Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Saburo Teshigawara inaugura la ventiseiesima edizione di “Romaeuropa Festival”

Saburo Teshigawara inaugura la ventiseiesima edizione di “Romaeuropa Festival”

Un universo di raffinata bellezza coreografica apre il Romaeuropa Festival 2011 e la rassegna Metamondi di Telecom Italia con Obsession, duo creato da Saburo Teshigawara e interpretato da lui stesso con l’affascinante danzatrice Rihoko Sato.

Per il suo debutto a Roma, gli appassionati potranno seguire la pièce anche in streaming live e on demand su telecomitalia.com, oppure semplicemente recarsi al Teatro Eliseo dove, appunto, verrà presentato lo spettacolo dell’artista giapponese.

Ispirato al cortometraggio Un chien andalou di Luis Buñuel, scritto dal regista con Salvador Dalì, Obsession non cerca di illustrare o di adattare la celebre pellicola ma discretamente vi allude introducendo, a esempio, il tango della colonna sonora, o riproducendone alcuni gesti iconici.

L’ossessione del titolo allude infatti alla pulsione erotica, protagonista assoluta della scena, che come una scarica elettrica attraversa l’uomo e la donna. Il capolavoro di Buñuel diventa così il punto di partenza per una danza di rigore e nitidezza prodigiosi che riplasma fluidamente i corpi.

In perfetta sintonia con la flessuosità della sua partner, Teshigawara arriva a inventare una gestualità peculiare e sempre stilizzata, contrastata e discontinua nell’oscillazione tra angoli e curve, rilasciamento e contrazione. Come in tutti i lavori del maestro giapponese, anche per Obsession coreografia, scene, luci, costumi e selezione musicale sono curate da lui stesso nell’ottica di sviluppare un’idea globale dell’opera e del movimento durante il processo di creazione.

Nel costruire il suo linguaggio, il Maestro ha guardato alle esperienze più diverse, attraversando le lezioni della danza orientale come di quella occidentale, attingendo al butoh e alle arti marziali, confrontandosi con le performance e le arti plastiche studiate agli inizi della sua carriera assieme al balletto.

La sintesi tra linguaggi ed esperienze così diverse operata dal coreografo è però di stupefacente organicità e gli permette, attraverso un ricchissimo vocabolario gestuale, di alternare i movimenti dalla sbalorditiva velocità a un incedere fluido, libero da ogni scansione metronomica e che ha la pulsazione e la delicatezza del respiro.

È una ricerca iniziata negli anni Ottanta quando ha fondato la compagnia Karas (Corvo) con la danzatrice Kei Miyata, inglobando anche le scenografie e le luci, spesso usate come installazioni dal fascino contemporaneo.

Negli anni i suoi spettacoli hanno spaziato attraverso temi e universi tra loro lontani, dove le ombre e perfino il vuoto diventano una prosecuzione del corpo dei danzatori. Saburo Teshigawara e Rihoko Sato saranno, inoltre, tra i protagonisti di digitalife con l’installazione Double District, alla Ex GIL di Trastevere dal 26 ottobre all’11 dicembre 2011.

ORARI & INFO

7 e 8 Ottobre ore 20.45

Teatro Eliseo

Via Nazionale 183

Roma

http://romaeuropa.net/

www.teatroeliseo.it

Valentina Clemente

Foto di Emmanuel Valette

Check Also

Opera di Roma, Caracalla 2022 il Balletto

La stagione estiva dei Balletti del Teatro dell’Opera di Roma, diretta da Eleonora Abbagnato, ritorna ...

Al via “Fuori Programma 2022” in scena in 4 spazi della Capitale

Un ricco programma di spettacoli, incontri, laboratori, residenze creative e progetti speciali: Fuori programma, l’appuntamento ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi