Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Al Covent Garden torna “Sylvia”, balletto portato al successo da Sir Frederick Ashton

Al Covent Garden torna “Sylvia”, balletto portato al successo da Sir Frederick Ashton

Delightful coreography, fabulous music and great performances”: sono state queste le prime parole pronunciate dai critici del quotidiano inglese “Times” dopo aver assistito alla prima di Sylvia, balletto in due atti basato sul poema Aminta di Torquato Tasso e trasformato in musica da Léo Delibes. Una rappresentazione che mancava da tempo a Covent Garden: creata e portata al successo nel 1952 grazie alle magistrali coreografie di Sir Frederick Ashton, la pièce ha avuto un momento di pausa fino al 2004, anno in cui la compagnia inglese, sotto la direzione di Christopher Newton, ha deciso di riprendere fedelmente l’eredità del noto coreografo e di ridare lucentezza ad uno spettacolo così bello ed intenso.

Il balletto è un vero e proprio crocevia di emozioni: la storia, che riporta ai miti greci, racconta di Sylvia, ninfa bellissima ma molto innocente, che si innamora di Aminta, semplice pastore. La protagonista verrà rapita da Orion ma grazie ad Eros, dio dell’amore, gli amanti, nonostante le difficoltà, vengono riuniti. Una storia resa ancor più magica dalle musiche quasi fiabesche di Léo Delibes, compositore molto spesso ricordato soltanto per aver messo in melodia la storia di  Coppélia: le atmosfere riportano nell’antica Grecia e permettono allo spettatore di sentirsi parte integrante di uno spettacolo così lontano ma al tempo stesso molto vicino.

Affidato da Ashton a Margot Fonteyn, il ruolo di Sylvia fu plasmato e messo in scena proprio per esaltare le innumerevoli doti della danzatrice che fece proprio di questa ninfa errante una delle sue migliori rappresentazioni, sia da un punto di vista tecnico sia da un punto di vista emozionale. Darcey Bussel ereditò il ruolo nel 2004, quando appunto il Royal Ballet decise di riportare sul palco di Covent Garden questa bellissima pièce che oramai era quasi caduta nell’oblìo: grazie alle doti innate della danzatrice, il ruolo tornò al suo antico splendore, dando al contempo una nuova luce alla ninfa che, suo malgrado, era stata lasciata in disparte.

La stagione di quest’anno a Covent Garden vede protagoniste quattro ballerine molto diverse tra loro: Marianela Núñez, Sarah Lamb, Zenaida Yanowsky e Lauren Cuthbertson, che ritorna a calcare il palco londinese dopo un periodo di malattia e debutta come Sylvia con Sergei Polunin, suo partner nel ruolo di Aminta. Il balletto viene reso magico anche grazie alle magistrali interpretazioni di queste bravissime danzatrici che entrano nel personaggio della ninfa errante nel migliore dei modi, come mai poche erano riuscite a fare. Bellissimo alla vista e piacevole all’udito, Sylvia è uno dei migliori esempi di balletto classico: un appuntamento da non perdere, senza alcun dubbio.                                    

ORARI

9, 10, 12,15, 19 e 26 Novembre, ore 19.30

INFO

Royal Opera House

Covent Garden

Londra

Tel: (+44) 20 7304 4000

onlinebooking@roh.org.uk

www.roh.org.uk

Valentina Clemente

In foto: Marianela Nunez (Sylvia)e Rupert Pennefather (Aminta)

Fotografie di John Ross

Check Also

In occasione di ‘Spoleto d’estate 2020’ in collaborazione con la Settimana Internazionale della Danza e Russian Ballet College

Venerdì 14 agosto 2 spettacoli | ore 18.30 e 21.30 | Teatro Nuovo Gian Carlo ...

L’esclusiva “A new in-Between Project” di Dimitris Papaioannou a Torinodanza 2020

Un nuovo e importante evento si aggiunge al programma di Torinodanza Festival 2020 e di ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi