Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Alicia Alonso, il ricordo della prima ballerina assoluta ad un anno dalla morte

Alicia Alonso, il ricordo della prima ballerina assoluta ad un anno dalla morte

Alicia Alonso

Alicia Alonso, nome d’arte di Alicia Ernestina de la Caridad del Cobre Martínez Hoyo nasce a L’Avana il 21 dicembre 1920 e muore nello stesso luogo il 17 ottobre 2019.  Ad un anno dalla sua morte il Giornale della Danza rende omaggio alla diva del popolo cubano, “prima ballerina assoluta” per la critica internazionale già dagli anni Trenta.

Alicia Alonso ha fatto di Cuba uno dei luoghi più prestigiosi del balletto classico a livello mondiale

Insieme al marito Fernando Alonso, appoggiata da Fidel Castro, nel 1948 ha creato il Balletto Nazionale di Cuba e l’Accademia portando la danza nelle fabbriche, nelle scuole e nelle zone dell’Havana più povere e disagiate per donare le borse di studio. Ma non solo. Seppur purtroppo cieca fin dalla giovane età, ha danzato fino a 70 anni. Dopo la sua morte, a 98 anni, i cubani le hanno reso omaggio nelle strade e nelle piazze della capitale. E i suoi ballerini l’hanno ricordata danzando in riva al mare, per le vie della città e nel teatro a lei intitolato. Alicia Alonso si affaccia al mondo della danza nel 1931 a L’Avana, presso la scuola di balletto della Sociedad Pro-Arte Musical, con Nikolai Yavorsky. Inizia a danzare a Cuba con il nome di Alicia Martinez.

A 15 anni si sposa con il partner, il ballerino Fernando Alonso

Da quel momento in poi Alicia adotta il nome di Alicia Alonso. Continua gli studi a New York con Anatole Vilzak e Ludmilla Shollar alla Scuola dell’ American Ballet e più tardi a Londra con Vera Volkova. La sua carriera professionale inizia però negli Stati Uniti nel 1938. Danza in molte commedie musicali come “Great Lady” nel 1938 e ” Stars In Your Eyes” nel 1939.

A 19 anni diventa purtroppo parzialmente cieca. Alicia si aiuta con le luci per orientarsi sulla scena, chiedendo inoltre ai partner artistici di trovarsi esattamente là dove lei pensava che si trovassero. Nell’autunno del 1941 i medici le diagnosticano il distacco della retina e le ordinano un anno di assoluto riposo. È in quel periodo che Alicia Alonso impara a ripetere i gesti della danza nella sua mente e a immaginare i movimenti delle sue gambe. I disturbi alla vista, fino alla quasi cecità, accompagneranno l’intera carriera della Alonso.

Dopo dodici mesi di inattività, trascorsa per lo più bendata e a letto, Alicia riprende a ballare. Da un occhio ha perso quasi del tutto la vista, solo la straordinaria forza di volontà le impedisce d’interrompere la carriera. La grande occasione per imporsi definitivamente arriva il 2 novembre del 1943: al Teatro Metropolitan di New York va in scena “Gisele” e la prima ballerina si ammala. Alicia supera il provino di prima ballerina. Il giorno del debutto va in scena con i talloni sanguinanti, a causa delle tante ore passate a provare e riprovare i passi, ma il trionfo la ripaga dei sacrifici.

Nel 1939 Alicia Alonso entra nella compagnia fondata da George Balanchine, l’American Ballet Caravan, precursore dell’attuale New York City Ballet

Nella prestigiosa e nuovissima compagnia trascorre i migliori anni della sua carriera di ballerina interpretando i grandi ruoli del balletto classico. Nominata étoile, avrà l’occasione di lavorare con i più grandi coreografi del tempo: Michel Fokine, George Balanchine, Leonide Massine, Bronislava Nijinska, Anthony Tudor, Jerome Robbins a Agnes de Mille.

Le sue versioni dei grandi balletti classici divennero note a livello internazionale: all’Opera national de Paris (Giselle, Grand pas de quatre, La Belle au bois dormant), all’Opera di Vienna e al Teatro San Carlo di Napoli (Giselle). Ma anche all’Opera di Praga (La fille mal gardee) e alla Scala di Milano (La Belle au bois dormant).

Alicia Alonso e il balletto nazionale di Cuba (Grand Palais, Paris) 2007

Desiderosa di dare un contributo allo sviluppo del balletto a Cuba, il suo paese d’origine, fonda nel 1948 a L’Avana il Ballet Alicia Alonso. Questa compagnia prenderà in seguito il suo nome attuale di Ballet Nacional de Cuba, da lei diretta fino alla morte.

Nel 2002 è nominata ambasciatore di buona volontà dall’UNESCO per il contributo allo sviluppo e alla salvaguardia della danza classica.

Non esiste una registrazione secondo la quale il titolo sia stato mai attribuito ufficialmente, ma è accreditata come Prima ballerina assoluta in numerose fonti, compreso il Cuban National Ballet, del quale è stata la fondatrice.

Spero che mi ricordino come un’artista onesta con la sua arte e con la sua epoca, che amò danzare sopra ogni cosa”

Riconoscimenti di Alicia 

  • 1958: Dance Magazine Annual Award
  • 1964: Cavaliere del Lavoro della Repubblica Democratica del Vietnam
  • 1966: Grand Prix de la Ville de Paris
  • 1966: Premio Anna Pavlova dell’Università della Danza, [Parigi]
  • 1985: Medaglia d’oro del Gran Teatro de L’Avana
  • 1999: Medaglia Pablo Picasso dell’UNESCO

Elena Parmegiani

www.giornaledelladanza.com 

Check Also

Friedemann Vogel un cofanetto edizione limitata con 23 scatti per i bambini malati

I teatri sono chiusi. Così la star del balletto di Stoccarda Friedemann Vogel ha conquistato nuovi ...

CLASH! International Festival promosso dal Balletto di Roma

Appuntamento dall’8 al 13 dicembre 2020 con CLASH! International Festival – The Hybrid in Dance ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi