Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / MP3 Project di Michele Pogliani – Riflessione su uno stato di salute precario

MP3 Project di Michele Pogliani – Riflessione su uno stato di salute precario

Stasi incidentali – Riflessione su uno stato di salute precario

Stare fermo. Stare. L’enciclopedia Treccani ci ricorda essere uno dei verbi più comuni della lingua italiana che racchiude concetti quali “permanenza” e “immobilità”. Interessante è la sua etimologia – di antica radice indoeuropea – che conduce al concetto di “arrestarsi”, ma che riporta ad altri verbi quali «assistere, consistere, esistere, resistere, restare, sostare, stanziare, sussistere». Sì, certo, fermarsi ma anche assistere, resistere, stanziare.

Ed è proprio da queste altre parole che si muove questa riflessione. Mai come in questo caso specifico lo “stare” non è deciso, ma solo subìto e per una causa più che giusta, la salute del prossimo ancor prima della propria. Questo è un fatto. Come è un fatto che da settimane medici, infermieri, e tutta una serie di figure professionali specializzate stanno operando in maniera concitata per garantire al popolo l’assistenza necessaria durante l’emergenza. Dunque fermi, sì, ma non tutti. Alcuni corrono e a loro il “grazie”, anzi la “gratitudine” è doverosa oltre che sentita. La danza – poco importa se con “d” maiuscola o minuscola – si è dovuta arrestare.

Tant’è. Con enorme sacrificio, sia in termini economici che psicologici, e con uno stacco dei secondi sui primi. Vero è che siamo già abituati al sacrificio economico, ai tagli improvvisi e inspiegabili, alle disoccupazioni che giungono – se giungono – in tempi dilatati, perdendo la loro effettiva funzione di sussistenza nell’immediato periodo appunto di “disoccupazione”.

Poi c’è il grande arcipelago di “scuole private” che operando sul territorio nutrono – in alcuni casi con buoni risultati – la formazione delle giovanissime e dei giovanissimi. Ed è forse a loro che è dedicato questo pensiero. 1 Molti hanno parlato dell’emergenza Covid-19 come di una guerra, e in effetti i numeri ci sono: morti e feriti senza dubbio. Quanto ai “bombardamenti” la situazione non è poi più felice.

Certo, nulla in confronto a ciò che sta succedendo in questo stesso momento storico qualche centinaio di chilometro a sud-est (Gaza, Siria, tanto per fare un esempio), ma se pensiamo al bombardamento di dati e materiali telematici vari ed eventuali cui stiamo sottoponendo le giovanissime e i giovanissimi non c’è da rincuorarsi. Dunque stare, stare fermi, ma possibilmente in movimento. Un controsenso, o meglio una stasi controproducente.

Prendiamo la giornata tipo di un/a adolescente. Sveglia un po’ più tardi del solito, diciamo alle 8, perché la prima lezione on-line è alle 8.30, o anche alle 9.00, e non c’è traffico dal bagno alla cameretta. In media 4 ore di lezione, quindi dalle 3 alle 4 discipline. Pranzo. Pranzo luculliano in alcuni casi – ovviamente i casi più fortunati – perché i genitori che in genere lavorano in ufficio, ora con lo smart working operano in casa a hanno ore per preparare da mangiare.

Pomeriggio e sera il bombardamento vero e proprio di attività: video-conferenze, videoparty, video-aperitivi, TikTok – Make your day (Real people Real Day), Instagram, Facebook, video-lezione di danza, video-addominali, video-flessioni, video-saluto-al-sole (anche al tramonto), video-pilates. Insomma tutto video. Stiamo “consigliando” di adoperare metodi e modi che i giovanissimi e le giovanissime già praticavano e contro cui ci siamo scagliati in maniera bigotta e talvolta bacchettona fino a poche settimane fa (quattro per l’esattezza) quando questa non era ancora emergenza ma solo una banale influenza più virulenta del solito.

I motivi sono nobili, la modalità forse plebea. Perché in realtà stiamo solo riproducendo una normalità nella extra-ordinarietà, dunque un controsenso. Si sa, il corpo ha necessità di muoversi, di correre, di esplodere, ma siamo sicuri che questa sia la modalità più opportuna? Come si fa a correre ed esplodere nei metri quadri della proprio soggiorno? Semplicemente non si può. Un grand battement che non esplode semplicemente non è un grand battement.

Non sarebbe invece più opportuno educare non alla stasi, all’immobilità, ma allo stare? D’altra parte è quello che professiamo durante un momento di tenuta alla sbarra o al centro: “stai lì ma continua a muoverti internamente, il relevé è vivo, incede anche se sei sul posto”.

L’abbiamo sentito o detto milioni di volte. Dunque educhiamo a questo, all’essere in movimento pur accettando una stasi, un arresto che è temporaneo, e lo sappiamo. 2 Lasciamo loro lo spazio, il loro spazio immaginativo, lasciamoli nella loro cameretta, a ballare con la loro musica preferita, a saltare dal letto al divano sulle note della sigla del telegiornale o qualsiasi altra cosa, ma lasciamo che siano loro a decidere cosa, come e quando.

Lasciamogli la voglia di fantasticare. Se proprio noi grandi non sappiamo stare, chiediamo loro il segreto, chiediamogli quale musica ascoltano, qual è la loro ballerina preferita e perché no invogliamoli alla lettura, magari leggiamo insieme a loro e chiediamo cosa pensano di quelle righe. Stare.

MP3 Project – Danza & Eventi

www.giornaledelladanza.com

Check Also

Accademia Nazionale di Danza al via la XXII edizione il Premio Roma Danza

Giunge alla sua  XXII edizione il Premio Roma Danza, organizzato dall’Accademia Nazionale di Danza   quest’anno rivolto ...

Biennale Danza – “We Humans”: tutti gli appuntamenti

Si inaugurerà il 18 luglio 2024, con spettacoli fino al 3 agosto 2024, il ricco ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi