Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Alla Fabbrica del Vapore di Milano l’architettura coreografica di Davide Manico

Alla Fabbrica del Vapore di Milano l’architettura coreografica di Davide Manico

 

forse-sei-_-performing-guys1

Il 17 maggio 2015, nell’ambito di IT – Independent Theatre, festival del Teatro Indipendente nato per far conoscere al vasto pubblico il lavoro di decine di artisti indipendenti milanesi, la Fabbrica del Vapore di Milano ospita il debutto della compagnia Forse Sei _ Performing Guys, con l’opera Ioànnes 13:21-30 Lividi d’attesa, regia e coreografia del danzatore e coreografo Davide Manico, aiuto regia Silvia di Francesco, musiche tratte da La grande bellezza, vincitore del Premio Oscar come migliore film straniero.

Forse sei è una factory nata da un gruppo di giovani performers (Leonardo Moreno, Cristina Spinetti, Francesca Garbagnati, Sara Valenti, Laura Ballarati, Giulia Zucconi e Elena Garatti) provenienti da percorsi artistici molto diversi, ma che hanno scoperto il comune obiettivo di esplorare, conoscere e raccontare nuove forme di comunicazione attraverso il corpo e la voce, che vedremo nel loro lavoro d’esordio.

Artista dotato di ecletticità, sottile ironia, carisma e straordinaria sensibilità artistica, co-fondatore di Collettivo Pirate Jenny, due volte finalista al premio Equilibrio dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, semifinalista al Premio Scenario 2013 e ideatore della coreografia che fa da contorno al video Come vorrei di Vasco Rossi, in Ioànnes 13:21-30 Lividi d’attesa, Manico parte dalle famosissime opere di Caravaggio, Deposizione e Bacio di Giuda per dare vita ad un lavoro dal coreografo stesso definito ‘architettonico’ su più livelli.

C’è un’architettura compositiva fatta di leve, sostegni per i corpi degli elementi del gruppo, le cui articolazioni, ossa e posizioni sono come bulloni, parti ad incastro essenziali alla struttura globale, cosicché la minima modifica di un movimento o di una leva porta al cambiamento dell’intero equilibrio compositivo.

C’è un’architettura visiva, in un’analogia che richiama i capolavori pittorici prima citati qui riformulati in 3D, in cui attraverso lo spazio e il tempo, la struttura coreografica si scompone e dà vita a nuovi assetti e riequilibri.

Accompagnati da un’architettura di luce e punti di vista, in cui ogni gesto o spostamento viene colto e sottolineato da una luce specifica che guida l’occhio dello spettatore su molteplici piani di visione, i corpi dei sei danzatori incappucciati si ignorano, si attraversano e oltrepassano, si attraggono e si respingono, creando un unico grande livido, che in futuro testimonierà chi siamo e che cosa siamo diventati.

Infine c’è l’architettura emotiva da cui prende vita quest’opera, nata durante un periodo di intenso dolore dovuto a una perdita, dalle sensazioni di smarrimento, dolore e rabbia che portano ad una continua alternanza tra il senso di attesa e quello di abbandono.

Una sfida dunque per i performers quella di danzare l’attesa, l’incertezza e il sospetto, cercando di portare alla luce la verità. E proprio la luce è l’elemento chiave di quest’opera, che, illuminando il corpo, ne rivela i lividi che raccontano il dolore e la desolazione causati dai tradimenti, dallo sguardo di chi ci abbandona e dall’indifferenza e insensibilità umana verso la sofferenza altrui. 

ORARI & INFO

17 maggio 2015 – Ore 20.30

Fabbrica del Vapore (Spazio: Navata sud)
Via Procaccini, 4
20100 Milano

Tel. 02 8846 4132

E-mail: sbqv.fabbricadelvapore@comune.milano.it

Stefania Napoli
www.giornaledelladanza.com

 

Check Also

Nutrire di bellezza lo sguardo presenza Oriri, lo spettacolo scelto dagli spettatori

Venerdì 23 aprile alle ore 21:00 va in streaming lo spettacolo selezionato dal gruppo di spettatori “Visionari della danza”: Oriri di Paolo Rosini/BambulaProject. Nell’ambito ...

Biennale-Danza-Xiexin-Dance-Photo-HU-Yifan

Biennale Danza 2021: il programma completo

Al suo primo anno di direzione, Wayne McGregor illumina con il 15. Festival Internazionale di ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi