Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Carla Fracci, il cordoglio di tante personalità da Roberto Bolle a Giuseppe Picone, Alessandra Ferri, Eleonora Abbagnato, Luciana Savignano, Oriella Dorella, Raffaele Paganini

Carla Fracci, il cordoglio di tante personalità da Roberto Bolle a Giuseppe Picone, Alessandra Ferri, Eleonora Abbagnato, Luciana Savignano, Oriella Dorella, Raffaele Paganini

Il ministro Dario Franceschini: “La più grande. Divina ed eterna”

“La più grande. Divina ed eterna. Piena d’amore per la danza, di nuovi progetti, di idee per tutta la vita, con l’entusiasmo di una ventenne. L’Italia della cultura ti sarà sempre grata, immensa”. Così il Ministro della Cultura Dario Franceschini su Twitter, commentando la morte di Carla Fracci

Alessandra Ferri: con Carla abbiamo perso l’ultima ballerina romantica

“Carla era l‘artista alla quale, come molte ballerine della mia generazione, ho guardato come a un’ispirazione. Il destino ha voluto che proprio ora mi trovi a interpretare per la prima volta il ruolo di Winnie ne L’Heure Exquise, che Maurice Béjart aveva creato per lei. Ne abbiamo parlato insieme nei mesi scorsi, lei era felice di questa scelta e io entusiasta di ridare vita a questo lavoro che sarebbe andato perso. Dedicarle questo spettacolo è il mio grazie emozionato a un’artista indimenticabile”.

Riccardo Muti: Rimarrà nel cuore dei suoi ammiratori e tra questi ci sono io”

“Una grande figura di artista che ha onorato l’Italia e che rimarrà nella storia della danza e del teatro”. Il Maestro Riccardo Muti ricorda così Carla Fracci e sottolinea: “Rimarrà nel cuore di tanti suoi ammiratori e tra questi ci sono io”. Il Maestro ricorda di aver diretto la Fracci al Teatro alla Scala nei Vespri Siciliani. “Diede lustro e prestigio a quella edizione, la ricordo come una grande danzatrice e una professionista straordinaria”. Mentre aggiunge: “La ricordo anche sempre presente alle prime della Scala, un teatro che era il centro del suo mondo”.

Luciana Savignano: “Il cigno è volato via”

Un grande dolore per tutti la perdita di Carla Fracci, una grande ballerina e una grande artista. Carla immensa, leggiadra, meravigliosa. Sari per sempre nei nostri cuori.

Enrico Letta: “Piangiamo la scomparsa di Carla Fracci, icona dell’Italia più bella”

«La più grande, divina ed eterna», ha postato il ministro della Cultura Franceschini. «L’Italia perde oggi uno dei suoi simboli più straordinari, affascinanti ed eleganti. Piangiamo la scomparsa di Carla Fracci, icona dell’Italia più bella», scrive su Twitter il segretario Pd, Enrico Letta. 

Luigi Di Maio: “Un talento immenso, come immensa era la sua umiltà. Addio Carla”

«Ci lascia una grande stella, una grande donna. Orgoglio italiano conosciuto in tutto il mondo, che ha reso l’arte della danza la sua ragione di vita incantando i palcoscenici internazionali. Un talento immenso, come immensa era la sua umiltà. Addio Carla». Così Luigi Di Maio su Facebook.

Giuseppe Picone: “Mi ha insegnato l’amore per il lavoro quotidiano”

“E’ stata la mia fonte di ispirazione – ci dice Giuseppe Picone, già direttore del Corpo di Ballo del Teatro San Carlo ed ètoile internazionale – Ero appena al secondo corso della Scuola di ballo del Massimo napoletano che mi fece convocare per ballare con lei in Nijinski. Poi di nuovo in Cocteau Opium. Da allora altre mille volte. In Italia e all’estero. In Russia, a Cuba, all’Arena di Verona, al Teatro dell’Opera”.

“Da lei ho imparato ad amare il lavoro quotidiano. Non bisogna mai mollare mi diceva. E questo per me è diventata la Bibbia. Il 24 agosto ci saremmo dovuti rivedere a L’Aquila per un Gala. Lei ospite. Io in palcoscenico. Ce lo siamo detti nell’ultima telefonata. Sono davvero a pezzi”.

Roberto Bolle: “Un’icona pop che ha avvicinato alla danza intere generazioni”

“Ha segnato un’epoca ed è stata un simbolo della danza nel mondo – dice Roberto Bolle in questi giorni in prova proprio al Teatro alla Scala – Una vera e propria icona. Un’ icona pop. Con lei la danza è arrivata a chiunque. Dobbiamo rìingraziare questa Grande Donna per quello che ha saputo dare a tante generazioni”.

Oriella Dorella: “Un grande dolore la perdita di Carla”

Carla è una grande perdita per tutti noi, per la danza. E’ stata una grande stella, dotata di un tecnica straordinaria e una presenza scenica fuori dal normale.

Francesco Ventriglia: “I grandi artisti come lei non scompaiono, diventano leggenda”.

Gli artisti sono i custodi della bellezza del mondo. La signora Fracci e’ stata un esempio di come l’armonia di un gesto consapevole possa toccare il cuore per sempre. I grandi artisti come lei non scompaiono, diventano leggenda.

Lorella Cuccarini: “Eternamente Principessa”

 Su Twitter il saluto di Lorella Cuccarini: “Eternamente principessa. A rivederci #CarlaFracci”. E per lei aggiunge una rosa rossa.

Manuel Legris: “Oggi abbiamo perso una delle ballerine più famose del nostro tempo”

RIP Carla Fracci.
Oggi abbiamo perso una delle ballerine pi§ famose del nostro tempo, una donna eccezionale, una stella di luce. Per sempre nel nostro cuore ❤️
Grazie Carla
Aujourd’hui nous avons perdu une des danseuses les plus célèbres de notre temps. Une femme exceptionnelle,un astre de lumière. Dans notre coeur pour toujours
Merci Carla

Raffaele Paganini: “Per molti artisti della mia generazione era una mamma da un sorriso magico”

“E’ una notizia terribile, terribile, terribile – ha dichiarato Raffaele Paganini raggiunto telefonicamente dalle agenzie – Oltre ad essere una grande artista per molti di noi era la nostra mamma. Di lei non dimenticherò il sorriso e la sua sensibilità che la spingeva sempre a voler aiutare tutti”.

Dominique Meyer, Sovrintendente del Teatro alla Scala

“Faremo una camera ardente alla Scala, una cosa che è stata fatta pochissime volte. Ma trattandosi di Carla Fracci…. – ha detto Dominique Meyer, Sovrintendente del Teatro alla Scala – E’ stata la ballerina più importante del teatro dell’ultimo secolo, ma anche una stella importantissima della danza internazionale. Dobbiamo inchinarci davanti alla sua carriera che è cominciata qui quando è entrata nella nostra Scuola di ballo”.

Cecilia Gasdia, Sovrintendente Arena di Verona: “Perdiamo una Divina”

 “Oggi è un giorno triste, perdiamo una Divina, una vera artista, una stella come poche nella nostra storia”. Così la Fondazione Arena di Verona, attraverso la Sovrintendente Cecilia Gasdia, piange la scomparsa di Carla Fracci. che fu protagonista di trentatré produzioni diverse nei luoghi della musica della città scaligera: oltre al millenario Anfiteatro, il Teatro romano e il Teatro Filarmonico.. “Vogliamo omaggiare Carla Fracci – aggiunge Gasdia – ricordando una delle più fedeli e belle collaborazioni con questo grande Teatro, sempre all’insegna della perfezione. Con tutti i lavoratori dell’Arena di Verona voglio esprimere la nostra vicinanza al marito Beppe Menegatti e al figlio Francesco”.

Carlo Fuortes, Sovrintendente del Teatro dell’Opera: “Orgogliosi di averla avuta alla guida della Scuola”

“Addio a Carla Fracci, Signora della danza, mito del Balletto, artista unica e protagonista ineguagliabile dei più prestigiosi palcoscenici di tutto il mondo. Impossibile dimenticare la sua grazia, che ha attraversato il nostro palcoscenico tante volte, a partire dal suo debutto nel 1964 in Giselle accanto a Henning Kronstam. Resterà motivo di orgoglio e di grande onore per il Teatro dell’Opera di Roma averla avuta alla guida del suo Corpo di Ballo dal novembre 2000 al luglio 2010″. Sono queste le parole del Sovrintendente del Teatro dell’Opera di Roma Carlo Fuortes. Per la Fondazione capitolina, si legge in una nota, rimarranno leggendarie tutte le esibizioni di Carla Fracci, a partire da quella in coppia con Rudolph Nureyev nel 1966 ne La Sylphide, passando per quella del 1972 in Giselle con Vladimir Vassiliev, fino all’ultima apparizione del 2010 nel ruolo di Lady Capuleti in Romeo e Giulietta alle Terme di Caracalla”.

Eleonora Abbagnato: ” Mi ha insegnato tanto. Mi diceva: in palcoscenico sii te stessa”

“Dall’età di dieci anni mi ha insegnato tanto – racconta con dolore l’étoile Eleonora Abbagnato, che proprio oggi dovrà dare l’addio alle scene dell’Opéra di Parigi – la sua passione andava oltre. Il ricordo più bello al suo fianco è in palcoscenico, dove mi diceva di essere sempre me stessa. Solo così avrei potuto esprimere l’amore per la danza. È stata un esempio per tutti noi ballerini. Ha brillato in tutto il mondo come icona italiana. Continuerò a dirigere il Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma pensando a lei”.

Vittoria Cappelli: “Carla io amo la Danza perché me l’hai fatta amare tu”.

Carla io amo la Danza perché me l’hai fatta amare tu.
Volavi , davi emozione per la tua bellezza, la tua leggerezza e bravura. 30 anni di lavoro insieme, sempre soddisfatte di quanto abbiamo realizzato per la Danza 🩰🩰🩰#carlafracci

© www.giornaledelladanza.com

Check Also

“Eppur si muove” di Francesca Lattuada Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto

Dopo il primo spettacolo della Compagnia Artemis danza, il prossimo appuntamento in Fonderia è domenica ...

Daniele Cipriani presenta “Giselle” di Eleonora Abbagnato al Teatro Lirico di Cagliari

Martedì 21 settembre alle 20.30, si tiene la serata inaugurale di “Autunno in musica 2021”, l’attività musicale del ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi