Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Wim Wenders celebra Pina Bausch con il film “Pina 3D”

Wim Wenders celebra Pina Bausch con il film “Pina 3D”

Un film per celebrare, ricordare ma soprattutto per onorare la grandissima Pina Bausch: è l’obiettivo principale di Wim Wenders noto, talvolta controverso, regista che grazie alle sue opere è sempre e comunque riuscito a trasmettere i suoi messaggi speciali. Questa volta tocca alla Maestra, con la “m” maiuscola perché tutti sanno che, volente o nolente, di artiste a tutto tondo come lei non ce ne sono più. Pina 3D è un progetto cinematografico ideato, ma non terminato, dalla stessa Bausch nel 2009 ma sfortunatamente interrotto a causa della sua morte proprio nello stesso anno: presentato al Festival di Berlino di quest’anno, sarà possibile vederlo nei cinema dal prossimo autunno.

Tanta, troppa attesa per un documentario che effettivamente racconta, descrive e dà voce a Pina, artista rimpianta ma al contempo ricordata come un modello da tutti i danzatori. Le sue creazioni hanno trasformato la grammatica della danza, offrendo un nuovo metodo di espressione. Philippine Bausch detta Pina è stata una coreografa tra le più importanti e note a livello mondiale internazionale: ha diretto dal 1973 il Tanztheater Wuppertal Pina Bausch, con sede a Wuppertal, in Germania. Il suo nome è legato principalmente al termine Tanztheater (teatro-danza), adottato negli anni Settanta da alcuni coreografi tedeschi per indicare un preciso progetto artistico distinto dal balletto e dalla danza moderna e che include elementi recitativi, come l’uso del gesto teatrale e della parola.

I suoi spettacoli hanno riscosso un indiscusso successo, accumulando riconoscimenti in tutto il mondo. I suoi primi lavori si sono ispirati a capolavori artistici, letterari e teatrali: con Café Müller, il suo spettacolo più celebre, composto sulle musiche di Henry Purcell, stile e contenuti hanno visto un cambiamento radicale: se, però, le prime opere sono state animate da una dura critica alla società consumistica e ai suoi valori, le opere più mature hanno approfondito il contrasto uomo-società e al contempo la visione intima della coreografa e dei suoi danzatori, chiamati ad esprimere le interpretazioni personali dei sentimenti.

La novità del suo lavoro? L’interpretazione personale della forma da rappresentare. Un altro elemento di novità è l’interazione tra i danzatori e la molteplicità di materiali scenici di derivazione strettamente teatrale. Come poter dire di no ad un documentario che racconta la storia di una grandissima della danza? L’unico auspicio è che effettivamente i cinema italiani accolgano questo masterpiece in grado, perché no, di “addomesticare” i cuori ancora troppo duri nei confronti di una danza così speciale, la danza di Pina Bausch.

Valentina Clemente

Check Also

Residanza-2020

“Residanza” – La casa della nuova coreografia: finale in diretta streaming

Il lockdown non ferma la finale di “Residanza”. Lunedì 7 dicembre, alle ore 19:30 nella ...

Luciana Savignano una stella nella storia tra balletto e danza contemporanea

L’étoile di fama mondiale e bellezza particolarissima. Luciana Savignano è la musa che ha ammaliato ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi