Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Marianela Nuñez e Carlos Acosta online in “La Fille mal gardée”, venerdì 12 giugno

Marianela Nuñez e Carlos Acosta online in “La Fille mal gardée”, venerdì 12 giugno

Venerdì 12 Giugno alle ore 20:00 italiane andra’ in streaming sui canali Facebook e Youtube della Royal Opera HouseLa Fille mal gardée, coreografia Frederick Ashton, interpreti Marianela NuñezCarlos Acosta.

Il balletto (noto anche con l’altro titolo: Le ballet de la paille, ou il n’est qu’ un pas du mal au bien) ha subito le più inimmaginabili modifiche nel titolo, nei nomi dei personaggi, nella coreografia e nella musica. La fille mal gardée fu rapppresentato la prima volta a Bordeaux nel 1789 su musiche diverse. Inaugurò la corrente preromantica, eliminando miti ed allegorie classiche, prefigurando non solo i moti della Rivoluzione francese ma un classismo che è indice dei mutamenti sociali del tempo. E’ una commedia che sorride e fa sorridere.

Lise ama, riamata, il contadino Colas, semplice e schietto, ma la madre di lei, la vedova Madame Simone (in alcune versioni Marcellina), proprietaria di una fattoria, vorrebbe che Lise convolasse a nozze più redditizie con un giovane ricco e poco intelligente proprietario terriero, certo Alain. Alla fine a nulla sarà valsa la sorveglianza esercitata dalla madre sulla figlia. Proprio al momento di stipulare con il notaio l’atto di nozze fra Lise e Alain, i due colombi saranno sorpresi in tenero colloquio nella stanza da letto, dopo di che Madame Simone non potrà fare altro che dare il suo assenso all’unione di Lise con Colas. Una storia semplice e molto tipica del tempo, una commedia festosa che ha per cornice la campagna, un ritorno quindi alla natura, a Rousseau, che l’accorto Dauberval volle rispettare.

In seguito, il balletto subì vari rifacimenti, e fu rappresentato un po’ ovunque in Europa ed anche negli Stati Uniti. A Londra Dauberval lo fece rappresentare al Pantheon Theatre nel 1791 mentre all’Opéra di Parigi non fu visto prima del 1803. L’allievo di Dauberval Jean Aumer rifece la coreografia per presentarla all’Opéra e Férdinand Hérold (lo stimato e noto compositore, ai suoi tempi, dell’ opera lirica Zampa), compose un nuovo arrangiamento della partitura utilizzando parte dei brani adoperati per l’edizione di Bordeaux, romanze donizettiane e rossiniane e musica propria. Il coreografo Charles Didelot ne produsse nuove versioni nel 1818 a Pietroburgo e nel 1828. Sia a Pietroburgo che a Mosca il balletto raccolse vasta popolarità grazie anche all’interpretazione della Elssler (1848 e 1850) che fece di Lise un autentico cavallo di battaglia, trionfandovi dal 1837 al 1854. Paolo Taglioni, figlio di Filippo, rimontò la piacevole coreografia nel 1864 con altra musica (di Peter Ludwig Hertel), ed il Teatro Regio di Torino la propose il 5 marzo 1887 nella riproduzione di José Mendez. Anche Petipa e Ivanov lo misero in scena a Pietroburgo nel 1885 sulla musica di Hertel e Virginia Zucchi ne fu la celebrata interprete. Nel Novecento il pubblico moscovita e leningradese ne vide varie edizioni, da quella di Alexandre Gorsky (Mosca, 1901 e 1918), a quella di Asaf Messerer e Moiseiev (Mosca, 1930) e di Leonid Lavrovsky (Leningrado, 1937).

Nell’Europa occidentale sono da ricordare la versione di Anna Pavlova e quella di Lydia Kyasht. L’edizione più importante rappresentata in America fu allestita da Bronislava Nijinska con il Ballet Theater nel 1940. Nel 1946 la ballerina del Bolshoi Alexandra Balaschova ne curò un allestimento per il Nouveau Ballet de Monte-Carlo e più tardi La fille fu inclusa nel repertorio del Grand Ballet du Marquis de Cuevas. A superarle tutte, è arrivata con molta fortuna la versione di Frederick Ashton, per il Royal Ballet al Covent Garden.

Oggi La fille è tornata ad essere un pot-pourri di musiche con varie arie di Rossini e di Donizetti arrangiate da John Lanchbery, che si è trovato spesso sul podio per la direzione orchestrale, in perfetta sintonia con il coreografo Ashton, con il suo humour. Ashton è poi stato richiesto da varie compagnie e così La fille mal gardée è entrata, con la sua gioia, la tenerezza delle sue scene e il gustoso ammiccare di alcuni episodi nel repertorio delle più importanti compagnie europee: fra cui il Balletto Reale Danese (1964), il Balletto Australiano (1967), il Balletto dell’Opera di Stato di Budapest (1971), il Balletto dell’Opera Stato bavarese (1971), il Balletto Reale Svedese (1972), il Balletto dell’Opera di Stato di Ankara (1973).

CAST

Choreography Frederick Ashton

Music Ferdinand Hérold

Arrangement and orchestration John Lanchbery

Scenario Jean Dauberval

Designer Osbert Lancaster

Lighting designerJohn B. Read

Conductor Anthony Twiner

Lise Marianela Nuñez

Colas Carlos Acosta

Widow Simone William Tuckett

Orchestra Orchestra of the Royal Opera House

LINK

https://www.facebook.com/royaloperahouse/videos/2691106751159741/

Sara Zuccari

Direttore www.giornaledelladanza.com

Check Also

Otto strategie per affrontare la paura del palcoscenico

Indipendentemente dallo stile e dal livello di danza praticati, l’esibizione sul palcoscenico genera sempre una ...

Eleonora Abbagnato protagonista della sfilata di Laura Biagiotti al Campidoglio

Charme, eleganza, talento, bravura e bellezza. Eleonora Abbagnato, l’etoile che tutto il mondo ci invidia, ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi