Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Che cos’è il successo per il ballerino?

Che cos’è il successo per il ballerino?

Che cos’è il successo per il ballerino? Fama? Ruoli da protagonista? Miglioramento della tecnica? Maggiore benessere?

Il concetto di successo è diverso per ogni danzatore. Un buon punto di partenza per comprenderlo e raggiungerlo è definire i propri obiettivi che sono profondamente personali.

Una volta determinati tali obiettivi tuttavia, è necessario fare i conti con il realismo e la consapevolezza.

Per esempio, se un danzatore non rispetta i canoni fisici definiti dalla danza classica, difficilmente diventerà étoile alla Scala o al Bolshoi e non potrà fare del balletto la propria professione.

Al tempo stesso però è essenziale non smettere di puntare in alto, rispettare le proprie aspirazioni, continuare a provare, magari aggiustando il tiro e cambiando leggermente il traguardo, ma senza mai mollare.

È essenziale conoscere i propri punti di forza e le aree di crescita, capire cosa appassiona davvero e quante chance ci sono di ottenerla.

Potrebbe esserci una discrepanza tra ciò che si ama e ciò in cui si è più forti, ma questo non deve far desistere. Si può lavorare e dare il massimo per migliorare, che è poi il senso della danza.

Una ‘sconfitta’ non deve impedire di pensare in modo aperto e flessibile e di trovare altre strade per arrivare più vicino possibile all’obiettivo. Accettare i fallimenti, piccoli o grandi che siano, e imparare da essi è vitale per il danzatore.

Altro punto che avvicina al proprio obiettivo è ascoltare gli altri senza tuttavia lasciarsi influenzare dallo loro opinioni, che sono per l’appunto pareri personali. Una volta che il ballerino sa cosa vuole ed è consapevole delle sue possibilità di ottenerlo, non c’è critica distruttiva che tenga.

In definitiva, si può puntare alle stelle, con intelligenza e pensiero strategico, passione e abnegazione, e fame di danza.

Il grande coreografo George Balanchine riassumeva quanto detto finora in una frase: ‘Non voglio ballerini che vogliano danzare, voglio ballerini che abbiano bisogno di danzare’.

Perché per il vero ballerino, la danza non è solo un’opportunità, è una necessità.

Stefania Napoli
© www.giornaledelladanza.com

Check Also

Jacopo Bellussi danzatore étoile del Ballet du Capitole di Tolosa

Jacopo Bellussi Principal italiano dell’Hamburg Ballet è stato nominato Danseur Étoile del Ballet de Opéra ...

Ammutinamenti – Festival di Danza Urbana e d’Autore: “ATHLETES” di Simona Bertozzi

Il 19 e il 20 luglio 2024, alle Artificerie Almagià di Ravenna, nell’ambito di Ammutinamenti ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi