Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Tanti auguri a Mikhail Baryshnikov, stella della danza!

Tanti auguri a Mikhail Baryshnikov, stella della danza!

Oggi 27 gennaio Mikhail Baryshnikov compie 74 anni.

Mikhail Baryshnikov è un ballerino, coreografo e attore statunitense di origine sovietica. Nato in Lettonia, a Riga il 27 gennaio del 1948 da genitori russi, viene avviato giovanissimo alla danza classica: a dodici anni entra nell’Accademia di Ballo Vaganova, a diciotto diventa solista del Balletto Kirov e nel 1974, durante una tournée in Canada con il Bolshoi Ballet, chiede asilo politico a Toronto.

Successivamente, da Toronto si trasferisce negli Stati Uniti d’America e divenne cittadino nel 1976.

Dal 1974 al 1979 è primo ballerino dell’American Ballet Theatre, continuando tuttavia a fare sporadiche esibizioni con altre compagnie di balletto classico e danza moderna.

Nel 1980 entra nel New York City Ballet per un anno e mezzo, dove lavora con il coreografo George Balanchine. Dopo questa esperienza ritorna all’American Ballet Theatre come ballerino e direttore artistico (posizione che manterrà per dieci anni).

Dal 1990 al 2002 lavora come direttore artistico del White Oak Dance Project, una compagnia fondata da lui e Mark Morris.

Al di là del suo instancabile lavoro di animatore culturale del mondo della danza, Baryshnikov rimane nell’immaginario collettivo come uno dei più grandi ballerini viventi, protagonista di più di cento allestimenti in ruoli classici e moderni tra quest’ultimi, Push Comes to Shove di Twyla Tharp e Apollo di George Balanchine. Accanto a queste sue memorabili interpretazioni, va ricordata inoltre la sua lunga carriera di attore cinematografico, che lo ha visto recitare in film quali Due vite, una svolta (1977), di Herbert Ross, o Il sole a mezzanotte (1985), di Taylor Hackford. Tra gli ultimi dei molti riconoscimenti ricevuti, si contano il New York Dance and Performance Award (1997), il Kennedy Center Honor e la National Medal of Arts (2000), il Jerome Robbins’ Award, il Liberty Award e l’Arison Award. Uno dei più recenti e ambiziosi progetti porta il nome di Baryshnikov Arts Center, laboratorio aperto a tutti gli artisti indipendenti con sede nel cuore di New York.

Sara Zuccari

Check Also

“Interplay”, a Torino 29 compagnie da tutto il mondo

Ventinove compagnie e 32 spettacoli in long e short format, un viaggio tra diversi stili ...

Spoleto 2022, Sara Zuccari – Racconta la Danza: “Danza chi, come e perché” per l’occasione incontra i giovani e Julio Bocca

Giunta alla 30ª edizione, la Settimana Internazionale della Danza e il Concorso Internazionale di danza ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi