Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Chicche di Danza

Chicche di Danza

Alessandra Celentano: “Niente potrà mai sostituire il vero lavoro in sala di danza”

Alessandra-Celentano-Foto-Johnny-Rosato

L’attuale situazione del nostro Paese ha cambiato, stravolto e trasformato il mondo dell’arte, del teatro e dello spettacolo. Le scuole di danza, i vari direttori ed insegnanti, ad esempio, sono da sempre poco considerati dall’economia del Paese. È un’emergenza e quindi va bene adattarsi e reinventarsi trovando delle soluzioni per non perdere di vista i propri allievi e non far morire la danza, tutti lo abbiamo fatto, ma mi chiedo: quanto può ancora durare? La danza è contatto, coinvolgimento fisico e sudore; sono certa che niente potrà mai sostituire il vero lavoro in sala di danza. I centri di danza sono da sempre importanti vivai per le compagnie ed il mondo dell’arte in generale e lo studio di tale disciplina aiuta ad essere delle persone migliori, consapevoli e attente. Privare ancora, soprattutto i giovani, di alimentare le proprie passioni e di dedicarsi all’arte, non può che danneggiarli. Servono degli aiuti concreti ed un ritorno, disciplinato come la danza stessa insegna, alla normalità. È questo l’accorato appello di Alessandra Celentano lanciato sui suoi profili social in questo momento di estrema precarietà. Molteplici i commenti che si sono susseguiti sia sulla pagina Facebook che sul profilo Instagram, a riprova dell’estrema sofferenza del ...

Read More »

La Biennale di Venezia: i Leoni per la Danza 2021

La-Biennale-di-Venezia-Oona-Doherty

  È la carismatica danzatrice e coreografa franco-senegalese Germaine Acogny, nota in tutto il mondo come “la madre della danza contemporanea africana”, il Leone d’oro alla carriera per la Danza 2021. Alla danzatrice e coreografa nord-irlandese Oona Doherty, personalità graffiante e potente della scena europea, è tributato il Leone d’argento. I Leoni per la Danza 2021 sono stati deliberati dal Consiglio di Amministrazione della Biennale di Venezia che ha accolto la proposta di Wayne McGregor, direttore del settore Danza. Nella motivazione si legge: Germaine Acogny è un’artista di altissima qualità e massima integrità – recita la motivazione. Il suo contributo alla formazione nella danza e nella coreografia dei giovani dell’Africa occidentale e l’ampia diffusione del suo lavoro nel Paese d’origine e nel mondo hanno fatto di lei una delle voci autonome che più hanno inciso sullo sviluppo dell’arte della danza. La Acogny crede nel potere della danza di cambiare la vita delle persone e si è sempre impegnata a condividere la sua passione come atto di trasformazione e di rigenerazione. È Germaine Acogny a dirigere dal 1977 al 1982 Mudra Afrique, una scuola di danza – fondata da Béjart e dal Presidente-poeta del Senegal Léopold Sédar Sénghor – che funzionerà ...

Read More »

Danza in Fiera 2021 le date della sedicesima edizione dal 16 al 18 Luglio

Le luci si sono riaccese: finalmente Danzainfiera 2021 sta arrivando! Le date da segnare in calendario sono 16/18 Luglio  2021 quando si aprirà il sipario della sedicesima edizione.  In realtà per noi le luci non si erano mai spente: abbiamo portato a termine con il vostro entusiasmo la quindicesima edizione ed eravamo subito pronti a metterci a lavoro per il 2021. Purtroppo sono arrivati mesi difficili che hanno messo ‘in attesa’ i nostri progetti e i vostri desideri più grandi. Ma adesso abbiamo tutti il diritto e il dovere di fare solo una cosa: guardare avanti e ripartire, insieme. Per questo motivo l’edizione 2021 di Danzainfiera diventa ancora più simbolica: sarà il luogo, lo spazio e il momento perfetto per ricominciare, riunendo e mettendo sotto i riflettori il movimento della danza. Brand, scuole, teatri, ballerini, insegnanti, associazioni: saremo tutti in prima fila per ricominciare insieme! Danzainfiera occupa circa 65.000 mq della Fortezza da Basso, suddivisi in 14 padiglioni, strutturati e allestiti per offrire ai propri visitatori una programmazione ampia e diversificata. Il cuore della manifestazione è il padiglione Spadolini, su più piani, che ospita sia gli stand commerciali che gli spazi riservati a scuole, compagnie enti e associazioni, ma anche le aule dedicate agli ...

Read More »

Evento memorabile Carla Fracci due masterclass in streaming su Giselle, Teatro alla Scala

Carla Fracci e Giselle: un balletto e un ruolo di cui la grande étoile ha fatto una delle sue più leggendarie interpretazioni, una lettura consegnata alla storia della danza che è ancora oggi punto di riferimento, modello e fonte di ispirazione di tutte le generazioni di ballerine che si cimentano in questo ruolo. Lo ha danzato in tutto il mondo, in interpretazioni memorabili e con altrettanto memorabili partner, alla Scala dal 1958 al 1990 con Giulio Perugini, Erik Bruhn, Mario Pistoni, Rudolf Nureyev, Vladimir Vasiliev, Paolo Bortoluzzi, Gheorghe Iancu, Patrick Dupond, Andris Liepa, Zoltan Solymosi. Giovedì 28 gennaio e venerdì 29 gennaio alle ore 19  il Teatro alla Scala trasmetterà due speciali masterclass, eccezionale momento di incontro tra Carla Fracci e i protagonisti della imminente registrazione di Giselle: su invito del direttore del Ballo Manuel Legris,  una imperdibile e preziosa occasione per entrare nei dettagli e nelle sfumature di questo personaggio e di questo balletto, attraverso uno dei momenti più struggenti, la scena della pazzia di Giselle, che la grande étoile ha reso memorabile nella sua drammatica intensità, e alcuni passaggi dei due protagonisti nel secondo atto. Lo streaming delle masterclass, registrate in sala Cecchetti, all’ottavo piano del Teatro, vede ...

Read More »

Dopo Via col vento e Dumbo: Grease è sessista e omofobo, scoppia la polemica

La lente del politically correct ha individuato un nuovo imputato e il tribunale dei social lo ha già condannato. Ovviamente senza appello. Questa volta a finire sul banco dei colpevoli è stato il film Grease, quello con John Travolta e Olivia Newton-John, quello delle canzoni ‘Summer Nights’, delle giacche di pelle, delle gonne a ruote e della brillantina. Il giorno di Santo Stefano la BBC1 manda in onda lo storico film Grease. Davanti alla tv ci sono anche giovani che questo film non l’hanno mai visto. Lo vedono e apriti cielo: sommergono il profilo social della tv britannica di commenti negativi. ‘Sessista’ ‘troppo bianco’ ‘omofobo’ ‘misogino’ e addirittura viene chiesto di non mandarlo mai più in onda. A mandare su tutte le furie gli spettatori più sensibili al politically correct alcuni passaggi del film: quando Putzie, amico di Danny, si sdraia sul pavimento per sbirciare sotto le gonne delle studentesse; quando l’annunciatore radiofonico annuncia al ballo di formare coppie non dello stesso sesso;  la trasformazione di Sandy da ragazza acqua e sapone a tigre sexy vestita di pelle nera. Redazione www.giornaledelladanza.com

Read More »

Quattro buoni propositi per migliorare come danzatori e persone

Con l’inizio del nuovo anno si è soliti stilare la lista dei buoni propositi, una serie di obiettivi che ci ripromettiamo di raggiungere e che talvolta dimentichiamo con il trascorrere dei giorni. Questo discorso vale anche per i ballerini, pertanto vediamo quattro suggerimenti che possono aiutarci a migliorare come danzatori e come persone. Concentrarsi su un passo sconosciuto. Indipendentemente dallo stile o dal numero di anni che ha studiato, ogni ballerino prima o poi si ritrova ad affrontare almeno un movimento che non ha mai eseguito prima. Che si tratti di una quadrupla pirouette, di una batteria di entrechat six o di qualcosa di meno traumatico, è importante dedicare tempo ogni giorno a praticare il passo finora inesplorato, al fine di padroneggiarlo. Aiutare un altro ballerino. Lo sappiamo, danzare richiede perseveranza, passione e disciplina, ma anche generosità e voglia di condividere ciò che si impara. Quindi, perché non dare una mano a un compagno nel percorso di crescita nella danza? Riflettere sui propri punti di forza e aiutare un altro danzatore, fa infatti migliorare velocemente anche noi. Inoltre, chi riceve il nostro supporto sarà portato a ricambiare il favore. Trovare il tempo per riposarsi. A volte non basta eseguire un ...

Read More »

Gioia e danza: connubio indissolubile e questione di chimica

La gioia è un’esperienza soggettiva, che nasce dentro di noi e può svilupparsi anche in condizioni psicologiche o esistenziali non ottimali. Dal punto di vista neurobiologico, la gioia attiva in particolare la corteccia cingolata anteriore visiva, incrementa i livelli di creatività e di risoluzione dei problemi, rafforza lo spirito di la volontà, aumenta la motivazione nello svolgere le attività e diminuisce il senso di fatica, ma soprattutto fa vivere meglio e allunga la vita. Purtroppo però, come abbiamo sperimentato in particolar modo durante l’anno appena terminato, non è sempre facile essere allegri e gioiosi, oppure esiste un potente strumento che ci permette di raggiungere e mantenere questo stato, a qualunque età e a qualsiasi livello di abilità: la danza. La danza, infatti, è una forma di auto-espressione affettiva e intellettuale, in cui varie emozioni e pensieri vengono provati, proiettati ed espressi attraverso il movimento ritmico. La speciale combinazione tra musica e movimento apporta benefici unici alla salute e alla felicità. Ballare ci immerge nel momento presente, attiva i percorsi cerebrali che producono e rilasciano sostanze che stimolano il benessere e la fiducia. In particolare, il ruolo svolto da quattro sostanze neurochimiche che si influenzano a vicenda spiega il senso di gioia ...

Read More »

L’umiltà, la chiave del successo nella danza e nella vita

In un articolo precedente abbiamo precisato che la danza è disciplina. Eppure c’è un’altra caratteristica connaturata nell’arte in generale e in quella della danza in particolare, l’umiltà. L’umiltà non è altro che l’intelligenza di capire fin dove si può arrivare, senza sottovalutare o sopravvalutare le proprie capacità. E’ consapevolezza dei propri limiti e soprattutto coscienza di sé, ed è necessaria per capire chi siamo, come ballerini e come individui. Roberto Bolle ha più volte dichiarato che la dote più importante di un danzatore è proprio l’umiltà che aiuta a rimanere con i piedi per terra. Andrè De la Roche sostiene che la danza educa lo spirito, insegna rispetto, umanità e consapevolezza di essere solo uno in mezzo a milioni di persone. In un’intervista rilasciata al New York Times, Polina Semionova, étoile di American Ballet Theatre ha parlato del suo arduo e accidentato percorso di studi al Bolshoi Ballet, che ha preceduto il suo ingresso nell’olimpo della danza. Si è definita un’allieva non pessima ma nemmeno eccezionale, una ballerina che ha dovuto lavorare sodo per emergere e che, anziché cedere allo scoraggiamento o a uno spirito eccessivamente competitivo, ha mantenuto la convinzione che con impegno e lucidità si ottiene ciò che ...

Read More »

Alessandra Mastronardi sarà Carla Fracci per il film della Rai

Arriva la conferma delle indiscrezioni che circolavano in questi giorni  su chi avrebbe interpretato la grande Carla Fracci. Qualche ora fa è arrivata, forse la conferma – come riferisce Dilei –  dove sarà proprio l’attrice Alessandra Mastronardi ad interpretare il ruolo di Carla Fracci nel film per la Rai di cui vi avevamo parlato nei giorni scorsi. Tra  storie di Instagram, appunto la Mastronardi ha pubblicato uno scatto che la ritrae assieme a Valentina Romani mentre, con le scarpette da ballo, si esercitano alla sbarra. Probabilmente le due attrici si stanno preparando per le riprese, dove entrambe avranno un ruolo di primo piano. Comunque al momento non ci sono dettagli  in più e non ci resta che attendere. Redazione www.giornaledelladanza.com

Read More »

Carla Fracci: da cosa nasce questa particolare usanza di vestire di bianco?

Carla Fracci è una vera leggenda della danza. Oggi 84enne, la ballerina si è confidata nel programma di Serena Bortone “Oggi è un altro giorno”. In collegamento dalla loro casa milanese, la Fracci e il marito Beppe Menegatti hanno toccato vari argomenti, anche quelli più privati come la nascita del loro grande amore. “Se è stato un colpo di fulmine? Diciamo sull’elemento straordinario Carla Fracci certamente. Perché indossa sempre abiti bianchi? Da cosa nasce questa particolare usanza? Il marito della più grande ballerina di tutti i tempi ha spiegato che tale abitudine è nata mentre la donna aspettava suo figlio Francesco. “Vestivo abiti leggermente larghi. Oggi la pancia si mostra… Io ho preferito fare così quando ero incinta”, ha puntualizzato la ballerina che già al Corriere della Sera aveva parlato del suo look: “Il mio armadio? Ma non è vero che vesto solo di bianco! Nel guardaroba invernale, da qualche parte, ho anche qualcosa di marrone e persino di verde… Il bianco? Cominciai durante la gravidanza, nel 1969. Avevo pochissima pancia ma cercavo un modo per accentuare ancora di più la riservatezza di quel momento. Il bianco come discrezione, insomma. C’è una fotografia che mi ritrae a luglio, a Forte dei Marmi, ...

Read More »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi