Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Adulti e danza: limiti e potenzialità del corpo del ballerino adulto

Adulti e danza: limiti e potenzialità del corpo del ballerino adulto

In un articolo precedente abbiamo posto l’accento sulle motivazioni per cui iniziare o tornare a ballare da adulto può rappresentare una sfida.

Vediamo adesso come affrontare gli inevitabili limiti, soprattutto fisici, e come esaltare le capacità del corpo di un ballerino adulto.

Come prima cosa è necessario comprendere l’importanza di riadattare le modalità con cui si studia la danza e l’approccio soprattutto mentale.

Chiaramente un adulto non possiede la stessa facilità di movimento ed elasticità di un giovane danzatore, quindi danzare richiede maggiore energia, fatica e concertazione.

Quando balliamo, chiediamo al nostro corpo di muoversi in un modo diverso, di sfruttare una dinamica differente, mantenere posizioni e una postura che non conosceva prima di iniziare il percorso nella danza. Per questa ragione, specie da adulti, il lavoro deve essere affrontato con pazienza, serietà e gentilezza verso se stessi.

Se si tratta di un ritorno nella sala danza dopo anni, il cervello del ballerino invierà gli stessi messaggi al corpo, il quale ricorda i movimenti e le posizioni, essendo i muscoli dotati di una memoria ferrea. Tuttavia, il corpo potrebbe non essere in grado di rispondere come anni addietro. E’ essenziale dunque imparare a controllare le aspettative ed evitare ogni forma di auto colpevolizzazione che crea solo frustrazione e toglie il senso alla danza stessa.

Il neofita invece deve comprendere che sta creando nuove e vaste reti di percorsi neurali che richiedono tempo per stabilizzarsi e rafforzarsi.

Ciò che pensiamo che il nostro corpo stia facendo e ciò che vediamo riflesso nello specchio possono essere due cose molto diverse. E’ perfettamente normale, a qualunque età, e non deve destabilizzare o mortificare, al contrario, deve motivare.

Controllare equilibri e linee, e riprendere padronanza di salti e movimenti più dinamici diventa sempre più prezioso, man mano che le naturali limitazioni fisiche aumentano con il trascorrere del tempo.

Tale consapevolezza genera un appagante senso di ricompensa, soprattutto nel momento in cui si comprende che la danza non richiede solo tecnica e perfezione, ma emozione, determinazione, umiltà e passione, doti che non hanno età.

Stefania Napoli
www.giornaledelladanza.com

Check Also

Torna in scena il Balletto di Milano: Carmen e lo Schiaccianoci

Tornato finalmente in scena, il Balletto di Milano è atteso da oltre 18 mesi anche ...

Carla il film tv della Rai, la prima al cinema 8, 9 e 10 novembre

Andrà in onda a dicembre suRai 1, in prima serata, il film tv Carla. Si tratta del primo film ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi