Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità /  Moulin Rouge! Compie vent’anni uno dei musical più amati e popolari del Terzo Millennio

 Moulin Rouge! Compie vent’anni uno dei musical più amati e popolari del Terzo Millennio

Compie vent’anni uno dei musical più amati e popolari del Terzo Millennio, un’epoca in cui questo genere sta vivendo purtroppo un lungo tramonto. Ma Moulin Rouge! dell’australiano Baz Luhrmann, presentato al Festival di Cannes il 9 maggio 2001, è una delle poche eccezioni alla regola: merito di una straordinaria Nicole Kidman, sensuale e fragile allo stesso tempo, ben supportata da un sorprendente Ewan McGregor al primo ruolo musicale della carriera. Ma la carta vincente del film fu la travolgente colonna sonora rock-pop che stravolse le convenzioni del genere, trasportando nella Parigi di inizio Novecento i modernissimi versi di Elton John, Madonna, Kurt Cobain, U2… ecco una carrellata dei numeri musicali più belli del film.

Moulin Rouge!: trama

Arrivato da Londra nella Parigi del 1899, il giovane scrittore Christian entra in contatto con le dominanti compagnie di ‘bohemiens’, dove gira anche Toulouse Lautrec, e riceve l’incarico di scrivere un testo da mettere in scena al Moulin Rouge. A sera Christian incontra Satine, la stella del locale e probabile protagonista del lavoro, e subito si innamora di lei. La realtà però è un’altra. Il Duca di Worchester, che finanzia gli spettacoli, ha messo gli occhi su Satine, e naturalmente l’impresario Zidler cerca di favorire questa relazione. Succede invece che, dopo essersi conosciuti, tra Satine e Christian l’attrazione sia reciproca. I due dicono di volersi amare, mentre però il Duca fa di tutto per procurarsi appuntamenti con la ragazza.

Moulin Rouge!: curiosità

Moulin Rouge! ha aperto il Festival di Cannes del 2001.

La prima scena del copione mostrava Christian e suo padre in un duetto sulle note del brano Father and Son di Cat Stevens (oggi Yusuf Islam) che motivava anche l’approdo dello scrittore a Parigi. Stevens ha rifiutato l’uso del pezzo al film a causa del suo credo religioso: non voleva che la sua canzone venisse adoperata all’interno di un film che, a suo dire, ha fortissimi connotati sessuali.

La collana di Nicole Kidman è fatta di diamanti e platino veri, che l’hanno resa immediatamente il gioiello più costoso della storia del cinema. Il valore era stato stimato in circa un milione di dollari dell’epoca.

Redazione www.giornaledelladanza.com

Check Also

I workshop della Biennale Danza 2022

Un ciclo di workshop aperti al pubblico e rivolti a danzatori/danzatrici con esperienza. Dal 23 ...

La storia de Les Ballets Trockadero de Monte Carlo su Sky Arte

Approfondisce la storia di una delle compagnie di danza più talentuose e coraggiose di sempre il documentario Ballerina ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi