Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Perché i ballerini hanno bisogno di riscaldarsi?

Perché i ballerini hanno bisogno di riscaldarsi?

Perché i ballerini hanno bisogno di riscaldarsi?

Un riscaldamento completo prepara il corpo e la mente ad affrontare in sicurezza le lezioni, una prova o uno spettacolo. Deve essere effettuato prima dell’inizio dell’attività per migliorare le prestazioni fisiche e psicologiche, e ridurre così il rischio di infortunio.

I sistemi cardiorespiratorio, muscolare e nervoso efficacemente stimolati permettono infatti a mente e corpo di entrare in uno stato di preparazione per l’attività. Il ballerino potrà concentrarsi sulle esigenze tecniche e artistiche della lezione ed eseguirla in modo sicuro.

Il riscaldamento aumenta la temperatura corporea centrale che prepara i muscoli e le articolazioni a un’attività fisica ad alta intensità. Aumentano anche gradualmente il ritmo della respirazione, la frequenza cardiaca e l’efficienza dei sistemi che producono energia.

Questa produzione extra di energia farà sì che il danzatore consumi più ossigeno e metabolizzi più carburante per alimentare i muscoli.

Un efficace riscaldamento quindi assolve a diverse funzioni: aumenta il flusso di liquido sinoviale, il lubrificante contenuto nelle capsule articolari, che permette alle articolazioni di muoversi liberamente; migliora l’elasticità dei tessuti molli, muscoli, tendini e legamenti e aumenta in modo sicuro l’ampiezza del movimento; aumenta la velocità con cui viaggiano gli impulsi nervosi, quindi migliora il controllo motorio generale, l’equilibrio, la coordinazione e la propriocezione.

Ma il riscaldamento non è solo un processo fisico, esso è fondamentale anche per la mente. Permette, infatti, la transizione dalle pressioni della vita quotidiana alla danza che, come sappiamo, richiede alti livelli di concentrazione e prontezza mentale.

Il danzatore diviene consapevole del tipo di tensione fisica non necessaria all’esecuzione dei passi e riconosce l’affaticamento normale da quello negativo che potrebbe anticipare un infortunio.

Arrivare a lezione venti minuti prima dell’inizio è un buon modo per esercitare il riscaldamento mentale. Socializzare con i compagni, confrontarsi con loro, ripassare routine o passi aiutano il cervello a estraniarsi dai precedenti impegni e a prepararsi all’attività che si svolge in sala.

Il tempo investito nella danza è così prezioso che ogni minuto dovrebbe diventare un modo gioioso per continuare a costruire la tecnica e migliorare le opportunità di apprendimento.

Prepararsi fisicamente e mentalmente rende la concentrazione più semplice, il risultato sarà quindi migliore e il ballerino otterrà maggiore soddisfazione dalla lezione di danza, in cui si crea la magica riconnessione tra corpo e cervello.

Stefania Napoli
© www.giornaledelladanza.com

Check Also

Comune di Milano, Carla Fracci sarà sepolta al Famedio con altri nomi illustri

Carla Fracci, l’ètoile della danza scomparsa lo scorso 27 maggio, sarà sepolta al Famedio di ...

Notre-Dame de Paris, la grande Danza è tornata a Roma, al Costanzi con Roland Petit

Colori, misticismo, emozioni visive e inconsce. Un corpo di Ballo “ritrovato”, quello dell’Opera di Roma, ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi