Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / “In the Absence”: un’esplorazione del concetto di evoluzione

“In the Absence”: un’esplorazione del concetto di evoluzione

In-the-absence

Il 6 e il 7 aprile 2024, al Piccolo Bellini di Napoli, andrà in scena In the absence, una produzione Pett|Clausen-KnightDANCEHAUS, su musiche di Greg Haines, con James Pett e Travis Clausen-Knight, strepitosi danzatori della Compagnia Wayne McGregor, che portano in scena un lavoro profondo sul come l’essere umano riesca a superare un evento nella vita. In the absence è un’esplorazione del concetto di evoluzione, di superamento, e dei confini che si creano nella mente umana nel momento del cambiamento. In che modo paura e trauma possono influenzare la nostra volontà di voltare pagina? Là dove il dolore incontra la gioia, l’esilio il ritorno, la decadenza la crescita, là in mezzo c’è il silenzio.

James Pett e Travis Clausen-Knight, danzatori e coreografi britannici, sono artisti emergenti, autori di diverse coreografie di risonanza mondiale, tra cui The Zoo, Informal Between e Elevation, presentato a Tokyo con Fabula Collective, la piattaforma formata dalla scenografa Yukiko Tsukamoto.  In un’intervista rilasciata ad Alexander Magazine, Travis Clausen-Knight ha affermato: Abbiamo lavorato nella compagnia con Wayne McGregor per sei anni e in quel periodo ci siamo affermati come artisti individuali, abbiamo iniziato a produrre nuovi lavori. Avevamo la stessa età e interessi simili, volevamo esplorare, così abbiamo realizzato la nostra prima creazione insieme, “Atomos”.  È stata un’esperienza completamente nuova per entrambi, che è stata piuttosto interessante perché ci ha collegato in un certo senso, abbiamo iniziato la nostra prima tournée.

James Pett, ha raccontato di essere stato un ginnasta, prima di votarsi alla danza: Prima di danzare ero una ginnasta. Non ho un modo molto stereotipato di ballare, poiché non ho iniziato presto con la danza classica. La mia formazione principale durante la crescita è stata quella di atleta, gareggiando come ginnasta e nuotando molto. Poi ho fatto la mia prima lezione di danza classica a 17 anni, quindi abbastanza tardi. Fortunatamente avevo già il fisico e l’allenamento; quindi, si trattava solo di capire il linguaggio del mio corpo, ho lavorato molto duramente.

Il loro connubio artistico è iniziato nel 2013 e in breve i due artisti si sono affermati con il loro lavoro a livello internazionale. Spingendosi oltre i confini della danza contemporanea, i coreografi britannici hanno realizzato creazioni sensibilmente provocatorie, stimolate dal loro linguaggio visivo di grande impatto.

ORARI & INFO

6 aprile 2024, ore 19:30

7 aprile 2024, ore 18:30

Piccolo Bellini

TEATRO BELLINI

Via Conte di Ruvo 14, Napoli

Tel. +39 081 549 9688

www.teatrobellini.it

Lorena Coppola

www.giornaledelladanza.com

Photo Credits: Pett|Clausen-Knight

Check Also

Roberto Bolle torna al Teatro Arcimboldi di Milano

Roberto Bolle torna al Teatro Arcimboldi per il suo Roberto Bolle and Friends. Prodotto da ...

Matteo Mascolo ‒ “Sequoia”: l’esplorazione di uno spazio sacro

Il 2 luglio 2024 ‒ nell’ambito dell’ottava edizione del DAP Festival, diretto da Adria Ferrali, ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi