Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Critiche distruttive e costruttive nella danza: l’importanza della consapevolezza

Critiche distruttive e costruttive nella danza: l’importanza della consapevolezza

Tutti noi siamo sottoposti a critiche e ne rivolgiamo agli altri continuamente.

Nel caso dei ballerini, l’essere sottoposto a critiche e correzioni si verifica con maggiore frequenza, sia nella classe di danza che durante le esibizioni o i concorsi.

Dal momento in cui si inizia a lavorare la danza seriamente, l’attenzione è focalizzata sulla tecnica. I bravi insegnanti aiutano l’allievo nell’apprendimento e nel perfezionamento, e creano un ambiente sano, stimolante, in cui il ballerino possa crescere tecnicamente appassionandosi.

Molti allievi però faticano ad applicare rapidamente le correzioni e spesso vengono giudicati pigri o poco attenti in classe. In realtà a volte non si tratta di scarsa concentrazione, ma di ansia che si trasforma in un ostacolo per la concentrazione mentale.

Essere criticati a lezione può essere un’esperienza frustrante e scoraggiante, che provoca ripercussioni sulla fiducia in se stessi e nelle proprie capacità tecniche e artistiche. Un certo tipo di citrica, infatti, alimenta e aggrava lo stato d’ansia, e crea un ulteriore ostacolo al lavoro in sala.

Insegnanti che si rivolgono ai loro allievi sminuendoli o con frasi come ‘sei pesante, sembri un ippopotamo’, oppure ‘non capisci niente’, non sono validi insegnanti. Sfogano la loro frustrazione o riportano un metodo di insegnamento obsoleto, vissuto a loro volta e introiettato, assolutamente non funzionale al miglioramento dell’allievo e alla danza stessa.

È importante dunque imparare a distinguere la critica costruttiva da quella distruttiva.

Quest’ultima, è controproducente, mira a ferire e sminuire, e rispecchia il bisogno di attaccare l’altro e denigrarlo per potenziare se stessi, senza alcuna intenzione costruttiva. Può arrivare addirittura a demolire l’identità del danzatore, perché si tratta di un attacco al suo modo di essere prima che al suo modo di ballare.

La critica costruttiva, al contrario, evidenzia gli errori e offre la possibilità di migliorare e correggersi. E’ riferita all’esecuzione di un passo o di una routine, mai alla persona. Rappresenta quindi un feedback utile, destinato a far crescere e aiutare.

Alla base di questa modalità di critica infatti c’è il confronto positivo che crea un legame di fiducia e di rispetto reciproco.

In quanto artisti, i ballerini, gli insegnanti e i coreografi sono soggetti anche alle critiche del pubblico di fronte a cui si esibiscono, che può gradire o meno una determinata perfomance.

È qui che entrano in gioco l’importanza di assumersi la responsabilità del proprio lavoro, e di riconoscere e accettare i propri punti di forza e debolezza. Più ci conosciamo, meno siamo condizionati dal parere altrui, e più sarà semplice distinguere le due tipologie di critiche e imparare a gestire uno stato emotivo potenzialmente limitante.

Il ballerino impara a distaccarsi dalle critiche distruttive che spesso sono ambigue e imprecise, per dare spazio alle correzioni necessarie per raggiungere i propri obiettivi senza ansia.

L’amore per la danza non può essere definito o sconfitto dall’opinione di una persona. Nasce e si consolida tramite la determinazione, la consapevolezza e la conoscenza di sé.

Stefania Napoli
© www.giornaledelladanza.com

Check Also

Carla il film tv della Rai, la prima al cinema 8, 9 e 10 novembre

Andrà in onda a dicembre suRai 1, in prima serata, il film tv Carla. Si tratta del primo film ...

Audizione per il Birmingham Royal Ballet diretto da Carlos Acosta

Audizione per il Birmingham Royal Ballet, il direttore Carlos Acosta è alla ricerca di ballerini ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi