Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / ‘Dovrei iscrivere mio figlio a danza classica?’ Cerchiamo una risposta

‘Dovrei iscrivere mio figlio a danza classica?’ Cerchiamo una risposta

 

‘Dovrei iscrivere mio figlio a danza classica?’ è un quesito che molti genitori si pongono.

Alcuni ritengono che il proprio figlio abbia una predisposizione per una certa attività, altri invece pensano che sia necessario aspettare un’età consapevole e lasciare che il bambino scelga da solo.

In ogni caso, è essenziale che un genitore individui e sviluppi le capacità del proprio figlio fin dall’infanzia, che le assecondi e lo aiuti a svilupparle.

A volte l’insistenza dei genitori dà un buon risultato: il bambino inizia a comprendere l’arte, fa progressi in campo fisico, psicologico e sociale. Si lascia coinvolgere nel processo di apprendimento della danza e continua a imparare con piacere.

Se i genitori insistono troppo però, il bambino potrebbe vivere la partecipazione alle lezioni come un’imposizione e finire per stancarsi e rinunciare. Eppure, molti danzatori famosi hanno dichiarato di essersi avvicinati alla danza classica grazie ai loro genitori e talvolta loro malgrado.

Quindi, vale la pena iscrivere a danza un bambino che non vuole studiarla?

Certo, non è semplice distinguere i capricci e la pigrizia dalla non attitudine per la danza, anche quando il bambino presenta doti fisiche naturali, ma perché non tentare?

Bisogna infatti considerare dei dati certi: la danza classica insegna un alto livello di disciplina, mentale e fisica. Aiuta a sfogare e incanalare le energie, specie per i bambini molto attivi. Affina equilibrio e controllo psico-fisico, sviluppa importanti abilità sociali e comportamentali, e insegna a dominare le proprie ansie e paure.

Tutto ciò costituirà un ‘plus nella crescita del bambino e nel suo benessere. Ecco la risposta al quesito iniziale.

Con il tempo, sarà il bambino a capire e decidere se la danza sarà nel suo futuro o meno, ma certamente guadagnerà dei benefici che lo accompagneranno per il resto della sua esistenza.

Stefania Napoli
© www.giornaledelladanza.com

Check Also

Rai5 omaggio ad Alessandra Ferri con “Il pipistrello” di Roland Petit

Il pipistrello Sabato 25 maggio h10:35 – Dal Teatro degli Arcimboldi, il balletto di Roland ...

Trittico contemporaneo firmato da Bouché, Childs, Forsythe

La grande danza contemporanea è di scena al “Théâtre de la Ville – Sarah Bernhardt” ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi