Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Fredy Franzutti: la danza è un’arte resistente

Fredy Franzutti: la danza è un’arte resistente

La danza è un’arte resistente. Come abbiamo visto si è istantaneamente mutata è ha trovato nello tsunami mediatico on line di lezioni, esercizi e stretching la nuova forma per sopravvivere.


Tale condizione sembra Idealmente un ponte che collega i due periodi, del prima e del dopo.

Vivendo nell’incertezza di quando si giungerà alla terra del dopo, e soprattutto di quali siano le regole di questo nuovo paese, il ponte si sospende e si allunga rarefacendosi in un colorato arcobaleno pieno di fantasia e di follia.


Certo è che se un giorno ci chiederemo cosa ne è stata di Tersicore nei tempi del Covid, la descriveremo attaccata al frigorifero, all’asse da stiro, al caminetto (nelle versioni più chic) cercando di eseguire eleganti ronde jambe par terre evitando il gatto che passa, il cane che scodinzola, il figlio che si muove carponi. Preoccupante può essere l’appagante senso di
completezza, dato dal narcisismo proprio di quest’arte sublime ed effimera.

Inoltre questa condizione, che prevarica il razionale, è culmine di uno scorretto modo di porsi degli artisti e degli studenti nei confronti della danza stessa, che spesso antepone il valore di un perfetto en dehors,
dell’esecuzione di un esercizio, a quello del movimento, della dinamica, dell’espressione, dell’interpretazione.


Indipendentemente dalla discussione sulla validità di una classe on line, la lezione è il training day di ogni ballerino per affinare e accordare il proprio strumento, niente a che vedere con “l’arte” della danza.

E come se, allo stesso modo, vedessimo un esercito di pianisti e musicisti eseguire scale musicali, anche impervie, o attori che ci regalassero solo esercizi di logopedia.


Lo so bene! Risponderà piccato il lettore tersicoreo che esercita tale pratica quotidianamente davanti allo schermo dello smartphone. Non lo so e lo spero, rispondo invitandolo a riflettere.


Mi piacerebbe, nell’attesa di tornare in teatro, chiudere gli occhi è sforzare la mia memoria per sentire lo scricchiolio delle assi del palco, il fruscio del sipario che si apre, l’odore dei velluti, l’affanno dei danzatori, il silenzio dei sospiri, i fragori di un applauso.

Questo mi piacerebbe.

Fredy Franzutti

www.giornaledelladanza.com

Check Also

Le dodici cose che solo i ballerini possono capire

Chi ha ballato nella sua vita, professionalmente o a livello amatoriale ma con passione, lo ...

Butoh

Butoh Festival Amsterdam: al via la IV edizione

Il 9 e il 10 ottobre 2020 Amsterdam ospiterà il Butoh International Festival, evento attesissimo ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi