei danzatori può essere dannosa, rendendoli potenzialmente più inclini alle lesioni, specialmente durante il processo di invecchiamento.

In quest’ottica è essenziale mantenere una pratica di stretching regolare e costante, senza forzare eccessivamente la flessibilità che tende naturalmente a diminuire con il passare degli anni, ma applicandosi con pazienza e ascoltando il proprio corpo, in modo da imparare a distinguere il dolore ‘buono’ proveniente dal normale lavoro dal dolore derivante da un overtraining funzionale o da un infortunio.

Infine, Iafrate sottolinea l’importanza di una nutrizione adeguata e consapevole, assicurandosi di mangiare a sufficienza. La malnutrizione può portare, infatti, a carenze energetiche, squilibri ormonali e a una importante riduzione della densità ossea che si associa a quella naturale legata all’avanzare degli anni, specie nelle donne, e di conseguenza a una più lenta guarigione di eventuali lesioni.

Insomma, ballare fa bene, sempre, ed è possibile continuare anche professionalmente oltre l’età canonica, con qualche accorgimento in più e prendendosi cura di sé fin dalla giovinezza.

Stefania Napoli
Fotografia: Jayme Thornton
www.giornaledelladanza.com

Check Also

Il mito contemporaneo di Dimitris Papaioannou, un linguaggio che fonde corpo e arte visiva a Reggio Emilia

Il Festival Aperto 2021, tredicesima edizione, si svolge a Reggio Emilia dal 18 settembre al ...

Al via la 35ma edizione di “MilanOltre”

Trentacinque volte MILANolTRE. Fino al 10 ottobre il Festival farà danzare Milano per la trentacinquesima ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi