Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / La nuova danza mondiale a Rovereto per Oriente Occidente 2017

La nuova danza mondiale a Rovereto per Oriente Occidente 2017

La nuova danza mondiale a Rovereto per Oriente Occidente 2017

 

Giunge alla 36a edizione uno dei Festival di danza contemporanea più rinomati e importanti della scena nazionale e internazionale, Oriente Occidente Dance Festival, i cui spettacoli hanno luogo – come sempre – a Rovereto (TN) dal 30 agosto al 10 settembre.

I luoghi ospitanti le variegate e peculiari performance sono il Teatro Zandonai, la Piazza del Mart (Museo d’arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto), la Piazza Malfatti, l’Auditorium Melotti, la Terrazza del Mart, il Progetto Manifattura, il Teatro alla Cartiera, la Piazza della Pace, la Piazza Cesare Battisti, la Piazza Erbe, Via Santa Maria, e infine il Brentonico – Monte Giovo.

Lo spirito del Festival nei suoi 36 anni di attività è stato quello di mettere in scena le reciproche influenze esercitate nel Novecento dalla tradizione artistica orientale sulla sperimentazione occidentale e viceversa. Oriente Occidente diventa così un viaggio circolare tra teatro e danza, ricerca e tradizione, identità e innovazione. Il programma prevede inoltre una sezione dedicata al coinvolgimento delle realtà giovanili territoriali, con l’obiettivo di offrire occasioni creative e produttive per i giovani coreografi e danzatori italiani. (orienteoccidente.it).

Ad “aprire le danze” il 30 agosto sono Abou Lagraa e la Compagnie La Baraka (Francia) con Wonderful one, seguito da Wreck – List of extinct species di Pietro Marullo di Insiemi Irreali (ltalia/Belgio). Il giorno seguente, 31 agosto, la scena performativa si apre con Impact della Compagnie (Rêve)2 (Francia) in replica anche l’1 settembre, seguita da Bad Lambs di Michela Lucenti e il Balletto Civile (Italia), lavoro ultimo della compagnia – presentato in prima assoluta – inserito nel progetto “Moving beyond inclusion”, finanziato all’interno del programma culturale dell’Unione Europea e volto ad offrire opportunità per sviluppare le capacità, le competenze e la partecipazione del pubblico nel settore professionale della danza inclusiva con artisti abili e con disabilità.

La sezione Spettacoli di settembre si apre il 1° settembre con Pa | Ethos di Sang Jijia/Spellbound Contemporary Ballet (Italia/Tibet), ma è nelle giornate del 2 e 3 settembre che il cartellone del Festival trentino si anima di numerosi appuntamenti coreografici: Oscyl variation di Héla Fattoumi/Éric Lamoureux e la loro compagnia Viadanse (Francia); Uno di Saioa Fernández e la Delreves Vertical Dance (Spagna); Tu, el ciel y tu di Catherine Berbessou e la sua Compagnie omonima (Francia), a cui segue una milonga; e, infine, delle dance stories di e danzate da Lutz Förster.

Gli spettacoli del 4 settembre si aprono con Lo Schiaccianoci di Tommaso Monza/Claudia Rossi Valli di Natiscalzi DT (Italia), seguito da Present Continuous di Salvo Lombardo di Chiasma (Italia). È Cheerleaders di Sara Castellani/Elisa Ferrari/Davide Manico di Collettivo PirateJenny, invece, a esordire tra gli spettacoli del 5 settembre, seguito da È verde il colore del futuro. Riconversioni sostenibili di Mario Tozzi.

Dal sapore intercontinentale il programma del 6 settembre: si passa, infatti, da The Speech e Wave della connazionale Irene Russolillo a Vero di Deborah Colker e la sua Companhia de dança omonima (Brasile). Ben più ristretto nei confini geografici, invece, il cartellone del 7 settembre, aprendo con Angelin Preljocaj  e il suo G.U.I.D. (Groupe Urbain d’Intervention Dansée –Francia) che presenta alcuni estratti dal suo repertorio (in replica anche l’8 settembre, insieme a La fresque, performato dal Ballet Preljocaj), a cui fanno seguito Vanitas di Francesca Penzo/Jacques-André Dupont di Fattoria Vittadini (Italia), nonché Crossover di Manolo Perazzi di Gruppo e-Motion (Italia).

A conclusione del Festival, tra il 9 e il 10 settembre, si susseguono quattro spettacoli che attraversano nuovamente l’Oceano, puntando questa volta a Oriente: Feet in the clouds di Ruo Yu-Liu/Huang Chih-Chun dell’U-Theatre di Taiwan; Dentro Toccare di Russolillo; Face in e Set and reset/reset di Yasmeen Godder/Trisha Brown, facente parte anch’esso del progetto “Moving beyond inclusion”; e, infine, Beyond time del già citato U-Theatre.

 

ORARI & INFO

30 agosto – 10 settembre

Auditorium Melotti – Corso Bettini, 43
Teatro Zandonai – Corso Bettini, 82
Teatro alla Cartiera Via alla Cartiera, 15
Mart Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto – Corso Bettini, 43
Progetto Manifattura – Via Manifattura, 1
Piazza Malfatti – Rovereto (TN)
Piazza Cesare Battisti – Rovereto (TN)
Piazza della Pace – Rovereto (TN)
Piazza Erbe – Rovereto (TN)
Via Santa Maria – Rovereto (TN)
Monte Giovo – Castione di Brentonico – Rovereto (TN)

Tel: +39 0464 431660

www.orienteoccidente.it

 

Marco Argentina

www.giornaledelladanza.com

Trisha Brown Dance Company/Candoco Dance Company / Set and Reset/Reset © Hugo Glendinning

Abou Lagraa/Compagnie La Baraka / Wonderful One © Jeanne Garraud

Check Also

Corso introduttivo della Scuola di danza del Teatro dell’Opera di Roma, ideato da Eleonora Abbagnato

Aperte le iscrizioni alle audizioni per l’accesso al nuovo Corso introduttivo della Scuola di danza ...

L’icona della danza Carolyn Carlson a Ferrara con “The Tree”

Il Festival di Danza Contemporanea prosegue a teatro tra ottobre e novembre. Tra gli ospiti più ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi