Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / PROSPETTIVE01 – “CRETA”: uno studio sull’improvvisazione antica e barocca nel linguaggio moderno

PROSPETTIVE01 – “CRETA”: uno studio sull’improvvisazione antica e barocca nel linguaggio moderno

Creta - Alessandra Sorrentino

“Prospettive01” è una rubrica rivolta ad artisti e contesti che rappresentano un mondo di talenti in continua evoluzione. Ideata e curata da Lorena Coppola, la rubrica si propone di raccogliere una serie di interviste e di articoli mirati a dar voce e spazio a tutte le fasce creative del mondo coreutico che costituiscono giovani realtà in via di sviluppo ed espansione, progetti innovativi, o realtà già consolidate, di spiccato talento, meritevoli di attenzione. Un luogo di rivelazione e di incontro di nuove prospettive.

L’8 ottobre 2020 al Museo Archeologico Nazionale di Napoli (MANN), nell’ambito del Festival Barocco Napoletano, un nuovo progetto sperimentale: dall’incontro tra il pianista Gino Giovannelli e la coreografa  Alessandra Sorrentino, nota per i suoi lavori di riappropriazione dei luoghi attraverso la videoarte, nasce Creta, una performance che unisce musica e teatro danza attraverso il collante dell’improvvisazione totale. È già la terza volta che il brillante pianista partenopeo si approccia al tema della “variazione e dell’improvvisazione barocca nel linguaggio moderno”, facendosi portavoce di un ideale filo conduttore che unisce la musica di tutti i secoli. L’improvvisazione è stata sempre pratica comune, fin dalle prime forme di polifonia: era presente nell’accompagnamento delle melodie gregoriane, era fondamento di forme quali i preludi, le toccate, le fantasie ed è stata esercizio virtuoso per eccellenza in musicisti come Frescobaldi, Bach, Mozart e Scarlatti.

Dimenticata per quasi un secolo all’interno della musica colta, l’improvvisazione si è sviluppata prepotentemente poi nel jazz, permettendo il costituirsi di un nuovo codice internazionale che è arrivato fino ad oggi. Ma quanti punti di contatto ci sono tra questa pratica e la prassi esecutiva barocca? Moltissimi, e a dar man forte a questa convinzione ci sono artisti internazionali come Cecilia Bartoli che ha dichiarato recentemente: “Il barocco è come il jazz: follia e improvvisazione”. E di una buona dose di follia e improvvisazione sono provvisti i due protagonisti della performance, che hanno pensato un progetto site specific per il MANN, concepito per essere agito e interpretato al cospetto del Toro Farnese. “Creta”, per l’appunto, una parola polisemica, dai tanti significati compresenti: è l’argilla da modellare, simbolo delle infinite possibilità della materia plasmata e riplasmata prima che incontri il fuoco, caos creatore multiforme e imprevedibile, come sarà la performance stessa; ma anche luogo minoico per eccellenza.

Creta è richiamo obbligato per questa rappresentazione che rievoca la figura del toro e della lotta sanguinosa. E proprio come in una danza di guerra, che era detta “danza pirrica”, la Sorrentino si vestirà di πυρρός, di rosso, com’era in uso fin dalla più lontana antichità in Grecia nei riti propiziatori alle battaglie. Un richiamo antico e non casuale al toro della Grotta di Lascaux (in mostra al MANN n fino al 31 maggio 2020) e al “Supplizio di Dirce”, come è più comunemente noto il Toro Farnese, la più grande scultura antica ad oggi pervenutaci.

Filo d’Arianna dell’imprevedibile “performance art” sarà la libertà pianistica di Giovannelli, che si librerà tra citazioni di Scarlatti, Bach, Händel, temi estemporanei e, magari chissà, una incursione nella Fedra di Paisiello, la straordinaria opera del Settecento napoletano ambientata proprio a Creta. Introduce la performance Luca Iavarone, creativo italiano attivo in numerosi campi: autore web, regista, musicista, giornalista, direttore creativo, cofondatore del collettivo Revenaz Quartet, vincitore di 3 Lovie Awards, gli Oscar europei del web. Nel 2019 è stato curatore dell’operazione artistica Figlio Velato dello scultore Jago, che racconterà in un documentario.

ORARI & INFO

Giovedì 8 ottobre 2020, ore 20:30

Museo Archeologico Nazionale di Napoli (MANN)

Piazza Museo, 19 – Napoli

Creta - Collage

Lorena Coppola

www.giornaledelladanza.com

Photo Credits: Amedeo La Rossa – Damiano Errico – Davide Ciaramella – Francesca Errichiello

 

Check Also

New York City Ballet

Il New York City Ballet presenta: Festival of New Choreography

Ogni sera alle 20:00 NYCB presenterà in anteprima un nuovo lavoro dei coreografi SIDRA BELL, ...

Biennale di Venezia: Wayne McGregor nuovo direttore settore danza

Tempo di nomine per la Biennale di Venezia che, dopo l’elezione del nuovo presidente Roberto Cicutto dello scorso gennaio, ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi