Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Shen Wei dipinge la tela della danza contemporanea

Shen Wei dipinge la tela della danza contemporanea

Shen Wei Dance Arts_Untitled No. 12 – 2 © Grant Halverson

 

Il continuo evolversi della danza contemporanea comporta in alcune occasioni il missaggio di diverse discipline dell’arte apparentemente distanti l’una dall’altra. Questo è proprio il caso della Shen Wei Dance Arts, la compagnia newyorkese diretta dall’omonimo coreografo di origine cinese.

Il 16 gennaio alle ore 20:30 al Teatro Ariosto di Reggio Emilia ne viene data dimostrazione con la messinscena di due lavori coreografici di ultima creazione, Excerpts from Connect Transfer and Collective Measures (presentato in prima europea) e Untitled No. 12 – 2 (in prima assoluta).

La prima opera, come suggerisce il titolo stesso, è l’insieme di estratti dalle due versioni di Connect Transfer (datate 2004 e 2008) e di Connective Measures (2013): nel primo caso Wei introduce nella partitura performativa l’elemento predominante della pittura, anch’essa palesata “in the motion”, giungendo fino alla trasformazione del palcoscenico in una gigantesca tela; nel secondo caso, l’indagine del coreografo si dirige verso il mondo contemporaneo e la prossimità spaziale in cui ogni essere umano vive.

La seconda opera trae ispirazione dalla creazione site-specific Untitled No. 12 – 1, presentata al Miami Dade College Museum of Art + Design. La particolarità della performance? I danzatori si sono esibiti tra i dipinti della serie Black, White and Grey prodotta dallo stesso Wei. Essa comprende 11 dipinti, ai quali viene affiancato un dodicesimo, vale a dire proprio il lavoro coreografico in questione.

La poliedricità artistica fa, dunque, della compagnia statunitense una delle più prestigiose e rinomate nel panorama della danza contemporanea a livello mondiale. “Voglio catturare e concentrarmi sui momenti di transfert… per rivelare il viaggio del fare-danza e del fare-arte, dal vivo in ogni performance”, dichiara il coreografo, testimoniando il continuo desiderio di ricercare sempre più in direzione della profonda essenza dell’arte tersicorea.

L’ammirazione per il suo talento ha premiato Shen Wei con numerosi premi, compresa una borsa di studio MacArthur “Genius” (2007), lo U.S. Artists Fellow Award e una borsa di studio John Simon Guggenheim. Altri riconoscimenti includono: l’Australia’s Helpmann Award, il Nijinsky Emerging Choreographer Award, l’Algur H. Meadows Prize e una borsa di studio New York City Center Choreography (2012). L’impatto delle prime rappresentazione della Shen Wei Dance Arts nella madrepatria cinese a Pechino ha comportato il conseguimento di molti premi: l’Audi-China 2012 Artist of the Year Award, l’Artist of the Year ai GQ-China 2013 Man of the Year Awards, e, più recentemente, il 2013 Chinese Innovator Award dal Wall Street Journal-China. (shenweidancearts.org).

Per lo spettacolo all’Ariosto l’ensemble di danzatori prevede la presenza di formidabili professionisti, da lungo tempo collaboratori alla messinscena del genio creativo di Wei. Si tratta, nello specifico, di Lilli Balch, Jordan Isadore, Kate Jewett, Cynthia Koppe, Russell Stuart Lilie, Chelsea Retzloff, Jennifer Rose, Zak Ryan Schlegel, Austin Selden Alex Speedie, Andrea Thompson, Michael Wright e Ricardo Zawyas.

Per gli Excerpts sono il Quartetto per Archi n. 6 di Kevin Volans, In Zart Fliessender Bewegung di Gyorgy Ligeti e le composizioni originali di Daniel Burke a delineare l’apparato musicale, mentre per Untitled il soundscape è composto da Echoes From the Gorge di Chou Wen-Chung insieme con un Metronome Collage, ideato da Wei ed eseguito dal vivo dai danzatori.

Christina Watanabe-Jensen, in entrambi i casi, si occupa del lighting design, mentre i costumi sono tutti ideati dallo stesso Wei.

Importantissimo, inoltre, ricordare che la coreografia Untitled No. 12 – 2 è stata co-commissionato da Spoleto Festival USA e American Dance Festival, nonché l’intero spettacolo del 16 gennaio fa parte di un progetto di residenza della compagnia a Reggio Emilia con il quale si inaugura la riapertura del Teatro al termine dei lavori di restauro.

Un’occasione davvero imperdibile!

 

ORARI & INFO

16 gennaio ore 20:30

Teatro Ariosto

Corso Cairoli, 1 – Reggio Emilia

Tel. +39 0522 458 811 (centralino)

http://www.iteatri.re.it

 

Marco Argentina

www.giornaledelladanza.com

Shen Wei Dance Arts/ Connect Transfer II © David Massio Studio

Shen Wei Dance Arts/ Untitled No. 12 – 2 © Grant Halverson

Check Also

Il Malandain Ballet Biarritz alla Fenice con “Marie-Antoinette”

Il Malandain Ballet Biarritz debutta al Teatro La Fenice di Venezia con Marie-Antoinette, in programma dal 26 al 30 gennaio 2022. Lo spettacolo ...

Al via Danzainfiera 2022, dal 25 al 27 febbraio a Firenze

RE-DANCE YOUR LIFE è lo slogan scelto per celebrare questa ripartenza, dopo un anno di ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi