Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Lo chignon, l’acconciatura delle ballerine, la sua storia e come realizzarlo

Lo chignon, l’acconciatura delle ballerine, la sua storia e come realizzarlo

 

È il re dei raccolti. Alto, basso, finto spettinato o a banana, lo chignon si reinventa continuamente ed è sempre cool.

Lo chignon è un popolare tipo di acconciatura principalmente femminile tipica delle ballerine di danza classica. Si realizza raccogliendo i capelli in un nodo sulla nuca (da cui deriva l’espressione chignon du cou), ma esistono molte varianti di stile. È utilizzato per occasioni speciali, soprattutto nel mondo della danza e dei balletti, o anche per l’abbigliamento sportivo quotidiano.

I primi chignon risalgono all’epoca della Grecia antica, dove le donne ateniesi lo utilizzavano comunemente, fermandolo con fermagli di avorio o d’oro.

Anche nella civiltà cinese lo chignon era molto diffuso. In tempi più recenti, lo chignon acquisisce nuova popolarità durante l’era vittoriana e di nuovo negli anni Quaranta, durante la seconda guerra mondiale È famosa l’acconciatura che Oscar Wilde sfoggiò nel 1884 alla fondazione della Fabian Society, che pare contribuì alla condanna per omosessualità che lo scrittore subì.

Nell’Antichità lo portavano gli uomini, con il cristianesimo diventa un look femminile

Lo chignon  fa la sua apparizione in tempi antichissimi come pettinatura tipica maschile. Tanto che, in Mesopotamia diventa il “marchio” degli schiavi. Poi, con l’avvento dei primi cristiani, viene scelto dalle giovani donne come segno di virtù e di appartenenza sociale. Un significato che si consolida in Egitto, dove il bun viene indossato solo dalle signore dei ceti più elevati, che lo completano con dei ricci sulla fronte. Dopo avere dominato la scena, intorno al II secolo, lo chignon scompare per lasciare spazio a tiare, nastri di seta, perle e oro.

Nel XVIII secolo c’è il grande ritorno

Abbinato ai capelli ricci, lo chignon crea uno stile elegante, spesso accompagnato da un berretto o adornato da un merletto o da un nastro di raso. Tuttavia, alla fine del secolo, viene nuovamente abbandonato per lasciare spazio a toupet e parrucche che permettevano look extra volume.

Negli anni Quaranta e Cinquanta è di moda a banana

Lo lancia Rita Hayworth, abbinato alle victoy rolls e poi, con Grace Kelly e Audrey Hepburn si conferma in una versione più glamour, tirato dietro la nuca e fissato con le forcine. Lo chignon a banana, conosciuto anche come French Twist, è un’acconciatura classica, sinonimo di eleganza, ideale per occasioni speciali. In una versione più glamour è tirato dietro la nuca e fissato con le forcine.

Dagli anni Sessanta ai Settanta lo chignon BB

Brigitte Bardot lancia una nuova tendenza in fatto di questa particolare acconciatura. Alta, finta spettinata e sbarazzina.

Negli anni Ottanta va ribelle

Lo chignon si reinventa sui capelli ricci e frisé. Madonna lo porta alto e leggermente spostato con una parte delle lunghezze che cadono sulla nuca. Uno chignon più ribelle, rigorosamente con capelli ricci  e frisé, portato in alto leggermente spostato e con una parte delle lunghezze che cadono sulla nuca

Ispirazione punk anni Novanta

Sempre ribelle, lo chignon si divide in tanti mini torchon da portare come una cresta o sparsi sulla testa. Uno stile un po’ punk in linea con i giovani di questo periodo.

Nel XXI secolo, lo stile spettinato

Dopo quello bohemien, la vera star del 2000 è lo chignon finto spettinato in tutte le sue varianti, come l’octupus bune lo space bun.

Come realizzare uno chignon da ballerina.

Il primo consiglio è di evitare di lavare i capelli il giorno stesso. Appena lavati tendono infatti a scivolare troppo. Iniziamo a lisciarli dalle radici alle punte aiutandoci con un phon e una spazzola, o semplicemente con una piastra. Tiriamo poi tutti i capelli all’indietro e leghiamoli con un elastico in una coda di cavallo bassa. Non esitiamoci a stringerli bene e a spruzzare un velo di lacca per non far scappare nessuna ciocca ribelle. Con un pettine cotoniamo leggermente i capelli sotto la coda di cavallo, quindi attorcigliamoli attorno all’elastico. Fissiamoli la pettinatura con delle forcine  in modo tale che regga bene. Per finire, spruzziamo di nuovo un velo di lacca per far durare a lungo l’acconciatura.
Le varianti dello chignon da ballerina.
Esprimiamoci tutta la tua creatività! Possiamo anche tracciare una riga laterale e poi creare il nostro chignon, o raccoglierlo in alto dopo aver fatto una coda di cavallo in cima alla testa.

Gli accessori per personalizzarlo

Per un’occasione speciale personalizziamo il nostro chignon con degli accessori. Per lo stile di una ballerina classica non c’è niente di meglio di un nastro di raso nei capelli. Per un look romantico scegliamo fermagli con fiori, piume e perle, da adottare in versione nera se abbiamo invece un’anima rock.
Elena Parmegiani
www.giornaledelladanza.com 

Check Also

Si balla su Netflix il film “The Prom”, grande attesa per Natale 2020

Arriverà l’11 dicembre su Netflix il film “The Prom”, musical diretto da Ryan Murphy con ...

Arriva la docuserie Move!. La danza approda su Netflix

Arriva il  23 ottobre 2020 sulla piattaforma Netflix la docuserie Move!, cinque puntate dedicate ad altrettanti protagonisti della ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi