Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Teatro di Verdura in scena “Zorba il greco” di Lorca Massine per il Massimo di Palermo

Teatro di Verdura in scena “Zorba il greco” di Lorca Massine per il Massimo di Palermo

Il fascino della danza e della musica di “Zorba il greco” va in scena al Teatro di Verdura il 20 e il 21 luglio con le coreografie originali di Lorca Massine e il Corpo di ballo, l’Orchestra e il Coro del Teatro Massimo.

Per la prima volta a Palermo, va in scena al Teatro di Verdura il 20 e il 21 luglio alle 21:15per la stagione estiva del Teatro Massimo, Zorba il greco”, il balletto corale in due atti e ventidue quadri, creato dal coreografo Lorca Massine sulla musica trascinante di Mikis Theodorakis, adattata per il balletto dallo stesso compositore. La coreografia prende spunto dal romanzo di Nikos Kazantzakis, reso celebre dall’omonimo cult movie, interpretato da Anthony Quinn, Irene Papas e Alan Bates, diretto nel 1965 da Michael Cecoyannis.

Ad interpretare lo spirito libero e anticonformista di Zorba è Dan Haja, solista ospite e primo ballerino del Teatro dell’Opera di Clujche danza con i ballerini del Corpo di Ballo del Teatro Massimo diretto da Jean-Sébastien Colau. Insieme a lui per il ruolo dell’americano John Alessandro Casà (20/7) e Diego Mulone (21/7); Martina Pasinotti (20/07) e Chiara Sgnaolin (21/07) interpretano Marinala donna contesa; Alessandro Cascioli (20/07) e Dennis Vizzini (21/07) Manolios e Giada Scimemi (20/07) e Simona Filippone (21/07) Madame Hortense. L’Orchestra e il Coro del Massimo sono diretti da Danila Grassi. Contralto Myrtò Bocolini. Maestro del Coro Salvatore Punturo. Assistente alla coreografia Anna Krzyskow.

Al centro della vicenda, ambientata in un piccolo villaggio rurale della Grecia, è la storia di amicizia fra Zorba e il turista americano John, sullo sfondo di un contrasto drammatico nato tra gli abitanti greci e lo straniero colpevole di essersi innamorato di una donna del posto. Saranno la danza e la musica, che intrecciano tradizione classica e sonorità popolari, a sfidare la morte e a cancellare ogni diversità e ogni contrasto in un crescendo liberatorio che culmina in un coinvolgente sirtaki finale.

Il mio Zorba – racconta Lorca Massine – è l’eroe di un popolo d’avanguardia. Il suo antenato potrebbe essere Dioniso. La sua personalità da leone gli comanda di dare l’esempio, ordinando al comune mortale di vivere all’altezza della propria vita divorando il presente, dimenticando il passato, sorvolando il futuro. Il tema del balletto – prosegue – riguarda la tensione tra le forze opposte della razionalità apollinea e dell’esaltazione dionisiaca. La danza è il contenitore di una potente espressione di libertà e il danzatore è il messaggero che trasporta la sofferenza dei protagonisti verso la conciliazione di questi opposti. In questi trent’anni dalla sua creazione, l’appassionata risposta del pubblico all’opera ha rafforzato la mia fiducia nelle potenziali forze liberatorie che possono risiedere silenziosamente in tutti noi. Nelle immagini del finale assisteremo alla celebrazione della conciliazione della razionalità e dell’esaltazione euforica, dove il dolore si trasforma in giubilo e il danzatore riunisce le forze dell’intera natura che gli permettono di diventare un ambasciatore della vita”.

Coreografo di fama internazionale, nato a New York da genitori russi emigrati, Lorca Massine ha al suo attivo più di cinquanta coreografie create per i teatri di tutto il mondo. Figlio d’arte, ha ereditato il suo amore per la danza dal padre, Léonide Massine, danzatore e coreografo tra i più illustri del panorama artistico del Novecento. Come ballerino ha danzato da solista con i principali coreografi del nostro tempo: Georges Balanchine, Jerome Robbins, suo padre Leonide Massine e Maurice Bejart. Ai suoi ballerini raccomanda: “Non danzatesiate il movimento”. Zorba il greco è il suo capolavoro, una coreografia rappresentata in più di trenta paesi, che mantiene ancora, dopo tanti anni e più di 5000 repliche, tutta la sua forza espressiva.

Sul podio dell’Orchestra del Teatro Massimo torna Danila Grassi, pugliese, classe 1993, per dirigere le musiche di Mikis Theodorakis che intrecciano tradizione classica e sonorità popolari. Conosciuto in tutto il mondo oltre che per le sue composizioni anche per l’impegno politico che gli costò l’esilio, Theodorakis firmò oltre a Zorba il greco altre celebri colonne sonore come “Z, l’orgia del potere (1969), il film di Costa Gravas che denuncia il regime della “Grecia dei colonnelli” e Serpico (1973) di Sidney Lumet, con Al Pacino.

Sara Zuccari

Check Also

Biennale Danza 2024, consegnati i Leoni a Caprioli e Harrell

Sono stati consegnati nel corso della cerimonia a Ca’ Giustinian i due principali premi della ...

CollettivO CineticO: “OMUS. Chiedi alla pelle di rispondere”

Nell’ambito di Bolzano Danza 2024, il 26 luglio 2024, al Teatro Comunale di Bolzano, Francesca ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi