Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Torinodanza: da Lione a Torino, il defilé per il (doppio) festival della danza

Torinodanza: da Lione a Torino, il defilé per il (doppio) festival della danza

Stampa

Si è tenuta a Palazzo Farnese a Roma la conferenza di presentazione dell’edizione 2014 di Torinodanza, festival che porterà la danza in città dal 9 settembre al 12 ottobre e dal 20 novembre al 22 gennaio.

Perché proprio a Palazzo Farnese? Perché è la sede dell’ambasciata di Francia, e perché quest’anno il Torinodanza cresce grazie a una collaborazione con la Biennale danza di Lione, che ha il suo evento più spettacolare nel Défilé.

Il défilé è una sfilata che ogni due anni apre la manifestazione a Lione e vede sfilare migliaia di danzatori (non professionisti e appartenenti a diversi stili di danza e arti performative) secondo una coreografia e un tema diverso ogni volta, coinvolgendo così l’intera città. A Torino per la prima volta il gruppo sarà misto: vedrà infatti partecipare 500 danzatori italiani (torinesi per lo più, e piemontesi) e 500 lionesi, tra i quali alcuni muoveranno 300 marionette, create dall’Accademia Albertina di Belle Arti e dal MarionettArt Accademia della Figura oltre che da molte associazioni non solo di spettacolo ma anche impegnate nel sociale e nell’ambito della disabilità. Saranno 21 in totale le associazioni coinvolte, dalle scuole di danza a quelle legate ad arti performative e cultura locale (dalle arti circensi a quelle degli sbandieratori, tra gli altri).

Non solo danza e danzatori, quindi, ma un evento che coinvolge la città e le associazioni in ogni forma, poiché, spiega Gigi Cristoforetti, direttore di Torinodanza: “Plassard (Denis Plassard, coreografo, insieme all’assistente Elena Rolla, del défilé, ndr) ha immaginato il Défilé come una sfilata di Honorables délégations (onorevoli delegazioni), provenienti da vari ambiti sociali”.

Due anteprime del défilé saranno presentate a Pinerolo il 21 giugno e a Fossano il giorno successivo, prima del vero grande evento a Torino il 6 luglio (la delegazione torinese inoltre parteciperà al défilé francese il 14 settembre). Ma qualche anticipazione la si avrà anche alla Fiera del Libro, a maggio, durante la quale verrà anche presentato il programma definitivo.      

Una manifestazione che, patrocinata sia dal Teatro Stabile di Torino sia da un connubio efficace tra enti pubblici e privati, mira a portare la danza di livello e la danza più innovativa in città, verso i cittadini, non solo rendendoli spettatori ma coinvolgendoli direttamente e che mira a uno scambio europeo alla pari per quanto riguarda la danza.

Per questo, benché sempre italo-centrica, specie nella sezione Made.IT dedicata ad artisti emergenti e ad artisti affermati e innovativi, la manifestazione quest’anno ospiterà anche compagnie da Belgio (con Alain Platel), Spagna (con Carlson – Yerbabuena), Francia (che presenterà 4 lavori per la prima volta in Italia), Australia (col Circa Ensemble), Israele (con la Kibbutz Contemporary Dance Company) e Cina (con Liao Yimei).

Tanti input diversi per internazionalizzare la danza italiana e per riportare il pubblico alla danza, creando uno scambio democratico e reciproco tra danza e territorio a tutti i livelli, come nell’intenzione del défilé francese, giunto di già al decimo anniversario.

 

ORARI&INFO

Dal 9 settembre al 12 ottobre 2014, Torino (varie sedi)

Dal 20 novembre 2014 al 22 gennaio 2015

Défilé il 6 luglio ore 17, Piazza San Carlo – Torino

Biennale de Lyon – danse: dal 17 al 20 settembre 2014

www.torinodanzafestival.it

 

Greta Pieropan 

www.giornaledelladanza.com

Check Also

In vetrina: Balletto del Sud storia di una compagnia tutta italiana tra tradizione e innovazione

Il “Balletto del Sud” nasce nel 1995 fondato e diretto dal coreografo italiano Fredy Franzutti, ...

Fondo emergenza 2020: al via i sostegni per le scuole di danza

È stato pubblicato il decreto del Ministro per i beni e le attività culturali e per il ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi