Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / La danza a scuola: un supporto alle materie scolastiche e alla crescita dei bambini

La danza a scuola: un supporto alle materie scolastiche e alla crescita dei bambini

La presenza della danza nella scuola è nulla o limitata a vaghi cenni contenuti nei programmi ministeriali o a qualche liceo dedicato. Non esistono una programmazione specifica e docenti adatti a insegnare questa disciplina.

Eppure l’elemento ritmico-musicale riveste un’importanza fondamentale nella formazione dell’individuo. La danza attua una connessione organizzata e coerente delle facoltà mentali, emotive e fisiche, ragion per cui ricopre un ruolo fondamentale nello sviluppo del corpo e della personalità.

Il movimento può essere usato per sperimentare, osservare e indagare un argomento o un fenomeno oggetto di studio.

Lo studio della geometria, per esempio, è importante per comprendere lo spazio che ci circonda ed è uno dei più complessi edifici concettuali sviluppati dall’essere umano. Danzando si creano figure in movimento, quindi la danza è anche geometria. Non quella statica dei libri, ma quella vissuta nello spazio fisico. La componente geometrica della danza si esprime cognitivamente. Corpo e mente rielaborano i concetti geometrici, tracciano linee, cerchi, e interagiscono con i movimenti di altri studenti.

La scuola è un luogo in cui gli allievi stanno prevalentemente seduti, e le attività extrascolastiche dei ragazzi si svolgono spesso di fronte al computer o peggio allo smartphone. Incrementano così la sedentarietà, l’obesità infantile e i rischi a esse connessi.

La librazione dell’energia viene limitata e di conseguenza aumenta la necessità di sfogarsi anche emotivamente in modi spesso non positivi. I ragazzini sono sempre più nervosi, arrabbiati e stressati. I recenti casi di cronaca che vedono come protagoniste le cosiddette ‘baby gang’ ne sono un esempio lampante.

La danza aiuta anche in questo, perché favorisce il rilassamento e l’armonia psicofisica. Permette di incanalare l’aggressività in un’attività artistica costruttiva sia per l’individuo che la pratica, sia per chi gli sta intorno.

La danza dunque dovrebbe essere considerata a tutti gli effetti una materia scolastica che può supportare le altre e contribuire all’educazione cognitivo-comportamentale dei bambini in modo sano, stimolante e divertente.

Stefania Napoli
© www.giornaledelladanza.com

Check Also

Roberto Bolle torna al Teatro Arcimboldi di Milano

Roberto Bolle torna al Teatro Arcimboldi per il suo Roberto Bolle and Friends. Prodotto da ...

Matteo Mascolo ‒ “Sequoia”: l’esplorazione di uno spazio sacro

Il 2 luglio 2024 ‒ nell’ambito dell’ottava edizione del DAP Festival, diretto da Adria Ferrali, ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi