Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Gala des étoiles, scintillio di stelle della danza internazionale al Teatro alla Scala

Gala des étoiles, scintillio di stelle della danza internazionale al Teatro alla Scala

Roberto Bolle e Polina Semionova

Gli applausi e le ovazioni hanno risuonato al Teatro alla Scala di Milano per il Gala des Étoiles dedicato alla chiusura di Expo, mostrando in toto l’altissimo livello artistico e accademico delle eccellenze nazionali e internazionali della Danza.

Grandi stelle giunte dai più importanti e prestigiosi teatri d’Europa per una sequela inebriante di virtuosismi. Dall’acclamata superstar Roberto Bolle sempre pronto a rimettersi in gioco nel sperimentare nuovi e suggestivi linguaggi alle altre due elettive étoiles scaligere Svetlana Zakharova e Massimo Murru, accanto ad artisti/ospiti notevolmente amati dal Teatro milanese come Alina Somova, Lucia Lacarra, Polina Semionova, Maria Eichwald, Leonid Sarafanov e Ivan Vasiliev fino ai “debuttanti” sul palcoscenico del Piermarini del calibro di Melissa Hamilton (first soloist del Royal Ballet), Marlon Dino (principal del Bayerische Staatsoper), Maria Vinogradova (leading soloist del Balletto del Teatro Bol’soj) ma anche i primi ballerini scaligeri Claudio Coviello, Mick Zeni e Nicoletta Manni.

Una serata non propriamente formata da sole étoile, nel termine stretto della soirée, ma sicuramente all’altezza delle aspettative in un programma dove la tecnica, la pulizia, l’eleganza, il rigore, l’eclettismo e la grazia hanno conquistato il pubblico spaziando dall’apoteosi dei passi a due quali il Don Chisciotte, Grand Pas Classique, Il Corsaro ad assoli di intenso pathos e commozione come La morte del cigno, La rose malade e Spartacus affiancati a pezzi di respiro narrativo estratti da L’histoire de Manon, Romeo e Giulietta, Carmen per giungere a una sperimentazione di stampo moderno sul dizionario della danza come Prototype, i Three Preludes e Light Rain. Una carrellata di altisonanti nomi e leggende della coreografia, entrati di diritto nella Storia della danza e del balletto: Roland Petit, Marius Petipa, Michail Fokine, Kenneth MacMillan, Victor Gsovskij e Yuri Grigorovich accanto a maestri della misura di Ben Stevenson, Gerald Arpino.

Una serata costellata da rafforzative conferme e gioiose scoperte nel pieno rispetto dei canoni stilistici, con il pregio di lasciare i divismi delle étoiles in scena ai margini, per glorificare solo la danza con il suo sviluppo completo. I salti, i giri e le elevazioni di Ivan Vassiliev, ritrovato in splendida forma hanno infiammato il pubblico; era dai tempi di Maximiliano Guerra che non si assisteva a una potenza tecnica di tale portata. La presenza virtuosa e sempre rassicurante di Leonid Sarafanov. La perfezione delle norme che regolano l’esercizio coreico di Svetlana Zakharova. Entusiasmante l’essenza e la pulizia di Lucia Lacarra, l’esaltazione cattedratica di Polina Semionova, Alina Somova, Maria Eichwald e Maria Vinogradova le quali indistintamente hanno saputo infondere maestrìa, misura e assoluta padronanza associata a sicurezza in esecuzioni da manuale e a mio avviso irrinunciabili in ogni Gran Gala internazionale che si rispetti.

Un unico appunto, si potevano valorizzare meglio, con altre scelte peculiari i primi ballerini milanesi. Come è giusto che sia, esultanza da stadio per il fuoriclasse Roberto Bolle e per l’“interprete della danza” Massimo Murru, a loro due un grande plauso per le meritevoli attuazioni sempre atte all’osservanza del rigore.

Il meglio del meglio anche sul versante delle musiche, da Rachmaninov a Bizet, da Massenet a Mahler, da Auber a Saint-Saens, da Minkus Prokof’ev fino a giungere a Ponchielli eseguite dall’impeccabile Orchestra del Teatro alla Scala diretta dal sapiente direttore sir David Coleman.

Un défilè di grazia, etereità, espressività, immortalità, fouetté compiuti con incredibile facilità, maneges incatenati da una naturalezza sorprendente, spettacolari pirouettes…

Pubblico delle grandi occasioni, una sorta di preinaugurazione di Sant’Ambrogio, internazionale e cosmopolita; presenti celebri personalità del balletto a conferma dell’eccezionalità della serata trasmessa in diretta da Rai 5, una tra tutte l’étoile Carla Fracci accompagnata dal marito Beppe Menegatti, la quale ha ricevuto al suo ingresso una standing ovation in omaggio al suo inalterato mito.

Dal parterre, passando ai palchi fino alle gallerie e loggione, il pubblico ha ammirato e stimato l’emozionante sfilata “in movimento”, sottolineando il tutto con una generosa e calorosa manifestazione di consenso, accompagnata da battimani ed esclamazioni di lode, anche a scena aperta.

Una carrellata che ha visto trionfare la nobile arte della danza grazie alle eccellenze in palcoscenico, le quali hanno infuso pathos, sentimento ed emozioni ricamando minuziosamente un affresco di rara bellezza, tenendo ben vivo lo charme inalterato degli antichi fasti, il tutto suggellato da un superbo finale sul Galop della Danza delle ore.

Tra tutte le arti, Tersicore ha emesso la sua luce vivida e cangiante, incarnando l’icona assoluta nell’abbraccio ideale con i giovani talenti ed étoiles del domani.

 

 

Michele Olivieri

www.giornaledelladanza.com

Foto di Marco Brescia e Rudy Amisano

VIDEO DEL DIETRO LE QUINTE DEL “Gala des étoile” TEATRO ALLA SCALA  PER EXPO 2015

Immagine anteprima YouTube

Check Also

L’esclusiva “A new in-Between Project” di Dimitris Papaioannou a Torinodanza 2020

Un nuovo e importante evento si aggiunge al programma di Torinodanza Festival 2020 e di ...

Al Festival di Puccini la Compagnia Nazionale di Danza Storica incontra la grande opera

La Compagnia Nazionale di Danza Storica, diretta da Nino Graziano Luca, non si è mai fermata nemmeno durante ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi