Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Relazione tra danzatore e spettatore: un’esperienza dinamica, performativa ed empatica

Relazione tra danzatore e spettatore: un’esperienza dinamica, performativa ed empatica

Il mondo delle arti sceniche e quello della scienza hanno iniziato a interagire attraverso le neuroscienze cognitive, branca delle neuroscienze che studia le basi cerebrali del pensiero, e permette di evidenziare i cambiamenti che avvengono nel cervello.

I primi approcci finalizzati a indagare la relazione fra artista e pubblico sono iniziati negli anni Ottanta e Novanta e hanno dato vita a quella che viene definita antropologia teatrale.

Questa disciplina individua nel teatro ‘l’arte dello spettatore che percepisce attraverso tutti i sensi ciò in cui è coinvolto’ e identifica i principi che l’artista mette in atto per permettere l’attivazione percettiva dello spettatore.

Le neuroscienze dimostrano l’esistenza di meccanismi nervosi che consentono di accedere a un livello imitativo del comportamento altrui e dipingono l’esperienza dello spettatore come performativa e non solamente percettiva.

Esiste, infatti, una connessione diretta fra la percezione sensoriale e il sistema motorio. Lo spettatore quindi non fruisce passivamente delle scelte coreografiche e scenografiche, ma partecipa e assorbe l’atto performativo a lui dedicato.

Di fronte ai danzatori, infatti, il cervello dello spettatore ricostruisce immediatamente un legame emozionale che lo porta a riconoscere empaticamente ciò che sta osservando.

La presenza in scena è un’esposizione del corpo e dell’emozione generata dalla danza, che viene intensificata e diretta allo spettatore, e quindi diventa dinamica.

La danza si esprime attraverso un corpo che cambia forma di continuo e che parla. Il suo linguaggio m si basa sulla corporeità la cui ricezione è connessa a parametri di spazio, tempo, cultura e condizione emotiva e fisica dello spettatore.

L’esperienza teatrale quindi coinvolge lo spettatore in modo completamente diverso rispetto ad altre esperienze perché ha la particolarità di essere diretta, fugace e irripetibile.

In definitiva, la relazione empatica che nasce tra danzatore e spettatore è qualcosa di unico che potremmo addirittura definire magico, ma che, come abbiamo visto, è spiegabile scientificamente.

Stefania Napoli
© www.giornaledelladanza.com

Check Also

Virgilio Sieni ospite al Segesta Teatro Festival 2022

Al via il Segesta Teatro Festival, con la direzione artistica di Claudio Collovà, il programma di arti ...

Versiliana Festival Gala: parata di stelle del Teatro alla Scala

La nuova generazione di artisti del Corpo di Ballo del Teatro alla Scala, oggi diretto ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi