Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Alessio Di Stefano: “40 coreografi uniti in video per la danza” [INTERVISTA ESCLUSIVA]

Alessio Di Stefano: “40 coreografi uniti in video per la danza” [INTERVISTA ESCLUSIVA]

La quarantena non ha messo nel cassetto i sogni e i progetti degli artisti, anzi. Alessio Di Stefano è tra coloro che si sono dati da fare, anche in pandemia, per fare sentire la propria voce.  Di Stefano è un talentuoso coreografo e ballerino che ha solcato i più importanti palcoscenici stranieri e teatri italiani, tra questi il Teatro dell’Opera. L’artista catanese ha sviluppato, durante questo difficile periodo, il progetto B-locked Down, un vero e proprio cartellone di spettacoli dedicati alla video danza, con partenza il 9 luglio e chiusura il 24 settembre 2020. Ogni giovedì, infatti, dalle ore 21, sarà disponibile un appuntamento con cortometraggi dedicati alla danza di una durata massima di 20 minuti a serata, tutti realizzati in modalità smart working. Un cartellone artistico unico nel suo genere sopratutto in questo particolare momento storico di incertezza sul futuro. Circa 40 coreografi affermati e emergenti, italiani e stranieri hanno aderito all’iniziativa video per lanciare un grido ad alta voce: l’arte non si ferma nemmeno a causa del Covid-19! Il risultato ha dato vita ad un corto di altissimo contenuto artistico.

Il Giornale della Danza incontra Alessio Di Stefano per un’intervista esclusiva.

Come nasce l’idea di B-locked down e come si sviluppa? 

Il progetto ha l’intento di essere un vero e proprio cartellone di spettacoli che non si rivolge al teatro, bensì al mondo del web. Sono film video di danza dedicati al particolare momento storico del lockdown. E’ un progetto coreografato a distanza che ci ha dato enormi soddisfazioni.

Chi sono i partecipanti di questa singolare iniziativa?

Abbiamo avuto l’adesione di una quarantina di nomi. Tra questi anche il compositore e direttore d’orchestra Enrico Melozzi, veterano del Festival di Sanremo. Ma anche eccellenze nel mondo dei video maker, coreografi, danzatori, musicisti.

Ci sveli qualche nome dei coreografi?

Francesco Ventriglia, Andrea Costanzo Martini, Alain Al Shakawi, Damiano Artale, Barbara Gatto, Gustavo Oliveira, Roberta Ferrara, Michele Oliva, Francesco Gammino, Giacomo Colletti, Hektor Budlla, Alessandra Scalambrino, Cristina Golin, Alessandro Cascioli, Nunzio Perricone, Stefania Pigato, Amalia Borsellino, Annalisa Di Lanno, Claudia Rossi Valli, Dalila Frassanito, Fabrizio Calanna, Noemi Dalla Vecchia, Mattei Vignali, Silvia Marti, Stefania Ballone, Vito Cassano.

“A midapril night’s dream”, il corto di Di Stefano

Una grande adesione. Quando si parte?

Il primo appuntamento è il 9 luglio con il mio corto ” A midapril night’s dream” (Sogno di una notte di primavera) che vuole mostrare al pubblico ciò che abbiamo vissuto in chiave ironica. Andremo avanti tutti i giovedì alle ore 21,00 fino al 24 settembre 2020.

Come si sviluppa la programmazione?

Il cartellone you tube è l’unico attivo in tutto il globo. Il contenuto della rassegna ha un livello artistico molto alto. Si parte con 20 minuti di corto che si concludono poi con delle interviste ai partecipanti.

Le aspettative e i progetti di Alessio Di Stefano

Come si sostiene il progetto?

Grazie a giovani di talento con una raccolta libera sviluppata attraverso AssoDanza Italia. I proventi andranno a scuole private di danza italiane che ne faranno richiesta. Spero vivamente che la raccolta fondi possa trovare adesione anche da parte dei grandi personaggi. Serve l’aiuto di tutti per poter ripartire. Ma non solo.

Cosa?

Vorrei che i direttori dei festival della danza visionassero il nostro cartellone web. Inoltre mi piacerebbe anche che i direttori artistici degli enti lirici ascoltassero la voce di noi quaranta coreografi per valutare di produrre il nostro lavoro. I giovani potrebbero, grazie a questa iniziativa, dare nuova linfa vitale al teatro al fine di poter avere finalmente un cambio generazionale anche in questo ambito. Attualmente non si possono fare spettacoli in teatro, ma, attraverso il web, possiamo far sentire sempre la nostra voce. Se prima ero un coreografo solo ora ho con me la forza di un grande gruppo motivato.

Elena Parmegiani

www.giornaledelladanza.com 

Check Also

PROSPETTIVE01 – Ezio Tangini: “Il Butoh per me è la ricerca di una danza autenticamente vera”

“Prospettive01” è una rubrica rivolta ad artisti e contesti che rappresentano un mondo di talenti ...

In occasione di ‘Spoleto d’estate 2020’ in collaborazione con la Settimana Internazionale della Danza e Russian Ballet College

Venerdì 14 agosto 2 spettacoli | ore 18.30 e 21.30 | Teatro Nuovo Gian Carlo ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi