Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Romaeuropa Festival 2022 inaugura con Emio Greco e Pieter C. Scholten

Romaeuropa Festival 2022 inaugura con Emio Greco e Pieter C. Scholten

La trentasettesima edizione del Romaeuropa Festival diretto da Fabrizio Grifasi, in programma dall’8 settembre al 20 novembre, è come una persona: attendeva l’uscita dalla crisi sanitaria e il ritorno a una normalità (seppure cambiata), è precipitato nello sgomento per le immagini atroci dell’invasione dell’Ucraina, cercherà di reagire con lo sguardo delle artiste e degli artisti del REF2022 contrapponendo idee e passione alla guerra e rivendicando una centralità umana senza frontiere geografiche, riconoscendo il valore delle differenze e della diversità. È una sorta di manifesto culturale per il dialogo, questo ‘fare festival’- annunciato nella splendida cornice dei giardini dell’Accademia Tedesca di Roma di Villa Massimo – che programmerà 80 spettacoli per 74 giorni, con oltre 400 protagonisti da 14 Paesi del mondo per un cartellone di musica, teatro, danza, nuovo circo, arti digitali e creazioni per l’infanzia. Alle prese con un pensiero sulla storia, sui nostri tempi e sulla società che verrà. Con auspici, tra gli altri, del presidente Guido Fabiani, di Salvatore Nastasi del Ministero della Cultura e dell’assessore Miguel Gotor del Comune. Con proposte anche radicali per opporsi al disagio in modo solidale e straordinario. Fin dalle battute propulsive d’apertura. 

L’inaugurazione avrà luogo l’8 e 9 settembre en plein air nella Cavea dell’Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone con un evento articolato e condensato dell’ICK Dans Amsterdam diretto da Emio Greco e Pieter C. Scholten che ha in serbo We Want It All, mix di atmosfere rock e pop, virtuosismo e classicità, omaggio al favoloso I Want It All dei Queen, una raccolta degli undici più clamorosi finali di performance del repertorio della compagnia, con contributi aggiunti degli interpreti della formazione junior ICK-Next per aprirsi a nuovi scenari e prospettive. Tra gli appuntamenti di prestigio che alla Cavea faranno da battistrada al REF ci sono anche Drumming in cui la coreografa fiamminga Anne Teresa De Keersmaeker insieme a ICTUS si confronta il 13-14 con l’omonimo capolavoro di Steve Reich, e In C il dialogo che la compagnia della tedesca Sasha Waltz stabilisce con la composizione di Terry Riley del 1964. Lavori, questi due, che recano il supporto della collaborazione-mecenatismo della Dance Reflections della maison Van Cleef & Arpels, anche sostenitrice del progetto coreografico site specific Passages di Noé Soulier dal 23 al 25 all’Accademia di Francia – Villa Medici.

Sara Zuccari

Check Also

Aterballetto in “Stravaganze in sol minore” spettacolo per bambini con storie ed i disegni di Toti Scialoja

Stravaganze in sol minore di Francesca Lattuada è al Teatro Il Piccolo di Forlì: martedì ...

Serata d’autore con il BTT e la compagnia spagnola LARREAL

Venerdì 14 giugno alle ore 21 il palcoscenico del Teatro Astra di Torino ospiterà una ‘Serata d’Autore’ dedicata ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi