Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / “All dressed up with nowhere to go”: l’equilibrio dei corpi tra realtà e immaterialità

“All dressed up with nowhere to go”: l’equilibrio dei corpi tra realtà e immaterialità

All Dress up with nowhere to go

Il 27 aprile Lo Studio della compagnia Arearea di Udine ospiterà un’inedita coreografia dal titolo All dressed up with nowhere to go, ideata da Giorgia Nardin ed interpretata da Sara Leghissa e Marco D’Agostin.

Ispirandosi inizialmente ai quadri di Hyeronymus Bosch, realistici quanto immateriali, la Nardin pian piano si è distaccata dal suo spunto originario per creare una coreografia impostata sul solo movimento degli arti superiori, identificando nel movimento del busto e delle braccia la condizione dell’uomo contemporaneo. I danzatori si toccano il naso, aggiustano il colletto della camicia, il vestito, quasi come se fossero immersi nella realtà quotidiana, in piedi al supermercato, per strada alla fermata del bus: solo una gamba sta ferma, come piedistallo che regge l’intero peso della realtà, per ritrovarsi poi senza equilibrio, soggetto ad ogni forza di gravità. A questo utilizzo sfrontato di “realtà” corrisponde una dimensione immateriale che nella ciclicità del movimento riempie lentamente la scena. I danzatori hanno precisi modelli di movimento cui riferirsi pur di mantenersi in piedi, eppure la libera interpretazione è bandita in favore di una più particolare ricerca coreografica: come nei quadri di Bosch, la cornice circolare e l’idea di trascendenza nasce dall’immanenza e diviene dispositivo per inquadrare una contemporaneità che elimina certezze, sottrae terreno, scuote, toglie equilibrio. Il corpo reagisce ad essa, plasmandosi e muovendosi secondo precisi standard per tentare di mantenere una parvenza di compostezza.

Uno spettacolo che forse lascia l’amaro in bocca e svela quanto sia frivolo, e a volte inutile, il cercare l’armonia, quando è la realtà stessa a toglierci stabilità. Ci prepariamo, ci vestiamo bene senza sapere dove andremo, perché la linearità del tempo è distrutta in questo mondo che corre a perdifiato: possiamo solo tentare di adeguarci a modelli determinati di comportamento e provare a non cadere, a non perdere l’equilibrio.

 

ORARI & INFO

27 aprile ore 21.00

Lo Studio

Via Fabio di Maniago 15,

Udine

lostudio@arearea.it

www.giorgianardin.com

www.arearea.it

Laura De Martino

Foto: Alice Brazzit

www.giornaledelladanza.com

Check Also

La bayadère di Nureyev, grande attesa alla Scala per Svetlana Zakharova e Jacopo Tissi

Dopo la recita straordinaria di sabato 22 gennaio riservata alla Fondazione Francesca Rava -NPH Italia ...

Divina-Commedia

“La Divina Commedia Opera Musical” al Teatro Arcimboldi di Milano

Sarà il palcoscenico più grande d’Italia, il secondo d’Europa, quello del TAM Teatro Arcimboldi di ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi