Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Come la danza influenza positivamente il nostro sistema immunitario

Come la danza influenza positivamente il nostro sistema immunitario

Sappiamo che la malattia e il dolore coinvolgono corpo, mente ed emozioni, esattamente come fa la danza che, anche per questo motivo, si rivela un valido strumento per rafforzare il nostro sistema immunitario, minacciato dallo stress e dallo stile di vita spesso frenetico.

Il sistema immunitario è un insieme di meccanismi difensivi messo in atto dal nostro corpo per contrastare l’attacco di agenti patogeni esterni, come batteri, virus e via dicendo, che potrebbero danneggiare l’organismo anche permanentemente. L’esercizio fisico in generale produce svariati effetti positivi sul nostro corpo e, ove praticato con regolarità, genera aggiustamenti e adattamenti positivi in numerosi apparati, compreso quello immunitario. Secondo Peter Lovatt, ex danzatore, direttore del Dance Psychology Lab all’Università di Hertfordshire e docente di Psicologia della danza presso la Royal Ballet School di Londra, tali effetti sono più evidenti nella danza che in altre forme di esercizio fisico, grazie al coinvolgimento e all’esternazione delle emozioni che hanno la possibilità di trovare sfogo e regalare ulteriore benessere.

Attraverso l’azione muscolare e i processi fisiologici, quindi, danzare aiuta a limitare ed eliminare tensioni, affaticamento cronico e altre condizioni invalidanti effetti dello stress, stimolando il processo di guarigione. Quando danzare diventa un’abitudine, i benefici prodotti si amplificano diminuendo il rischio di infezioni del tratto respiratorio superiore, inclusi raffreddore, influenza, tosse e mal di gola. Ma non è tutto, lezioni di danza regolari riducono l’eccesso di lipidi nel sangue e il colesterolo LDL, migliorando così la salute del sistema cardiovascolare, e aumentano il numero di linfociti B, cellule che producono gli anticorpi, e i linfociti T a cui spetta la distruzione delle cellule infettate dai microbi.

Come sottolineato negli articoli precedenti, la danza riduce anche i sintomi della depressione grazie all’aumento della serotonina, delle endorfine e alla riduzione dei livelli di cortisolo, e genera effetti incredibili sulla funzione cognitiva, specialmente nei bambini e nei soggetti anziani. Potenziando la fluidità fisica e verbale, la concentrazione e la memoria, la danza aiuta infatti a contrastare il declino delle abilità fisiche e mentali connesso con il passare del tempo, e riduce addirittura fino al 76% il rischio di demenza.

Uno studio pubblicato nel 2017 sulla rivista Frontiers in Human Neuroscience, uno dei principali editori accademici di riviste scientifiche peer- review, ha esaminato le scansioni cerebrali di ballerini anziani e ha scoperto che le attività connesse alla danza miglioravano perfino la struttura del cervello, in particolare la regione dell’ippocampo, area deputata al controllo di memoria, apprendimento ed equilibrio.

L’effetto salutare e antiage su corpo e mente prodotto dalla danza, quindi, è una realtà indiscutibile che dovrebbe essere diffusa e resa nota a più persone possibili.

Stefania Napoli
www.giornaledelladanza.com

Check Also

Scuole di danza e palestre riapertura ipotesi a maggio

Sono giorni decisivi per il calendario della ripartenza dell’Italia. Mentre si lotta contro l’epidemia si ...

Staatsballett Karlsruhe la nuova rilettura di “L’ uccello di fuoco” di Verbruggen

Dopo la sua prima mondiale a Parigi nel 1910, il balletto d’azione L’uccello di fuoco del ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi