Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Le Stelle della Danza al Teatro Petrarca di Arezzo per un Gala

Le Stelle della Danza al Teatro Petrarca di Arezzo per un Gala

Sabato 17 febbraio 2024 ore 19:00, nell’ambito del cartellone a cura di Fondazione Guido d’Arezzo al Teatro Petrarca di Arezzo va in scena il Galà di Danza con le stelle del panorama mondiale.

Una serata dedicata alla grande danza con un parterre stelle dai più prestigiosi teatri d’Europa: dall’Opera di Parigi al Teatro San Carlo di Napoli fino al Royal Ballet di Londra e all’Opera di Roma.

Alcuni protagonisti della scena mondiale della danza saranno sul palcoscenico del Teatro Petrarca per una carrellata di capolavori della storia del balletto classico e per una coreografia appositamente creata per questa occasione dalla stella del Royal Ballet Valentino Zucchetti.

Questo lavoro, intitolato Elegia perduta, riceve ad Arezzo la sua prima rappresentazione assoluta, su musica del compositore francese Gabriel Fauré (1845-1924), del quale si celebra il centenario della scomparsa. Più precisamente, di Fauré si ascolterà l’Elegia op. 24 per violoncello e pianoforte, eseguita dal vivo da due splendidi, giovani musicisti (la violoncellista Maria Salvatori e il pianista Francesco Santini), ai quali è affidata anche l’esecuzione dell’Aria sulla quarta corda di Johann Sebastian Bach, sulla quale Mauro de Candia ha creato la coreografia di Aria suspended.

L’apertura di questo Gala di danza è affidata al balletto Fiamme di Parigi, coreografato nel 1932 da Vasilij Vajnonen; la musica di Boris Asaf’ev trae spunto dalle canzoni della Rivoluzione francese. Infatti, il libretto di Nikolaj Volkov e Vladimir Dmitriev è ambientato nella Francia del XVIII secolo ed illustra perfettamente il balletto russo nel periodo compreso tra gli anni 1920 e 1930, che si sforzava di trovare soggetti della storia mondiale che riflettessero la situazione più immediata nell’Unione Sovietica, nel desiderio di mostrare che la Rivoluzione d’ottobre era parte di più movimenti universali ed eventi storici.

Della musica della Sonata op. 57 di Beethoven, detta “Appassionata”, il coreografo francese Benjamin Millepied esalta tutta la poetica drammaticità nel balletto intitolato La notte volge al termine.

In omaggio a un compositore francese straordinariamente dotato per la danza, Léo Delibes (1836-1891), il coreografo José Carlos Martinez ha realizzato una suite su un collage di pagine di grande raffinatezza timbrica e ricchezza melodica (Delibes suite).

Concluderanno il Gala tre capisaldi del balletto romantico, a partire dal prototipo di “ballet blanc” con La Sylphide, il primo balletto danzato sulle punte per sottolineare la leggerezza aerea delle Silfidi, creature fatate, le cui interpreti indossarono per la prima volta il tutù bianco nel 1837, guidate dalla prima ballerina Maria Taglioni.

Il Don Quixote reinterpreta in versione coreografica il capolavoro di Cervantes, grazie al genio del ballerino e coreografo francese Marius Petipa, attivo tra il 1862 e il 1905 a San Pietroburgo, dove creò una cinquantina di balletti che costituiscono il nucleo del grande repertorio romantico russo: fra questi anche Le corsaire, che concluderà la serata.

 

PRIMO ATTO

“Fiamme di Parigi”
Coreografia: Vasilij Vajnonen
Musica: Borsi Asaf’ev
Ballerini: Flavia Stocchi – Alessio Rezza

“La Nuit s’achève”
Coreografia: Benjamin Millepied
Musica: L. van Beethoven Sonata per pianoforte N°23, Op.57
Ballerini: Valentine Colasante – Paul Marque

“Delibes Suite”
Coreografia: José Carlos Martinez
Musica: Léo Delibes
Ballerini: Claudia D’Antonio – Alessandro Staiano

“Elegia Perduta”
Coreografia in Prima Mondiale: Valentino Zucchetti
Musica: Gabriel Fauré “Elegia” Op. 24
Ballerini: Yasmine Naghdi – Reece Clarke
Musicisti: Maria Salvatori, violoncello – Francesco Santini

SECONDO ATTO

“Aria Suspended”
Coreografia: Mauro de Candia
Musica: J. S. Bach “Aria sulla quarta corda” dalla Suite per orchestra N°3, BWV1068
Ballerini: Claudia D’Antonio – Alessandro Staiano
Musicisti: Maria Salvatori, violoncello – Francesco Santini

“Don Quixote”
Coreografia: Marius Petipa
Musica: Ludwig Minkus
Ballerini: Valentine Colasante – Paul Marque

“La Sylphide”
Coreografia: August Bournonville
Musica: Jean Schneitzhöffer
Ballerini: Flavia Stocchi – Alessio Rezza

“Il Corsaro”
Coreografia: Marius Petipa
Musica: Riccardo Drigo
Ballerini: Yasmine Naghdi – Reece Clarke

Yasmine Naghdi – prima ballerina del Royal Ballet
Reece Clark – primo ballerino del Royal Ballet
Flavia Stocchi – Corpo di ballo del Teatro dell’Opera di Roma
Alessio Rezza – étoile Teatro dell’Opera di Roma
Claudia D’Antonio – étoile del Teatro di San Carlo
Alessandro Staiano – étoile del Teatro di San Carlo

Valentine Colasante – prima ballerina dell’Opera di Parigi
Paul Marque – étoile dell’Opera di Parigi

Coreografia in esclusiva: Valentino Zucchetti – primo solista del Royal Ballet

 
 

Check Also

“Madina” torna al Teatro alla Scala con Antonella Albano e Roberto Bolle

  Dopo il successo della prima mondiale, dal 28 febbraio al 9 marzo torna alla ...

Il Ballet Preljocaj presenta un omaggio ai Balletti Russi

All’Opéra Royal di Versailles è di scena dal 28 marzo al 5 aprile lo spettacolo ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi