Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Ticker (page 372)

Ticker

Pink Floyd Ballet: Soirée Roland Petit

Sabato 22 luglio 2017 (con repliche fino al 26 luglio), al Teatro di San Carlo di Napoli, per il San Carlo Opera Festival 2017 realizzato per “Napoli Città Lirica” con il contributo della Regione Campania, sarà presentata la nuova versione di Soirée Roland Petit con Pink Floyd Ballet, ripresa da Luigi Bonino con Lienz Chang per il Corpo di Ballo del Lirico diretto da Giuseppe Picone; étoile ospite, Maria Eichwald. Repliche il 23, 25 e 26 luglio.  Lo storico interprete e collaboratore del grande coreografo francese ha lavorato in Teatro con la Compagnia del Massimo napoletano, che lo scorso 26 giugno ha presentato con successo il titolo al Festival Internacional di Musica y Danza di Granada. Soirée Roland Petit, che per la prima volta va in scena al San Carlo, è un omaggio a una delle figure più rilevanti della danza della seconda metà del Novecento, Roland Petit, scomparso nel 2011, che, nel corso della sua sfavillante carriera, ha collaborato con le menti più vivaci del secolo scorso, da Jean Cocteau a Pablo Picasso, fino a Giorgio De Chirico e Yves Saint-Laurent. Al Lirico di Napoli sono particolarmente legati i suoi balletti Il Pipistrello, Duke Ellington Ballet, Coppélia. Soirée, che ...

Read More »

Tra robotica e spontaneità del gesto con “School of the moon” di Eric Minh Cuong Castaing

Il 25 luglio 2017, il centro di creazione e produzione delle arti contemporanee Centrale Fies di Dro (TN) ospita la compagnia francese Shonen con School of the moon, ideazione, coreografia Eric Minh Cuong Castaing, animazione robot Cypria Donato, musica Grégoire Simon e Alexandre Bouvier, dispositivi digitali Alexandre Bouvier, coproduzione Ballet National de Marseille. Nata per volontà del coreografo e designer di animazione grafica Cuong Castaing, Shonen basa le sue creazioni sull’incontro tra nuove tecnologie (proiezione video, robotica), cinema d’autore, danza urbana e fotografia contemporanea. Tale mix artistico si ritrova in School of Moon, interpretata da un gruppo di bambini, sette robot e due danzatori, Ana Pi e Gaétan Brun Picard, e ispirata alla Pietà di Michelangelo. Metafora di una realtà colonizzata da corpi in miniatura, il lavoro racconta l’evoluzione di una nuova micro-società suddivisa tra robotica e iconografia della danza, tra attrazione per ciò che è artificiale e identificazione con i gesti spontanei del corpo, dualismo che mette a rischio l’identità dell’uomo. Opera originale, carica di significato, perfetta rappresentazione del mondo in cui viviamo, interpretata con sentimento e movimenti lenti e puliti, accattivante sfida per i giovanissimi performer in scena. ORARI & INFO 25 luglio 2017, ore 22.00 Centrale Fies ...

Read More »
“Amleto” del CollettivO CineticO a Drodesera: la performance si fa talent show!

“Amleto” del CollettivO CineticO a Drodesera: la performance si fa talent show!

  Giunge alla XXXVII edizione il Festival di danza contemporanea e performance “Drodesera”, intitolato quest’anno Supercontinent, nel cui programma è prevista la partecipazione del CollettivO CineticO con Amleto, in scena il 27 luglio alle ore 22:15 presso la Sala Comando della Centrale Fies di Dro (TN). Lo spettacolo, realizzato in co-produzione dalla stessa compagnia ferrarese e il Teatro Franco Parenti, nasce da concept e regia firmati dalla talentuosa Francesca Pennini, affiancata nella drammaturgia dall’impareggiabile Angelo Pedroni. La creazione dell’opera vanta, inoltre, la presenza di altri due performer, “pietre miliari” del CollettivO: Carmine Parise e Stefano Sardi, attori in prima persona sul palcoscenico (compreso anche Pedroni) insieme ai quattro candidati in competizione per il ruolo di Amleto (vero e proprio scopo dell’intero atto performativo). Sulle note di Dmitri Shostakovich, infatti, lo spettacolo ripercorre – in maniera del tutto unica nel suo genere – la vicenda della celeberrima tragedia shakespeariana, nell’intenzione, però, di Pennini di riportare un pezzo di Storia del teatro (e della performance a tutto tondo) ad un grado zero per donargli un nuovo senso, quasi una nuova vita. L’Amleto di CollettivO CineticO é un meccanismo letale. La scena é spazio preparato ad ospitare aleatorietà e inevitabilità in un limbo ...

Read More »

Al Teatro Vascello Spellbound Contemporary Ballet in scena con due spettacoli

Saranno ben due gli spettacoli che Spellbound Contemporary Ballet porterà in scena il prossimo 26 luglio al Teatro Vascello di Roma, The hesitation day e The divided self. The Hesitation day, una produzione Spellbound con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo in collaborazione con The Egg/Albany di NY, ha debuttato in prima mondiale il 23 ottobre 2015 al The Egg/Albany di NY, con la coreografia Mauro Astolfi, musica di Norn, Amon Tobin e il disegno Luci Marco Policastro. La pièce parla del momento della sospensione temporanea di un’azione, di un pensiero o di un giudizio. In realtà è un momento prezioso, reset dove ricordare cosa vogliamo portare di noi nel mondo esterno. The divided self, invece, descrive alcuni gradi della difficoltà e della limitazione di essa che inevitabilmente impone la presenza di qualcuno vicino a noi. Questo duetto al femminile, inizialmente creato per due allieve dei corsi professionali del Daf Dance Arts Faculty di Roma ha debuttato il 21 novembre 2015 in Bielorussia a Vitebsk nell’ambito dell’International Festival of Modern Dance e si inserisce in un percorso di piccole creazioni e progetti volti a creare un trampolino di lancio e un avvio ...

Read More »
Una nuova tournée scaligera attende “Giselle”

Una nuova tournée scaligera attende “Giselle”

  Dal 28 al 30 luglio, per quattro recite, il Balletto scaligero, diretto dal maestro Frédéric Olivieri, sarà ospite sul palcoscenico del Segerstrom Center for the Arts in Costa Mesa – California, con “Giselle”, di Coralli-Perrot (creazione in due atti di Jules-Henry Vernoy de Saint-Georges da Théophile Gautier) nella ripresa coreografica di Yvette Chauviré, protagonista delle stagioni scaligere e delle più recenti tournée internazionali (dall’Oman al Brasile, da Hong Kong a Parigi fino alla Cina visitata nell’autunno 2016 con recite a Tianjin, Shanghai e Canton), in scena ora anche come omaggio a Yvette Chauviré, recentemente scomparsa, che proprio con la cura e la raffinatezza di ruoli come “Giselle” ha esaltato la tradizione classica in tutta la sua purezza e consegnato la sua fama al mondo. Risale al 2001 l’ultima trasferta americana della Compagnia: le precedenti presenze del Balletto scaligero negli Stati Uniti risalgono al 1981 e 1986, per un totale fino ad ora di cinquantaquattro rappresentazioni. Per questo atteso ritorno, gli artisti della compagnia, l’étoile Roberto Bolle e importanti guest si alterneranno in scena: la recita di apertura del 28 luglio sarà infatti affidata a Misty Copeland e Roberto Bolle, a rinnovare la straordinaria liaison che li ha visti acclamati ...

Read More »
PROSPETTIVE01

PROSPETTIVE01 – “West Side Story”: un capolavoro intramontabile

“Prospettive01” è una rubrica rivolta ad artisti e contesti che rappresentano un mondo di talenti in continua evoluzione. Ideata e curata da Lorena Coppola, la rubrica si propone di raccogliere una serie di interviste e di articoli mirati a dar voce e spazio a tutte le fasce creative del mondo coreutico che costituiscono giovani realtà in via di sviluppo ed espansione, progetti innovativi, o realtà già consolidate, di spiccato talento, meritevoli di attenzione. Un luogo di rivelazione e di incontro di nuove prospettive. È iniziata il 19 luglio la tournée italiana del musical West Side Story riallestito dall’UPAM. Si tratta della tappa finale di un percorso cominciato a febbraio 2017, ossia del progetto “Dalla formazione al palcoscenico” ideato da Ina Perna e Stefano Forti con Raffaello Converso, Gianmarco Cesario e Gianluca Cangiano, partito dalla consapevolezza che le opportunità per i giovani artisti di emergere, realizzarsi, guadagnare attraverso il loro talento siano ridottissime, se non invisibili, soprattutto al Sud Italia. Intento del progetto è dunque creare una rete di opportunità dedicate ai giovani che vogliono investire tempo e sudore nella propria passione artistica.  L’Accademia UPAM è stata la sede ideale, essendo promotrice di corsi triennali professionali di musical e recitazione in ...

Read More »

Compagnia Arearea al Mittelfest 2017 con “Turbolenze – Il caos e la farfalla”

Il 21 e 22 luglio 2017, in occasione di Mittelfest 2017 di Cividale del Friuli (UD), la Compagnia Arearea, presenta Turbolenze – Il caos e la farfalla, coreografie di Roberto Cocconi, musiche di Philip Glass, al violoncello Anna Molaro, in collaborazione con Dialoghi/Residenze delle Arti Performative a Villa Manin, con il sostegno del MiBACT – Direzione Generale per lo Spettacolo dal Vivo. Fondata nel 1992 da Cocconi, Arearea è da sempre aperta e incline alla collaborazione con danzatori e artisti di altre discipline e articola le sue creazioni sia negli spazi teatrali che in quelli urbani del quotidiano, coinvolgendo e appassionando il suo pubblico. Attraverso la danza, Turbolenze dà sostanza fisica al cosiddetto effetto farfalla, ossia l’idea proposta negli anni Sessanta dal matematico e meteorologo Edward Lorenz, secondo cui un piccolissimo cambiamento nella condizione iniziale del sistema provocato dal battito d’ali di una farfalla in Brasile può scatenare, a distanza di tempo, fenomeni di scala sempre più vasta, come per esempio un tornado in Texas. Sei danzatori e una violoncellista raccontano quindi questa affascinante parte della teoria del caos, l’instabilità, la dipendenza sensibile alle condizioni iniziali, spiegandoci come il futuro non sia prevedibile oltre un determinato periodo di tempo. ORARI ...

Read More »
Una visione soavemente onirica

Una visione soavemente onirica

  In questa produzione a cavallo tra Shakespeare e Balanchine emerge ben chiara la convivenza degli elementi comici e tragici e la presenza di figure immaginarie, che grazie all’arte letteraria trasposta in quella coreica, sviluppa una rappresentazione dove la somma di tutti gli elementi irreali appaiono conformi al vero. Un balletto che può vantare sull’indiscusso valore del Corpo di Ballo del Teatro alla Scala diretto sapientemente da Frédéric Olivieri: tutti, anche quelli che interpretano ruoli minori, sono pienamente meritevoli di ammirazione e plauso secondo la propria attitudine. Gli incantevoli costumi e l’evocativa ambientazione scenografica, a firma di Luisa Spinatelli, contribuiscono ad infondere all’allestimento un sentore di assoluta qualità. L’adattamento della favola per antonomasia, quel “Sogno di una notte di mezza estate” popolato da folletti e fate, trasformazioni e bisticci tra innamorati, farfalle, incantesimi ed equivoci si dosa con una tale perfezione al genio artistico del maestro Balanchine, al suo neoclassicismo, alla velocità, ai giri, alla bellezza dei movimenti che convergono elegantemente in garbati sentimenti. Nella recita di martedì 12 luglio 2017 sul palcoscenico del Teatro alla Scala, Marta Romagna è Titania, regina delle fate. Timofej Andrijashenko il suo sposo Oberon, geloso e dispettoso. Federico Fresi è l’azzeccatissimo folletto Puck. Matthew ...

Read More »

“Romeo e Giulietta 1.1 – La sfocatura dei corpi”: Roberto Zappalà “rinnova” gli amanti di Verona

La sfocatura dei corpi era il titolo del Romeo e Giulietta del 2006 che Roberto Zappalà ha deciso di riprendere e riportare in scena come primo spettacolo di Antologia. Una revisione che è anche e soprattutto un rinnovamento. Un Romeo e Giulietta 1.1. Cosa ci fa sentire sfocati, quando ci sentiamo sfocati? Tecnicamente, la sfocatura è una questione di distanza.  La distanza tra il centro focale dell’obiettivo è l’oggetto inquadrato; se questa distanza è inferiore o superiore ad una certa misura l’oggetto risulta, appunto, sfocato. Riportando tutto ai due amanti di Verona ci sentiamo sfocati quando “percepiamo” che la distanza tra noi e il mondo, tra noi e l’amato non è quella giusta; quando la distanza che ci separa dall’essere amato è condizionata dal proprio essere nel mondo; quando siamo, ci sentiamo, crediamo di essere, troppo vicini, o troppo lontani. Insomma: siamo tutti Romeo e Giulietta. Nella versione 1.1 il coreografo ha spostato la messa a fuoco, concentrandola più che sulla coppia di innamorati, sulla loro individualità di esseri che vivono singolarmente un disagio soprattutto sociale. Nelle note vicissitudini scespiriane si arriva all’amore sublimato dalla morte (e viceversa), la versione 1.1 vuole riflettere e al contempo “ribellarsi” ad un tempo ...

Read More »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi