Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / “Nieuwzwart”, l’organismo poetico vivente di Wim Vandekeybus e della sua Compagnia Ultima Vez

“Nieuwzwart”, l’organismo poetico vivente di Wim Vandekeybus e della sua Compagnia Ultima Vez

NieuwZwart foto di Josep Aznar

In settantacinque minuti di performance, sul palco del Dansen Hus di Oslo, si esibiscono sette danzatori, una rock band e un’ attrice.

La coreografia è Nieuwzwart ed è firmata da Wim Vandekeybus e dalla sua Compagnia Ultima Vez. È un teatro danza molto fisico, ardente, acrobatico e molto particolare.

Il titolo può essere tradotto in italiano con “Nuovo nero”, e non si rifà alla moda del momento ma ad un pittore che cerca di inventare un nuovo colore, o in gergo coreutico, ad un coreografo che cerca di sperimentare un nuovo spettacolo.

La scena si apre con un trio rock sospeso a mezz’aria, sotto di loro c’è una ragazza, vestita di bianco che recita poesie tratte da “Nieuwe sterrenbeelden”, dell’autore fiammingo Peter Verhelst, e sette danzatori che si muovono su tutta la superficie del palco.

Lo scenario è molto scuro, gli unici oggetti che danno colore sono delle coperte che sembrano fatte d’oro scintillante.

La musica è forte e selvaggia, composta da Mauro Pawlowski. Alcune volte rimbombano suoni di scontri automobilistici e sono gli stessi danzatori che, vestiti di nudo, come uomini preistorici, sul palco si infrangono l’uno contro l’altro.

Danzatori com e animali che si arrampicano sulle montagne, attraversano i fiumi o tentano di fuggire dalle passioni che li rendono prigionieri.

Il vocabolario di Vandekeybus travolgente e all’avanguardia, mette in scena una danza vorticosa nella quale i sette interpreti (tre donne e quattro uomini), che hanno co-creato i movimenti con il coreografo, si lanciano in torsioni, giri, salti, che provengono dagli stili di danza più disparati.

Anima e corpo in Nieuwzwart si fondono in un organismo poetico vivente, che utilizza parole, musica, luci e movimento.

Per Vandekeybus questa performance è come un quadro astratto, o come dice lui stesso,  “È una grande palla di energia, un rituale primitivo, uno stato di trance” in cui operano inconscio, istinto ed intuizione.

 

ORARI & INFO

4 e 5 Maggio 2013 ore 19.00

Danse Hus – Oslo

Møllerveien 2 0182 Oslo (Norvegia)

Tel. 0047-23709400

billettsalg@dansehus.com

www.dansehus.com

 

Alessia Fortuna

Foto di  Josep Aznar

Check Also

Il Presidente Elisabetta Casellatti premia Carla Fracci e omaggia la danza in Senato

“Più leggera dell’aria, più lieve di un sospiro”. Così la critica ha definito negli anni Carla Fracci, ...

“Ink”: il nuovo lavoro di Dimitris Papaioannou in scena a Torinodanza Festival 2020

A Torinodanza Festival debutta, al Teatro Carignano, in prima assoluta e in esclusiva per l’Italia, ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi