Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / “Empty moves”: quando la danza scivola dentro e fuori la musica

“Empty moves”: quando la danza scivola dentro e fuori la musica

“Empty moves”: quando la danza scivola dentro e fuori la musica

 

Geometrie di corpi ordinate secondo uno schema perfetto nella sua mescolanza e confusione, mimiche facciali sempre sul labile confine tra l’ironia e l’iper-concentrazione, sequenze coreografiche impeccabili – se non per qualche leggera sbavatura di coordinazione – nel palesare la finezza del genio creativo di un maestro della danza contemporanea come Angelin Preljocaj. Questi i punti di forza di Empty Moves (parts I, II & III), andato in scena all’Arena del Sole di Bologna lo scorso 18 novembre (in replica anche il 19).

Già nel titolo, dichiaratamente omaggiante la performance Empty Words di John Cage, si intuisce che dai 105 minuti di messinscena c’è da aspettarsi qualcosa di sbalorditivo, tentando (invano) d’immaginare il frutto dell’avvicinamento di cotanti pilastri della danza e della musica dei nostri tempi.

E la performance persino supera le aspettative: i corpi sinuosi, elastici e – per certi versi – intriganti dei quattro danzatori in scena (Nuriya Nagimova, Yurié Tsugawa, Baptiste Coissieu e Liam Warren) ipnotizzano totalmente lo sguardo degli spettatori, quasi distraendo la mente dalla rimbombante presenza della registrazione audio di sottofondo, in cui ai suoni del compianto compositore statunitense si alternano le urla di disapprovazione del pubblico milanese, che assistette allo spettacolo nel 1977.

Un frastuono insopportabile (qualcuno abbandona il proprio posto) regna, dunque, nella Sala De Berardinis, ma la danza si perpetua inarrestabile, in un continuum di salti, corse, giravolte e innumerevoli “strutture” performative d’insieme, in cui le due coppie di ballerini s’avvinghiano, contrappesano, quasi fondono in un’unica sorgente di espressività e precisione.

Un interrogativo, allora, balena inevitabilmente nei pensieri del pubblico: «che cosa sto guardando?». Forse un esempio di contrasto tra il suono e il movimento, forse un tentativo di “plasmare” i fonemi di Empty Words in un’apoteosi di dinamismo e spettacolarità, forse un bisogno di vivificare il linguaggio coreutico coi “vocaboli” di quello musicale.

La verità riunisce le tre ipotesi in una certezza: il coreografo di origini albanesi intende regalare l’immagine di una danza capace di esistere scivolando dentro e fuori la propria partitura musicale, con il chiaro intento di evolvere le figure dei personaggi in scena da meri tersicorei a creature passionali, vigorose ed energiche, “empty” per essere colmate da ogni emozione possibile.

 

Marco Argentina

www.giornaledelladanza.com

Angelin Preljocaj / Empty Moves (parts I, II & III) © Jean-Claude Carbonne

Check Also

Balletto Teatro di Torino

Balletto Teatro di Torino: “Il corpo sussurrando”, poetiche differenti in un trittico d’autore

Balletto Teatro di Torino – Photo Credits: Mario Sguotti Venerdì 21 giugno 2019, al Teatro ...

Tutto pronto per la V Edizione di “L’Abella Danza”

Definito il programma delle attività formative della V Edizione di L’Abella Danza, da lunedì 8 ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi