Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Si torna in sala danza! Ecco perché riprendere a danzare è così importante

Si torna in sala danza! Ecco perché riprendere a danzare è così importante

Dopo tre mesi di stop, finalmente si torna in sala danza.

Le scuole sono pronte ad accogliere gli allievi, gli insegnanti hanno preparato nuovi riscaldamenti, diagonali, coreografie e idee.

Gli allievi invece sono pronti a riprendere le lezioni?

Tornare a ballare in autunno è sempre una sfida, richiede il recupero di concentrazione e allenamento fisico. Dopo una lunga pausa, il corpo si muove diversamente e il rendimento potrebbe non essere lo stesso di prima e va bene così.

Il rientro in sala inoltre coincide con il ritorno a scuola per i più giovani.

Per bambini e ragazzi, soprattutto negli ultimi anni, riprendere a studiare danza può essere faticoso. Molti genitori pensano che i figli debbano riposarsi o sfogarsi dopo ore passate sui banchi di scuola. Ritengono che correre in giro urlando o peggio stare seduti a giocare davanti a un computer sia il modo giusto per ricaricarsi. Ma è l’esatto opposto.

La concentrazione su se stessi, sul corpo e sulle emozioni, e la creatività richieste dalla danza sono il mezzo migliore per liberare positivamente l’energia e incanalarla in un’attività artistica vantaggiosa per il benessere del bambino.

La calma, la musica, la riflessione, l’autocontrollo e la pazienza servono a ritrovare equilibrio psico-fisico.

Il fisico si rigenera e si ricarica, la mente trae beneficio dalla concentrazione e dall’attenzione necessarie a imparare nuovi passi e coreografie.

Il lavoro in sala danza è impegnativo, certamente, ma è salvifico. Permette di allontanarsi per almeno un’ora dagli stimoli esterni eccessivi che rubano energia, come i social media e l’ossessione per gli smartphone.

La sala danza diventa un ambiente magico in cui l’allievo può riscoprire la consapevolezza, l’autostima e prepararsi alle pressioni e alle incombenze esterne, come appunto la scuola o il lavoro.

Quindi, chi è pronto a tornare a danzare?

Stefania Napoli
© www.giornaledelladanza.com

Check Also

Al Teatro dell’Opera di Roma in scena “Il lago dei cigni” di Benjamin Pech

Il lago dei cigni di Čajkovskij firmato da Benjamin Pech, dopo il successo della prima assoluta ...

Sofia Nappi/Komoco – “Pupo”: il tema della crescita e della consapevolezza

Venerdì 21 Giugno 2024, presso il Teatro Stabile di Parma, Fondazione Teatro Due, Arena Shakespeare, ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi