Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Alessandra Celentano: “Niente potrà mai sostituire il vero lavoro in sala di danza”

Alessandra Celentano: “Niente potrà mai sostituire il vero lavoro in sala di danza”

Alessandra-Celentano-Foto-Johnny-Rosato

L’attuale situazione del nostro Paese ha cambiato, stravolto e trasformato il mondo dell’arte, del teatro e dello spettacolo. Le scuole di danza, i vari direttori ed insegnanti, ad esempio, sono da sempre poco considerati dall’economia del Paese. È un’emergenza e quindi va bene adattarsi e reinventarsi trovando delle soluzioni per non perdere di vista i propri allievi e non far morire la danza, tutti lo abbiamo fatto, ma mi chiedo: quanto può ancora durare?

La danza è contatto, coinvolgimento fisico e sudore; sono certa che niente potrà mai sostituire il vero lavoro in sala di danza. I centri di danza sono da sempre importanti vivai per le compagnie ed il mondo dell’arte in generale e lo studio di tale disciplina aiuta ad essere delle persone migliori, consapevoli e attente. Privare ancora, soprattutto i giovani, di alimentare le proprie passioni e di dedicarsi all’arte, non può che danneggiarli. Servono degli aiuti concreti ed un ritorno, disciplinato come la danza stessa insegna, alla normalità.

È questo l’accorato appello di Alessandra Celentano lanciato sui suoi profili social in questo momento di estrema precarietà. Molteplici i commenti che si sono susseguiti sia sulla pagina Facebook che sul profilo Instagram, a riprova dell’estrema sofferenza del settore e dei tanti quesiti che iniziano a sorgere sul futuro dei danzatori, sulle possibilità di formare nuove generazioni di artisti e sulle ripercussioni non solo sul piano pratico ma anche e soprattutto psicologico, come sottolinea Alessandra Celentano: Privare ancora, soprattutto i giovani, di alimentare le proprie passioni e di dedicarsi all’arte, non può che danneggiarli.

Sebbene i vari mezzi digitali abbiano consentito di portare avanti le attività artistiche in alcuni casi, tuttavia l’esigenza di ritornare al lavoro quotidiano fatto di sbarra, sudore, contatto, prove, spettacoli è davvero un must imprescindibile; pertanto, si spera che tale appello non cada nel vuoto e che la danza ritorni al più presto ad avere i suoi spazi e il suo ampio respiro.

Lorena Coppola

www.giornaledelladanza.com

Photo Credits: Johnny Rosato

Check Also

Fondazione Nazionale della Danza – Aterballetto presenta “MicroDanze”

Dal 12 novembre 2021 al 16 gennaio 2022 la Fondazione Palazzo Magnani e la Fondazione Nazionale della Danza ...

La danza torna protagonista per la 73esima edizione dell’Estate Teatrale Veronese

Diverse declinazioni, differenti generi, un’unica arte. La danza torna grande protagonista al Teatro Romano. Dal ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi