Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / “L’enigma, l’estro, la grazia”: l’ultimo sapiente studio sulla danza della grande Vittoria Ottolenghi

“L’enigma, l’estro, la grazia”: l’ultimo sapiente studio sulla danza della grande Vittoria Ottolenghi

L'enigma, l'estro, la grazia - CopertinaDopo Mi è caduta la danza nel piatto e La danza, due opere entrambe pubblicate nel 2008, l’ultimo importante studio sulla danza che ci ha lasciato la “Signora” della critica è L’enigma, l’estro, la grazia, edito postumo nel 2014 dalla Mimesis Edizioni, a cura di Francesca Adamo che, nella Prefazione a questo piccolo volume, spiega molto bene quale sia stato l’obiettivo perseguito dall’autrice nel concepire questa sua ultima storica e partecipata riflessione sulla presenza, o meglio, sulla fusione delle categorie del “dionisiaco” e dell’ “apollineo” nel mondo della danza e del balletto:

«La consapevolezza dell’impossibilità di ridurre la danza, etichettarla o anche solo studiarla attraverso una di queste due categorie, l’apollineo e il dionisiaco, sta alla base della riflessione che Vittoria Ottolenghi svolge all’interno di questo saggio. La vera sfida proposta non è quella di categorizzare il balletto, assegnare a una o all’altra rappresentazione un’etichetta, quanto partire dalle immagini di “un’umanità non esplicitamente danzante” per arrivare quasi a delineare il noema della danza: un prodotto artistico “per accumulazione”»

Il risultato di queste premesse emerge in tutta la sua evidenza: il saggio si presenta infatti come un excursus storico che attraversa millenni di storia iconografica e coreografica al fine di dimostrare come il salto tra le raffigurazioni delle antiche pitture vascolari greche e il Faune di Nijinsky, sino ad arrivare ai grandi nomi della danza contemporanea (Balanchine, Béjart, Forsythe, Merce Cunningham e Isadora Duncan) è in realtà molto breve, perché la danza racchiude in un modo unico ed originale l’essenza apollinea e dionisiaca, non come due alternative opposte ed antitetiche ma come due facce della stessa medaglia, un’arte sorprendente nata dall’incontro fortunato di perfezione e istinto.

È questa la risoluzione a cui giunge Vittoria Ottolenghi in questo suo saggio sapiente e lungimirante, frutto e specchio della sua lunga esperienza di studiosa e giornalista di danza e di “ballettomane” indimenticabile quale è stata:

«Frequento questo ambito immenso delle “danze tra Dionysos e Apollo” da una cinquantina di anni – ci tiene infatti a ricordare la Ottolenghi – è l’ambito dunque, lo spazio, della danza secondo la cultura prevalente dell’Ottocento e del Novecento. Da quella di alta professionalità “classica”, “accademica”, fatta dai pochi per il piacere dei molti, professionisti, a quella “istintuale”, “di strada”, fatta dai molti per il loro proprio piacere, i dilettanti».

 Leonilde Zuccari

www.giornaledelladanza.com

Check Also

L’impatto psicologico dell’infortunio sul danzatore

L’infortunio è uno dei problemi più sentiti e temuti dai ballerini, sia professionisti che amatori. ...

Roberto Capucci firma i costumi di Prometeo per il Festival dei Due Mondi di Spoleto

Quando la danza incontra una delle più grandi firme dell’alta moda italiana non può che ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi