Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / “Luminare Minus – Funambolia”: a Torino danzano Luciana Savignano e Emanuela Tagliavia

“Luminare Minus – Funambolia”: a Torino danzano Luciana Savignano e Emanuela Tagliavia

Tagliavia Savignano - Ph. Alberto Calcinai

Nel nuovo appuntamento con la 39ª stagione di Danza e Arti Integrate Il Gesto e l’Anima 2017-18, organizzata e promossa dalla Fondazione Teatro Nuovo, Luciana Savignano e Emanuela Tagliavia propongono nello scenario del Teatro Erba Luminare Minus – Funambolia

L’idea creativa dalla quale prende vita Luminare Minus è tratta da un pezzo della collezione del Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia: un frammento lunare conservato ed esposto nella Sezione Spazio del Museo. In Luminare Minus arte, contenuti scientifici e nuove tecnologie convergono per creare uno spettacolo che unisce danza, musica e videoproiezioni, nato per l’edizione 2007 del Festival Mi-To, con la partecipazione straordinaria di Luciana Savignano e gli allievi della Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala. Dalla materia, la pietra lunare, deriva la percezione delle differenti facce della Luna sulla Terra attraverso le sue fasi, dalla luce al buio e ancora alla luce in eterno divenire. I pensieri di Galileo su questi fenomeni, dapprima solo osservati, sono diventati poi argomenti di veri studi scientifici.

Nel quadro della Luna Piena la scienza si abbandona magia del mito classico di Selene. Nella sua luce splendente si intrecciano gli amori con Endimione, Helios e Pan. Alla luna piena Galileo puntò il telescopio scrutando il suolo lunare e da queste sue osservazioni trasse conclusioni che avrebbero capovolto l’intera concezione del sistema solare. Dalla luce piena di Selene alla Luna Calante, la faccia sempre nascosta della luna, il regno delle ombre, il regno di Ecate. Sulla Luna il suono non può esistere, ma dalla Terra è possibile immaginare di ascoltare una sorta di voce interiore, come un’eco sottile ma profondo, un riflesso fluttuante dei pensieri umani che attraversano la materia e ritornano a noi piene di significati misteriosi e sconosciuti. La coreografia sviluppa l’intreccio tra mito e scienza evocando gli intrecci amorosi della Luna Piena, luminosa, di Selene e immaginandone la zona oscura attraverso una donna a tre teste, Ecate, regina delle ombre e dell’ambiguità. Nella Luce Cinerea si inseguono la circolarità e sfericità del movimento del globo lunare, in Assenza di Gravità il movimento dei corpi è attratto dalla sospensione del peso, dall’assenza dell’attrazione gravitazionale e dalla rarefazione estenuata e sensuale dei contatti fisici tra materia diversa.

Funambolia è una coreografia che nasce grazie all’intreccio e alla combinazione drammaturgica di diversi filoni tematici.

Il principale tra questi è suggerito dalla collaborazione con Luciana Savignano e un gruppo di danzatori che, insieme, danno vita a un bizzarro gruppo familiare all’interno del quale la stessa arte si tramanda di generazione in generazione, senza soluzione di continuità.

Un secondo tema ricava la sua ispirazione dalla lettura di Neve, delicato racconto di Maxence Fermine: poesia e funambolismo si fondono grazie alle atmosfere rarefatte in cui agisce la protagonista, una donna dalla pelle bianca come la neve, la cui “vita segue una sola linea retta”, una donna “leggera come un uccello”, sempre in equilibrio su una fune.

Un terzo tema è la metafora di un dispositivo che, a partire dalla fune, rimanda alla vita, al gioco, al sentiero terreno degli amanti e che costituisce una sorta di ragnatela di significati ‘altri’ nella ricerca continua ed estenuante dell’equilibrio e della leggerezza.

Infine, come suggerisce Philippe Petit nel suo Trattato sul funambolismo, “quando i carpentieri in legno iniziano a costruire un ponte, quando i maghi esibiscono una cordicella sul palco, quando i bambini giocano al tiro alla fune, quando i clandestini installano un cavo, c’è sempre un momento in cui il filo penzola liberamente tra due punti e sorride”.

ORARI & INFO

6 febbraio ore 21.00

Teatro Erba

Corso Moncalieri, 241

Torino

www.giornaledelladanza.com

Foto Alberto Calcianai

Check Also

Il Balletto di San Pietroburgo sarà al Teatro Alfieri di Torino con Lo Schiaccianoci

Il Balletto di San Pietroburgo sarà ospite il 16 dicembre alle ore 20.45 presso il ...

Corpi in bilico tra Paradiso e Inferno in “Dopo la fine” di Paola Lattanzi

Il 7 dicembre 2019, nell’ambito del XXV Festival di danza contemporanea e arti performative, il ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi