Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / News / A Padova una vetrina contemporanea su giovani performer e sull’incrocio culturale e artistico

A Padova una vetrina contemporanea su giovani performer e sull’incrocio culturale e artistico

Nell’ambito del Festival La Sfera Danza si inserisce il progetto di mobilità artistica internazionale Crossroads – Inhabiting the world, ideato e promosso da DANCEHAUSpiù e Milanoltre Festival, Padova Festival Internazionale La Sfera Danza, Megakles Ballet, con la collaborazione speciale di Eurasia International Network diretto da Stefano Fardelli.

Lo spettacolo è una vetrina di danza contemporanea aperta su quattro talentuosi danza-autori che hanno intrapreso un viaggio nei paesi extra-europei a loro destinati, India, Libano, Messico e Senegal.

Il progetto prevede la creazione di quattro opere nate dai percorsi creativi di ricerca e dalla collaborazione con artisti locali.

L’ibrido multidisciplinare di tecniche e conoscenze delle differenti culture ha generato un’unica grande performance in cui i danzatori sono protagonisti e testimoni di un sapere e di un’esperienza condivisa.

Assisteremo alle prime regionali delle quattro opere.

Passage (India) di Girish Kumar Rachappa indaga sulla differente visione della morte e dell’aldilà esistente in due culture diverse, quella messicana e quella indiana.

Light Darkness (Libano) di Marta Wolowiec è un solo che ruota attorno a due concetti antitetici, luce e oscurità. Il lavoro è nato dalle limitazioni nell’accesso all’elettricità del Libano che influenza l’economia e la vita della popolazione.

Gar or gar tombe (Messico) di Sly Mattia Quintavalle racconta il connubio tra danza e musica, e il ruolo di quest’ultima come co-protagonista. La musica è una voce che interagisce con il danzatore e contribuisce a creare la coreografia.

Infine, Hear me moo (Senegal) ideato dal performer italiano Matteo Sedda assieme all’artista visivo Rudra Kishore Mandal e al compositore musicale Hao Wu. L’opera si interroga sul corpo e sulle sue qualità del movimento, in un gioco di inganni che confonde le percezioni. Stereotipi e archetipi saranno la chiave per introdurre una metamorfosi senza fine, che porterà l’artista a diventare altro.

Al termine delle esibizioni seguirà un incontro con gli artisti che condivideranno con il pubblico le straordinarie esperienze vissute.

 

INFO

25 settembre 2022, dalle ore 17.00

Teatro Verdi – Ridotto
Via dei Livello, 32
35139 Padova

Telefono: +39 348 294 7552

e-mail: lasferadanza@gmail.com

Stefania Napoli
© www.giornaledelladanza.com

Check Also

Monumentum

“MONUMENTUM the second sleep”: restituire identità al linguaggio del corpo contemporaneo

La programmazione di Torinodanza Festival 2022 prosegue con MONUMENTUM the second sleep, il nuovo lavoro ...

Il-labirinto

Compagnia Opus Ballet: “Il Labirinto – Il Mito di Arianna e il Minotauro”

In occasione del In2Itfest International Dance Festival 2022, in Norvegia, la Compagnia Opus Ballet, diretta ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi