Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Quali sono le caratteristiche di un bravo insegnante di danza?

Quali sono le caratteristiche di un bravo insegnante di danza?

E’ diffusa l’idea che un bravo ballerino sia automaticamente qualificato per insegnare. Tuttavia, in realtà, vi è una differenza sostanziale tra saper fare e saper trasmettere le proprie conoscenze, e la discriminante sta nella capacità comunicativa innata e nello studio finalizzato a trasferire negli allievi le proprie competenze teoriche e pratiche.

Forse vi sorprenderà sapere che Agrippina Vaganova non era considerata una grandissima danzatrice, perfino Marius Petipa, coreografo, maestro di danza e maître de ballet del Balletto Imperiale di San Pietroburgo, criticò duramente le performance e le capacità della danzatrice. Eppure, la Vaganova è la fautrice del famoso metodo che ha rivoluzionato la danza classica, nonché autrice del testo che lo ha codificato e reso fruibile a generazioni di maestri e danzatori.

Esistono dunque eccelsi danzatori che una volta passati dall’altra parte della sala dimostrano di non saper trovare il giusto approccio agli allievi e talvolta perfino di non conoscere le basi della tecnica, dell’anatomia e della psicologia, specie quella adolescenziale. L’errore più grande consiste nel ritenere di non aver bisogno di corsi di aggiornamento o di ulteriore studio sulla tecnica sulla base di un pericoloso assunto: se so ballare, so insegnare, ma non c’è nulla di più inesatto.

Le caratteristiche che distinguono un bravo insegnante di danza quindi vanno ben oltre la perfetta esecuzione di un plié o di una pirouette, vediamole nel dettaglio.

L’insegnante ama la danza tanto profondamente da avvertire il bisogno di condividere con altri questo amore e tutto ciò che ha imparato, elargendolo con generosità. Deve amare allo stesso modo e onorare l’insegnamento, per il quale deve sviluppare e trasmettere una vera passione, motivo per cui deve anche avvertire la spinta a continuare a imparare egli stesso, a implementare la sua tecnica e la sua capacità di insegnamento.

Un bravo insegnante sa e ricorda bene cosa significa essere un allievo, quindi deve essere anche paziente, supportivo e sensibile alle esigenze di ogni studente, indipendentemente dalle capacità o dal talento innato. Deve ispirare, sfidare ogni ballerino, esaltarne i successi, aiutarlo a capire e correggere i propri errori, incoraggiandolo e stimolandolo a dare il meglio di sé.

L’insegnante deve essere professionale ma mantenere un buon livello di empatia, prendersi cura dei suoi allievi e al tempo stesso restare sensibile all’individualità. Deve quindi tenere in considerazione i sentimenti, i pensieri, la salute fisica e i progressi del danzatore, e non deve mai rinunciare a pretendere miglioramenti da parte dell’allievo che accompagnerà al raggiungimento del massimo livello artistico possibile. Un bravo maestro di danza deve essere flessibile, battere talvolta strade diverse dal consueto per stimolare la creatività dei propri allievi, spronandoli a sperimentare vari stili e tecniche, spingendoli a superare la sua zona di comfort.

Un dono speciale degli insegnanti di danza è quello di poter tradurre idee ed emozioni in una lingua comprensibile a tutti gli studenti, ripetendo più volte e in più modi concetti, esercizi, passi finché siano compresi dall’intera classe, stimolando persone ‘apparentemente ordinarie’ a compiere sforzi insoliti. Nel fare ciò, egli crea gruppo, e gli studenti che gli gravitano attorno diventano parte di una cultura unica, il cui scopo è non solo imparare la danza, ma avvalersene per diventare esseri umani migliori.

In sintesi, l’insegnante degno di essere considerato tale deve non solo saper fare, ma saper notare gli errori, correggere e farlo in modo che le correzioni arrivino all’allievo in maniera talmente diretta e chiara da rendere il danzatore autonomo nell’assimilarle e nel metterle in pratica. Deve essere in grado di educare al rispetto delle regole della sala di danza, dei compagni e chiaramente del ruolo dell’insegnante stesso. Deve saper organizzare una lezione, dal riscaldamento alla coreografia finale, comunicare efficacemente, organizzare la classe e dedicarsi totalmente agli allievi che costituiscono l’unico elemento importante per lui per tutta la durata della lezione. Perché dietro ogni grande ballerino c’è sempre un grande insegnante.

Stefania Napoli
www.giornaledelladanza.com

Check Also

PROSPETTIVE01 – Ezio Tangini: “Il Butoh per me è la ricerca di una danza autenticamente vera”

“Prospettive01” è una rubrica rivolta ad artisti e contesti che rappresentano un mondo di talenti ...

In occasione di ‘Spoleto d’estate 2020’ in collaborazione con la Settimana Internazionale della Danza e Russian Ballet College

Venerdì 14 agosto 2 spettacoli | ore 18.30 e 21.30 | Teatro Nuovo Gian Carlo ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi