Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Festival “Oriente Occidente”: quando la danza profuma di socialità

Festival “Oriente Occidente”: quando la danza profuma di socialità

Festival “Oriente Occidente”: quando la danza profuma di socialità

 

Quando il panorama della danza contemporanea deborda nel territorio della cultura e della socialità si ottiene un risultato performativo senza dubbio interessante. È il caso di Oriente Occidente, il festival di danza contemporanea che dal 1981 ha luogo a Rovereto (TN), in programma per quest’anno dal 30 agosto all’11 settembre.

Il tema predominante, per la stagione corrente, si racchiude nel titolo Corpi e confini, con il quale “Oriente Occidente 2016 prosegue la sua storia di connessione tra arte coreutica e fenomeni sociali”, come attesta il sito web di presentazione. In virtù di tale proposito, il cartellone si articola con eventi di vario genere, da incontri a workshop a spettacoli in palcoscenico e all’interno di spazi urbani.

Il 30 agosto due incontri danno il via all’intera manifestazione, dapprima con Maurizio “Manolo” Zanolla e Antoine Le Menestrel, poi con Paolo Mieli. L’indomani, 31 agosto, si “aprono – letteralmente – le danze” con la performance di Davide Valrosso I would like to be pop, seguita da Il coraggio di stare di Tommaso Serratore e, infine, dallo spettacolo di Jan Fabre Attends, attends, attends… (pour mon père).

Per i primi tre giorni di settembre è prevista la messinscena pomeridiana in contemporanea di due spettacoli assai diversi tra di loro: da un lato Scenario dell’italiano Luca Veggetti, dall’altro L’aimant: poésie verticale di Antoine Le Menestrel e la Compagnie Lézards Bleus, direttamente dalla Francia. Oltre ad essi, il 1 settembre va in scena Los pájaros muertos di Marcos Morau; il 2 settembre è la volta di Romeo & Juliet / Rebellion & Johannesburg di Jessica Nupen e la Moving Into Dance Mophatong (Sudafrica); mentre, la giornata del 3 settembre si apre con due workshop mattutini (l’uno condotto da Bret Easterling, l’altro da Sunnyboy e Buthelezi Motau) per poi concludersi con Three, lo spettacolo di Ohad Naharin e la Batsheva Dance Company (LEGGI ANCHE: LA BATSHEVA DANCE COMPANY DANZA LA SEMPLICITÀ DELLE EMOZIONI).

Ancora un workshop il 4 settembre, condotto da Luca Veggetti, Chen-Wei Lee e Paolo Aralla, nonché una coppia di incontri (il 5 settembre con Domenico Quirico, il 6 settembre con Franco Cardini), per poi giungere in serata alla messinscena tutta italiana, rispettivamente, de L’ultima madre di Carla Rizzu e di Casual bystanders di Salvo Lombardo. Anche il 7 settembre vede lo svolgersi di un incontro pomeridiano, quello con David Bellatalla, seguito da Opus 14 di Kader Attou, pièce realizzata con CCN de la Rochelle e Compagnie Accrorap.

La giornata dell’8 settembre si apre col workshop condotto dai danzatori di Abraham.In.Motion, a cui segue l’incontro con Andrea Segre e, infine, l’appuntamento performativo con la Compagnia Zappalà Danza, in scena con Instrument 1, scoprire l’invisibile. Il programma del 9 settembre, invece, si articola di ben più numerose attività e performance: dapprima l’incontro con Yvonne Schimdt, Abid Hussain e Alessandro Pontremoli; subito dopo la performance Block di Kevin Finnan insieme a NoFit State e Motionhouse (replicata anche nel pomeriggio); infine, giungendo verso la fascia serale, l’incontro con Gad Lerner e lo spettacolo Pavement di Kyle Abraham e l’A.I.M Abraham.In.Motion.

Sabato 10 settembre propone un’ulteriore ricca scaletta di appuntamenti: l’incontro con Stine Nielsen, Tanja Erhart, Veera Suvalo Grimberg e Susanne Schneider; il #unlimited workshop condotto dagli insegnanti e coreografi della rete italiana #unlimited e replicato l’indomani; il workshop e masterclass condotto dai danzatori del Ballet National de Marseille; l’incontro con Philippe Verrièle e Laurent Paillier; e infine lo spettacolo di danza butō UTT di Kuro Murobushi e la compianta Carlotta Ikeda con la compagnia francese Ariadone.

A conclusione del Festival, domenica 11 settembre, La Carta di Rovereto, “una proposta per la realizzazione di un censimento sulle realtà regionali e nazionali che lavorano a programmi e progetti di formazione e di creazione artistica coreutica con persone disabili” (orienteoccidente.it); a seguire Trio  di Aloun Marchal e, dulcis in fundo, il doppio appuntamento performativo targato Emio Greco | Pieter C. Scholten: Two e Bolero, eseguiti dal Ballet National de Marseille.

 

ORARI & INFO

30 agosto – 11 settembre

Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto (Mart) – Corso Bettini, 43 – Rovereto (TN)

Teatro Zandonai – Corso Bettini, 82 – Rovereto (TN)

Via delle Fosse – Rovereto (TN)

CID – Centro Internazionale della Danza – Corso Rosmini, 58 – Rovereto (TN)

Centro Storico – Rovereto (TN)

Urban Center – Corso Rosmini, 58 – Rovereto (TN)

Palestra “Ai Giardini” – Via San Giovanni Bosco, 45 – Rovereto (TN)

Tel: +39 0464 431660 (Biglietteria Oriente Occidente Festival 2016)

www.orienteoccidente.it

 

Marco Argentina

www.giornaledelladanza.com

Compagnia Zappalà Danza / Instrumental 1, scoprire l’invisibile © Serena Nicoletti

Kevin Finnan, NoFit State, Motionhouse / Block © Dan Tucker

Check Also

Birmingham Royal Ballet

Il Birmingham Royal Ballet a New York per il “Fall for Dance Festival”

Su invito di Hannah Young, Viceconsole Generale del Consolato Britannico a New York, il 5 ...

Nuovo Balletto di Toscana “The red shoes”di Philippe Kratz

Debutta in prima assoluta al Teatro Sociale di Trento il 19 ottobre alle ore 20.30. ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi