Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Civitanova Danza Festival debutto per il Balletto di Roma

Civitanova Danza Festival debutto per il Balletto di Roma

 Première, nuova produzione del Balletto di Roma con la coreografia di Andrea Costanzo
Martini, artista attivo sulla scena internazionale e già autore di Intro per la compagnia romana nel 2018.
Il lavoro, la cui creazione era stata originariamente prevista “in presenza” nel maggio 2020 al Festival di
Civitanova Danza, ha dovuto far fronte all’esplosione dell’emergenza sanitaria, ma proprio da questo “ostacolo”
è nato un inedito esperimento di “creatività a distanza” (CAD) che – in un momento di storica lontananza – ha
unito virtualmente due città del mondo: da Tel Aviv, dove da tempo risiede, il coreografo Andrea Costanzo
Martini ha infatti guidato i danzatori della Compagnia durante le prove nelle sale a Roma. L’intero processo è
stato condotto in collegamento web generando una vera e propria sfida che ha dato vita a nuovi principi di
ideazione e realizzazione della danza a distanza. Nel dicembre 2020 una prima esecuzione della produzione è
stata eccezionalmente trasmessa in streaming dal Teatro Quirino di Roma per verificare la validità di questa
nuova modalità creativa. Oggi, Première trova il suo naturale epilogo in presenza portando in scena non solo uno
spettacolo di danza, ma l’esperienza di voler applaudire sempre e con gioia le visioni della vita.

La produzione debutterà il 23 luglio alle 20:30 al Teatro Rossini di Civitanova Marche, nell’ambito del Civitanova Danza Festival, luogo di presentazione di alcuni dei più grandi successi del Balletto di Roma come Cenerentola, Bolero e Otello di Fabrizio Monteverde, ai più contemporanei Giselle di Itamar Serussi e Chris Haring/Liquid Loft, fino all’ultima felice produzione Astor, un secolo di Tango di Valerio Longo. In scena gli interpreti della Compagnia diretta da Francesca Magnini: Paolo Barbonaglia, Francesco Moro, Alessio Di Traglia, Lorenzo Petri, Giulia Strambini, Serena Marchese, Carola Puddu e Roberta De Simone.

Dopo il debutto, Première vedrà la sua prima internazionale a Spalato il 04 agosto nell’ambito dello Split
Summer Festival, in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Zagabria e lo Split National Theater, per
un primo grande ritorno internazionale post-pandemico. A seguire andrà in scena anche al Visavì Gorizia Dance
Festival il 15 ottobre.

Perché danziamo? Questa domanda sorge prima di ogni nuova creazione e la risposta arriva, mai completa, nei
momenti più inaspettati: frammenti brevissimi, sbirciate brevi dentro una sensazione indefinibile. Momenti in
cui ci rendiamo conto che esiste un senso più grande di noi, che siamo parte infinitesimale di un disegno cosmico
vastissimo. Première nasce dall’incontro di Andrea Costanzo Martini con i danzatori del Balletto di Roma e dalla
fascinazione per questi artisti così giovani che inseguono il loro desiderio di movimento, sia come sentimento
personale, che come bisogno comune. Première celebra l’umanità, indaga le biografie, le storie uniche e
irripetibili di ognuno. Quale allineamento di stelle e pianeti ha permesso loro di essere qui su questo
palcoscenico, pronti e disposti a sacrificare qualcosa per noi spettatori? Première ci svela che una compagnia di
danza in fondo è un villaggio, una tribù, con i suoi bisogni primari che tentano di essere soddisfatti
dall’organizzazione in codici e regole. Tra luci e ombre, come sotto i riflettori.
Specialmente alla luce degli avvenimenti legati alla pandemia, dopo una lunga pausa forzata, lontani dalle sale di
teatro, è sorta spontanea la domanda: come tornare su un palcoscenico? Cosa ci spinge a esibirci, a farci
guardare, ad esporci agli occhi del pubblico? Cosa diamo a vedere? E cosa, di noi, è impossibile nascondere
quando siamo su un palcoscenico? Première diventa quindi un rito fatto di commossi e intensi applausi, unico
punto di contatto degli artisti stessi con il pubblico mancato. Una dedica a tutti coloro che hanno lavorato e
stanno ancora lottando per un rientro del corpo alla vita. Una celebrazione in cui la danza è medium capace di
ricreare le condizioni per ricominciare. Un ritorno – di nuovo – alla nostra prima volta.

Redazione

Check Also

“La Nona”, la compagnia Zappalà Danza al Teatro Antico di Segesta

Riflessione sull’uomo e sull’umanità, sulla sua condizione di perenne conflitto e sulle speranze di solidarietà ...

La Nona / dal caos, il corpo di Roberto Zappalà in tour

La Nona / dal caos, il corpo di Roberto Zappalà, una riflessione sull’uomo e sull’umanità, sulla sua ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi