Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Perché i ballerini hanno bisogno di riscaldarsi?

Perché i ballerini hanno bisogno di riscaldarsi?

Perché i ballerini hanno bisogno di riscaldarsi?

Un riscaldamento completo prepara il corpo e la mente ad affrontare in sicurezza le lezioni, una prova o uno spettacolo. Deve essere effettuato prima dell’inizio dell’attività per migliorare le prestazioni fisiche e psicologiche, e ridurre così il rischio di infortunio.

I sistemi cardiorespiratorio, muscolare e nervoso efficacemente stimolati permettono infatti a mente e corpo di entrare in uno stato di preparazione per l’attività. Il ballerino potrà concentrarsi sulle esigenze tecniche e artistiche della lezione ed eseguirla in modo sicuro.

Il riscaldamento aumenta la temperatura corporea centrale che prepara i muscoli e le articolazioni a un’attività fisica ad alta intensità. Aumentano anche gradualmente il ritmo della respirazione, la frequenza cardiaca e l’efficienza dei sistemi che producono energia.

Questa produzione extra di energia farà sì che il danzatore consumi più ossigeno e metabolizzi più carburante per alimentare i muscoli.

Un efficace riscaldamento quindi assolve a diverse funzioni: aumenta il flusso di liquido sinoviale, il lubrificante contenuto nelle capsule articolari, che permette alle articolazioni di muoversi liberamente; migliora l’elasticità dei tessuti molli, muscoli, tendini e legamenti e aumenta in modo sicuro l’ampiezza del movimento; aumenta la velocità con cui viaggiano gli impulsi nervosi, quindi migliora il controllo motorio generale, l’equilibrio, la coordinazione e la propriocezione.

Ma il riscaldamento non è solo un processo fisico, esso è fondamentale anche per la mente. Permette, infatti, la transizione dalle pressioni della vita quotidiana alla danza che, come sappiamo, richiede alti livelli di concentrazione e prontezza mentale.

Il danzatore diviene consapevole del tipo di tensione fisica non necessaria all’esecuzione dei passi e riconosce l’affaticamento normale da quello negativo che potrebbe anticipare un infortunio.

Arrivare a lezione venti minuti prima dell’inizio è un buon modo per esercitare il riscaldamento mentale. Socializzare con i compagni, confrontarsi con loro, ripassare routine o passi aiutano il cervello a estraniarsi dai precedenti impegni e a prepararsi all’attività che si svolge in sala.

Il tempo investito nella danza è così prezioso che ogni minuto dovrebbe diventare un modo gioioso per continuare a costruire la tecnica e migliorare le opportunità di apprendimento.

Prepararsi fisicamente e mentalmente rende la concentrazione più semplice, il risultato sarà quindi migliore e il ballerino otterrà maggiore soddisfazione dalla lezione di danza, in cui si crea la magica riconnessione tra corpo e cervello.

Stefania Napoli
© www.giornaledelladanza.com

Check Also

Danza e Danze Ravenna, in onda in 4 puntate il format di Vittoria Cappelli e Monica Ratti

Il 19 settembre, presso la Sala Conferenze dell’Albergo Cappello di Ravenna, si è svolta la ...

Carla Fracci: una targa in suo onore a Milano, dove visse dal 1945 al 1959

“Una targa dedicata alla memoria di Carla Fracci da posarsi sullo stabile di via Tommei 2 a ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi