Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Speciale Vittoria Ottolenghi

Speciale Vittoria Ottolenghi

Vittoria Ottolenghi

“Speciale Vittoria Ottolenghi”,  iniziativa a cura del Direttore del giornaledelladanza.com, nonché critico e storico di danza, Sara Zuccari, e da lei fortemente voluta per  omaggiare la figura di questa grande Signora della Danza  raccoglierà un’intervista a Vittoria Ottolenghi  e  gli estratti della rubrica “Danza chi, come e perché”  da lei curata in esclusiva per il giornaledelladanza.com.

————————————————————————————————————————————————————————-

Mi chiamo Antonietta e Le scrivo perché vorrei chiedere un Suo parere, per me significa molto. Premetto che è stata la danza, il mio amore per essa, a farmi crescere il desiderio di approfondire il mio rapporto con quest’arte e di ampliare le mie conoscenze non solo artistiche ma culturali e sociali. La amo nella sua totalità, nelle sue svariate discipline: pratiche, teoriche e storiche.Più di ogni altra disciplina mi ha insegnato che la costanza e l’onestà sono valori che non pagano ma arricchiscono l’animo umano. Ho imparato che in ogni cosa che faccio devo essere completamente presente e che alle volte provare a sentirsi leggeri non significa sistematicamente essere superficiali, ma coraggiosi nel sorridere nonostante la fatica, il dolore e le delusioni. Forse per molti sono nozioni scontate, ovvie, ma io ho dovuto comprenderle e farle mie. Amo danzare, e mi incanto nell’osservare gli altri danzare. Nella spontaneità di un movimento so che c’è comunque un lavoro di ricerca continua di qualità da parte del ballerino, dell’insegnante o del coreografo mossi dalla tenacia e dalla fiducia verso questo mestiere. La dolcezza e la forza con la quale i muscoli si allungano e si contraggono, lo sguardo del danzatore che s’impegna nell’intrattenere lo spettatore e la voglia di comunicare un messaggio, qualsiasi esso sia, nella maniera più sincera che l’essere umano conosce: il linguaggio corporeo. E mi piace avere la sensazione di poterne essere spettatrice e complice. Il mio non è un tentativo di elogiare la danza, sono riflessioni che volevo condividere; nonostante il periodo di crisi, i visi a volte disillusi dai molteplici no alle audizioni, la passione per essa spinge molti di noi danzatori ad insistere e lavorare con impegno e dedizione. Alla fine di uno spettacolo, se mi è piaciuto, mi commuovo e spesso mi sovvengono i pensieri che ho appena scritto. Ed io vorrei chiedere a una persona come Lei, con la sua conoscenza e la sua esperienza, c’è qualcosa che la colpisce o la commuove particolarmente? Le chiedo inoltre un parere personale: ho studiato in un’accademia di danza e continuo tuttora a studiare e fare audizioni, ma desidero anche poter fare l’università di scienze e tecnologie delle arti e dello spettacolo; secondo Lei con i tempi che corrono è un sogno troppo grande, è forse insensato? Quello che mi ferma è che purtroppo, come molti, non posso al momento permettermi di pagare l’università, avendo già dovuto fare enormi sacrifici per l’accademia. Ma io sono disposta a lavorare sodo, ad aspettare qualche anno e poi iscrivermi all’università. Ora ho 22 anni e pensavo che potrei riuscire ad iscrivermi tra un paio d’anni. Molti mi dicono che non ha senso, perché dovrei continuare a lavorare e fare audizioni, e perché altrimenti i soldi spesi per 3 anni di accademia sarebbero andati sprecati.  È davvero così? Io vorrei poter continuare a danzare e iniziare una carriera come ballerina, ma vorrei potermi creare anche un’alternativa.  È troppo sognare di voler anche studiare e pensare in età più adulta di tentare la sorte sempre nell’ambiente dello spettacolo ma non sul palcoscenico?  So che sembrano sogni un po’ “pretenziosi”, ma sono i miei sogni ed è per questo che Le scrivo in totale sincerità e chiedo un Suo parere. Se deciderà di rispondermi, se non chiedo troppo, vorrei chiedere di mantenere l’anonimato. In ogni caso La ringrazio per la cortese attenzione e ringrazio anche la redazione per questa Vostra iniziativa.

Con stima e affetto.

 

(Antonietta)

 

Gentile signora,

certo che mi commuovo ancora, e non c’è bisogno “della zingara”, come dice la vecchia canzonetta napoletana. La cosa che attira nella danza, quasi sempre inconsapevolmente, che è l’attività umana più vicina all’amore. Emozioni, passioni, movimento, forza, e una sorta di ineffabile piacere nelle pene d’amore. Per quanto riguarda i limiti di età per iniziare una vita con la danza, ma non sul palcoscenico: viva la libertà! Come dire fate sempre quello che vi piace, che vi sembra bello, importante, quindi buono.

 

Vittoria Ottolenghi

 

Salve, innanzitutto vorrei ringraziare il giornaledelladanza.com per aver dato a tutti noi questa opportunità unica di interloquire con una figura straordinaria come Lei che ha davvero segnato la storia della danza. Mi chiamo Biagio, ho 37 anni e sono sempre stato un appassionato di balletto, pur non avendolo praticato io direttamente mai purtroppo, per situazioni della vita e per le difficoltà date dal fatto di non vivere in un grande centro con tante accademia. Ma amo molto scrivere e mi piacerebbe scrivere un giorno di questa splendida arte che è la danza, Lei crede che sia possibile questo anche per chi non è mai stato un danzatore?

Le sono grato in anticipo per la Sua risposta.

 

(Biagio dalla provincia di Perugia) 

 

 

Gentile signore,

ammesso e non concesso che io sia un critico di danza quanto meno dignitoso, rispondo da persona che ha fatto studi radicalmente diversi (la mia unica specializzazione accademica è la lingua e la letteratura inglesi). Personalmente penso che essere totalmente estranea, in partenza, alla professione di danzatore sia stata, e sia tutt’ora, quel poco di forza e di credibilità che possiedo. Un critico che è, in realtà, un ballerino fallito sarà sempre, visceralmente, invidioso di qualsiasi artista di successo nel campo della danza teatrale.

 

Vittoria Ottolenghi

 

 

Check Also

Il film “Carla” in onda domenica 5 dicembre su Rai Uno

La storia della più grande ballerina italiana di tutti i tempi, Carla Fracci, in chiaro su ...

I temperamenti dell’amore, in scena il Balletto di Siena

Il 10 Dicembre 2021 alle ore 21:00 il Balletto di Siena porterà in scena, finalmente ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi