Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Al via gli appuntamenti di danza della Triennale Milano Teatro 2023

Al via gli appuntamenti di danza della Triennale Milano Teatro 2023

Dal 20 ottobre al 16 dicembre in cartellone Amir Reza Koohestani, Motus, François Chaignaud, mk, Daria Deflorian

La stagione 2023

 Otto gli appuntamenti in programma da martedì 24 ottobre a sabato 16 dicembre per una stagione che si propone come uno speciale osservatorio della pluralità dei linguaggi tra danza, teatro, musica e performance e che porterà a Milano artisti, compagnie e progetti da Iran, Israele, Francia, Belgio, Germania e Italia. Per Paola Dubini, Presidente di Triennale Milano Teatro, “ogni progetto di Triennale Milano Teatro nasce dall’osservazione del nostro habitat e dall’ascolto e dall’attenzione per i nostri pubblici, anche quelli potenziali”. Umberto Angelini, Direttore artistico di Triennale Milano Teatro, spiega che “la programmazione conferma la nostra vocazione internazionale e il sostegno agli artisti più significativi della ricerca italiana”.

Il programma

  La stagione 2023 prende il via dal 24 al 26 ottobre con il grande teatro internazionale per la prima italiana di “Blind Runner”, coproduzione Triennale Milano Teatro e ultimo spettacolo del regista iraniano Amir Reza Koohestani con il suo Mehr Theatre Group: al centro, la vicenda di una donna, prigioniera a seguito delle manifestazioni che hanno insanguinato il Paese, e del suo audace e folle piano per raggiungere l’Inghilterra attraverso il tunnel della Manica. 

La danza è nuovamente protagonista il 27 e 28 ottobre con il ritorno in Triennale del talento poliedrico di François Chaignaud, coreografo e interprete ma anche scrittore, storico, cantante e autentico maestro del crossdressing: in “Symphonia Harmoniæ Cælestium Revelationum” (altra prima italiana), Chaignaud prosegue nella sua originalissima rivisitazione di miti e storie del passato accompagnato dalle musiche ipnotiche di Marie-Pierre Brébant, con lui sul palco per l’occasione.

Il mese di novembre si apre con la prima puntata della terza tappa del progetto Piscina Mirabilis, inedito laboratorio-performance ideato per Triennale Milano Teatro da Michele Di Stefano (Leone d’Argento per la Danza a Venezia e artista associato di Triennale Milano Teatro per il triennio 2022-2024) con la sua compagnia mk (3-5 novembre), che invita a cercare una connessione collettiva nel movimento, nella pura espressione dinamica. A seguire dal 17 al 19 novembre Di Stefano presenta il suo nuovo lavoro “Sfera”, rappresentazione della cifra stilistica della compagnia, che trae spunto e suggestioni dal Kecak, affascinante forma di danza e musica rituale tipica della tradizione balinese.

Tra la fine di novembre e l’inizio di dicembre spazio al teatro con “Frankenstein (A Love Story)” di Motus, punto di riferimento storico della ricerca italiana e internazionale, rivisitazione del classico di Mary Shelley che vede il ritorno in scena di Silvia Calderoni (22-26 novembre), e la prima uscita in “solo” da regista di Daria Deflorian (artista associata di Triennale Milano Teatro per il triennio 2022-2024), che in “Elogio della vita a rovescio”, condiviso e interpretato da Giulia Scotti, si concentra su uno dei temi topici della scrittrice sudcoreana Han Kang, vincitrice tra gli altri nel 2016 del Man Booker International Prize: il rapporto tra sorelle.

Dopo la seconda e ultima puntata per questo 2023 di “Piscina Mirabilis” (4-6 dicembre), arriva la musica, altra costante nella proposta di Triennale Milano Teatro, che torna protagonista in chiusura di cartellone grazie al nuovo appuntamento realizzato in collaborazione con Radio Raheem, resident radio di Triennale Milano: 25AV è una piattaforma dedicata alle arti audiovisive e performative finanziata dall’Unione Europea e creata da Radio Raheem insieme a Kiosk Radio di Bruxelles e Radio 80000 di Monaco di Baviera, che ha selezionato attraverso un’open call in tutta Europa quattro progetti di live audio-video, che si esibiranno il 16 dicembre in prima nazionale in teatro.

La Stagione 2023 di Triennale Milano Teatro sarà ancora una volta nel segno di Romeo Castellucci, Grand Invité di Triennale Milano per il quadriennio 2021-2024. L’artista cesenate curerà la nuova tappa dello speciale progetto formativo iniziato nel 2021 con “Nascondere” e proseguito nel 2022 con “La quinta parete”: il nuovo ciclo di incontri, come sempre dedicato a un gruppo di professionisti e studenti (selezionati tramite apposita call), prenderà il via il prossimo 27 ottobre e si concluderà come di consueto con un’apertura pubblica prevista per giovedì 16 novembre.

Sara Zuccari

Check Also

I benefici della danza classica per bambini (e non solo): concentrazione, memoria e realizzazione di sé

Molti pensano che la danza, classica e non, sia una semplice forma di svago, un ...

“Le Petit Jane Austen Ball” nella barocca Eichstätt

Dopo che i tuoni della rivoluzione passarono in secondo piano e Napoleone pose il suo ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi