Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Danza: Talento o abilità? Cosa serve per essere un ballerino?

Danza: Talento o abilità? Cosa serve per essere un ballerino?

Il talento consiste nella capacità innata di svolgere bene una determinata attività ed è qualcosa con cui si nasce. L’abilità invece riguarda la capacità di applicarsi per ottenere i risultati desiderati e richiede addestramento e pratica. Natura contro formazione, attitudine contro studio ed esercizio: è un dibattito comune a tutte le forme d’arte, inclusa la danza.

Certo, i ballerini che possiedono doti innate come flessibilità, coordinazione e senso del ritmo sono avvantaggiati nel percorso verso la crescita nella danza, ma per danzare ci vuole molto altro. I ballerini diventano bravi in virtù sia del loro talento sia alle loro abilità, elementi strettamente interconnessi. Anche chi già possiede un talento, dovrà acquisire e sviluppare le abilità richieste dalla danza e lavorare per perfezionare ciò di cui la natura l’ha generosamente dotato.

Avere talento dunque è una condizione importante, ma non sufficiente per ottenere prestazioni eccezionali. Il talento non basta per eccellere nel campo della danza, è necessario allenarsi con costanza e regolarità e aggiornare le proprie abilità. Anche chi non possiede un talento naturale può diventare un grande ballerino se si esercita con entusiasmo e  zelo, se mantiene viva la voglia di imparare e mettersi alla prova. Perché il vero talento, quello che fa realmente la differenza, sta nell’intelligenza e nella motivazione, nel lavorare con consapevolezza e determinazione.

Anche un ballerino non particolarmente flessibile, ma con la giusta dose di grinta e un forte desiderio di riuscire a padroneggiare l’arte della danza può ballare e può farlo molto bene, a volte perfino meglio di un danzatore dotato, ma privo di reale passione. Qualsiasi cosa dunque è possibile attraverso l’esercizio, la determinazione e la forza di volontà. La pratica, infatti, non consiste nella pura ripetizione di quanto già si sa fare, ma richiede una dose altissima di concentrazione e perseveranza. Si focalizza non sul mantenere, ma sull’ampliare costantemente le proprie capacità.

Consiste nel conoscere, riconoscere e continuare a forzare i propri limiti, e nel lavorare sui punti deboli trovando un modo per superarli o sfruttarli a proprio vantaggio. Per riuscirci bisogna essere tenaci, intelligenti e molto onesti con se stessi, doti che vanno ben oltre il talento fisico. La danza, infatti, non si accontenta della predisposizione, ma pretende abnegazione e un assoluto amore per ciò che si fa.

Stefania Napoli
www.giornaledelladanza.com

Check Also

Gala dei vincitori al Menotti, l’International Dance Competition Città di Spoleto 2022 volge al termine

L’International Dance Competition Città di Spoleto 2022 volge al termine. Dopo una intensa settimana e ...

A Festival Interplay la compagnia francese Viadance con la prima nazionale di “Ex-pose(s)”

Il 27 maggio 2022 nell’ambito di Festival Interplay 22 sarà in scena la compagnia francese ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi