Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Paula Nuñez: “Gli artisti sono portatori di speranza e ispirazione nel mondo” [ESCLUSIVA]

Paula Nuñez: “Gli artisti sono portatori di speranza e ispirazione nel mondo” [ESCLUSIVA]

Paula-Nuñez-Tampa-City-Ballet

Nata a Caracas, in Venezuela, Paula Nuñez ha danzato in diverse compagnie in Sudamerica e in tutta Europa. Nel 1993 è stata nominata Direttore Artistico del Ballet de las Américas. Nel 2002, Nuñez ha istituito l’America’s Ballet School, a Tampa, in Florida, e nel 2012 la Compagnia Tampa City Ballet. In questa intervista esclusiva si racconta al Giornale della Danza.

Lei è la fondatrice e direttrice artistica del Tampa City Ballet, quando è stata fondata la Compagnia?

Il progetto educativo e di sensibilizzazione è stato lanciato nel 2012, con il programma “On Your Feet”. La compagnia professionale è stata istituita nel 2018.

Quali sono i principi fondanti?

Lo slogan del Tampa City Ballet è “Crea, Cattura, Educa, Collabora”

Qual è la Sua missione?

Il Tampa City Ballet si basa sulla creazione di performance uniche e su un programma di formazione di alta qualità. Il nostro obiettivo è cambiare la vita in positivo attraverso il potere della danza

Qual è il repertorio della Compagnia?

Il TCB è una compagnia di danza contemporanea professionale con un repertorio innovativo del XXI secolo che propone spettacoli d’avanguardia unici che fondono danza, teatro e arti visive. Il nostro repertorio comprende spettacoli full-length quali: IF I CRY, un viaggio surreale nella mente di Frida Kahlo – Anteprima mondiale 2018; PULCINELLA, in collaborazione con la Florida Orchestra e il Museum of Fine Arts; IT’ S BEEN A MINUTE, un’esplorazione della natura effimera del tempo, come viene vissuto e come viene ricordato – Anteprima mondiale 2020; la trilogia 7th AVE AND YBOR – Anteprima mondiale 2019 (prima trilogia): il cortometraggio 102 Degrees – 2020 (seconda trilogia). Come programma educativo presentiamo ogni anno il balletto classico Lo Schiaccianoci, in collaborazione con l’America’s Ballet School. Quest’anno abbiamo anche creato “The Nutcrackers Project”, un progetto nato con l’obiettivo di creare opportunità per i coreografi, mantenere gli artisti ispirati e trovare modalità per supportare il lavoro di qualità durante la pandemia.

La Compagnia prevede anche un programma di formazione?

Sì, gli studenti di età pari o superiore a 16 anni hanno l’opportunità di ricevere una formazione di altissimo livello e di esibirsi nelle produzioni del Tampa City Ballet e in quelle create per il programma di sensibilizzazione.

Quante ore di lavoro a settimana prevede il programma artistico nella Compagnia? Può descrivere una tipica settimana lavorativa?

Il TCB è operativo dal lunedì al venerdì con uno schema orario che va dalle ore 10:00 alle ore 16:00 suddiviso tra classi e prove. Nei fine settimana di solito ci esibiamo negli spettacoli pop-up che creiamo a cadenza regolare per il nostro pubblico.

Collaborate anche con altre compagnie e istituzioni?

Sì, le collaborazioni sono una parte importante della nostra missione. Abbiamo iniziato quest’anno con lo Stravinsky’s Ballet, per Pulcinella, in collaborazione con la Florida Orchestra, il Visual Artist Geff Strik e il Museum of Fine Arts. Collaboriamo inoltre con il Florida Museum of Photography, il Glazer Children’s Museum, il Dreamcatcher Project (Outreach Program). Il nostro obiettivo è avviare nuove collaborazioni internazionali alla fine del prossimo anno.

Qual è stato risultato più grande raggiunto sinora?

L’impatto per la nostra comunità di danza è enorme. Il mio più grande risultato è stato mantenere la compagnia e continuare a lavorare e produrre in questo periodo difficile fino a quando non riusciremo a creare un nuovo spazio per il Tampa City Ballet. Sicuramente abbiamo una meravigliosa opportunità per parlare del ruolo che svolgiamo nella nostra comunità e nella nostra società e il Tampa City Ballet sta iniziando ad avere voce.

La sfida più grande che ha incontrato nella Sua carriera?

La mia più grande sfida in qualità di Direttore è stata quella di lanciare una compagnia di danza professionale da zero e contemporaneamente mettere insieme un team di volontari disposti a supportarla.

Come ha organizzato le attività della Compagnia in questo difficile periodo in conseguenza delle restrizioni dovute alla pandemia COVID-19?

Con i teatri chiusi, uno degli adattamenti più importanti che abbiamo messo in atto all’inizio è stato decidere di creare danza attraverso il canale digitale. Il Tampa City Ballet è finanziato in parte dallo Stato della Florida, dalla contea di Hillsborough e da Ybor City. Con le sovvenzioni già in gioco, è diventato fondamentale rinegoziare i nostri risultati. Una volta che tutte le autorità concedenti hanno approvato i nostri emendamenti, mi sono messa in contatto con coreografi indipendenti e compositori musicali e abbiamo adattato le prove in aree aperte tramite zoom. Ho sentito che la danza per la macchina da presa era un’eccellente piattaforma per sperimentare un nuovo modo di continuare a creare e rendere l’arte rilevante. In risposta al momento e abbracciando i cambiamenti che sono stati necessari per adattare il lavoro in presenza al lavoro virtuale abbiamo dato vita a due creazioni: 102 Degrees, un cortometraggio sulla vita e la storia dei lavoratori della fabbrica di sigari di  Ybor City, che 102 anni fa è stata tra le comunità più colpite dalla spagnola in Florida; Reflections, un cortometraggio che fa rivivere la vitalità della nostra città e della sua architettura. In un’epoca in cui il coronavirus ha svuotato le nostre strade di persone e attività, la vista della danza che riporta in vita i colori è particolarmente bella e serve a ricordare alla nostra comunità che Tampa Bay è una città vivace e diversificata.

Come immagina il futuro della Danza?

L’impatto del COVID-19 sul mondo artistico è stato catastrofico. Concerti, festival, spettacoli e tour in tutto il paese sono stati sospesi fino al prossimo autunno. I teatri grandi e piccoli hanno chiuso, alcuni non riapriranno mai. Il futuro di oltre cinque milioni di persone che lavorano nel settore artistico e culturale è altamente a rischio. Nonostante questa tragedia, molte organizzazioni artistiche hanno abbracciato l’uso della tecnologia per mantenere in esecuzione i loro programmi. La videocamera ha permesso alle arti di uscire dai muri dei teatri, dalle gallerie e dagli studi chiusi e inserirle nella nostra vita quotidiana. Gli artisti stanno portando le loro creazioni digitali e le loro esibizioni a un pubblico più ampio, il che è molto positivo. Gli artisti sono portatori di speranza e ispirazione nel mondo perché continueranno a muoversi, ma dovremo iniziare da zero e lavorare insieme per trasformare gli spazi e creare un supporto che dia ai ballerini l’opportunità di lavorare.

Tampa-City-Ballet

Lorena Coppola

www.giornaledelladanza.com

Photo Credits: Tampa City Ballet

Check Also

Cuba Danza il nuovo libro di Elisa Guzzo Vaccarino edito Gremese

Cuba Danza, per la prima volta, racconta in tutte le sue sfaccettature l’universo fascinoso dei ...

Francesca Harper è stata nominata Direttore Artistico della Company Alvin Ailey II

La performer, coreografa, regista e artista multidisciplinare di fama internazionale Francesca Harper è stata nominata ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi