Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / A Siviglia la versione ecologica del “Lago” di Preljocaj

A Siviglia la versione ecologica del “Lago” di Preljocaj

Tralasciando i mezzi decorativi ed espressivi utilizzati come tramite per sottolineare le figure del “ballet blanc” con le sue creature diafane e immateriali il coreografo Angelin Preljocaj fonde la preoccupazione per il cambiamento climatico con la musica di Čajkovskij – introducendo altri frammenti musicali a cura del “collettivo 79D” – per una versione del “Lago dei cigni” che si svolge tra depositi di combustibili e l’amore appassionato che si traduce in un manifesto per la salvaguardia del pianeta.

Angelin Preljocaj si è formato nel balletto classico prima di concentrarsi sulla danza contemporanea. Successivamente ha lavorato con Merce Cunningham e Zena Rommett a New York. Nel 1984 fonda il proprio ensemble (Ballet Preljocai presso Le Pavillon Noir) e da allora crea coreografie di enorme successo entrate a far parte del repertorio delle compagnie mondiali. Con questa versione, che ha debuttato in prima assoluta alla “Comédie de Clermont-Ferrand” nel 2020, Preljocaj aggiorna il capolavoro ballettistico ai giorni nostri e ipotizza che il lago – metafora dello stesso balletto classico? – sia in pericolo di estinzione e debba essere salvato adattandosi alle nuove sfide ambientali. Una lettura votata al risveglio e alla comprensione per le arti e per il martoriato ambiente.

Il sorprendente artista francese di origine albanese è tornato così allo stile narrativo accostando la sua creatività al “balletto dei balletti”. Restando fedele al tessuto drammaturgico offre allo spettatore il concetto di mito del danzatore-cigno attualizzandolo alla contemporaneità, senza tralasciare i “déjà-vu” tipici del romanticismo e gli immancabili (aggiornati) tutù.

Dopo aver riletto “Biancaneve” e “Romeo e Giulietta”, Preljocaj ha pensato all’acclamato classico (nato il 20 febbraio 1877 sulla coreografia di Julius Wenzel Reisinger) con una profonda revisione mentre trasforma la principessa Odette in una coraggiosa ecologista (spettacolo arrivato negli anni passati anche in Italia). Il corpo di ballo di Aix-en-Provence con questa interpretazione ha dimostrato ancora una volta la sua eccellenza internazionale.

In scena il 24 e 25 febbraio in un unico atto sul maestoso palco del Teatro de la Maestranza a Siviglia (inaugurato dalla Regina Sofia di Spagna nel 1991 ad opera degli architetti Luis Marin de Terán e Aurelio del Pozo con una capienza di oltre 1.800 persone è situato in una zona storica della capitale andalusa).

 

 Michele Olivieri

 

Foto: Jean-Claude Carbonne 

www.giornaledelladanza.com

Check Also

In libreria “Filippo Taglioni” Padre del ballo romantico di Bruno Ligore

L’opera ripercorre la vita e l’arte di Filippo Taglioni (1777-1871), ballerino, coreografo e insegnante di ...

La nuova danza d’autore protagonista della chiusura di Off Label

Sarà un pomeriggio interamente dedicato alla danza, quello con cui si chiuderà, domenica 21 aprile, ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi